Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Discussione sulla firma | Dove dovrebbero andare i confini per le parole?

I confini del discorso sono cambiati con i social media. Non è solo positivo per la libertà di espressione.

Sospensione

22 luglio. un giorno nero. 77 persone hanno perso la vita. Otto dei morti nella bomba sono esplosi nel distretto governativo. A Utøya hanno perso la vita 69 persone. 32 di loro avevano meno di 18 anni. Un orribile attacco terroristico da parte di un estremista di destra. Molte vite sono state distrutte quel giorno. La Norvegia stava cambiando. L’attacco terroristico è stato un attacco al partito laburista, all’AUF e alla politica che difendevano, ma anche alla democrazia norvegese.

Negli anni successivi L’attacco terroristico ha esposto i sopravvissuti all’incitamento e alle molestie nella sfera pubblica. Afferma che l’AUF e il partito laburista non dovrebbero “tirare la carta Utøya” o “22. La carta di luglio” è arrivata molto rapidamente, ha scritto il caporedattore di Trønderdebatt Snorre Valen nel libro recentemente pubblicato “Utøyakortet”. l’ex leader dell’AUF, Eskil Pedersen, è stato accusato di voler limitare la libertà di parola, perché ha chiesto alle persone che hanno partecipato al dibattito pubblico di assumersi la “responsabilità di espressione”: la responsabilità dell’argomento che si fa e di come ci si formula.

il diritto di Negli ultimi anni, molestie, molestie e insulti hanno avuto un ruolo importante nel dibattito sulla libertà di espressione. Si dice che dovremmo tollerare le critiche. Ma quando il diritto degli adulti di incitare gli altri – gruppi o individui – è stato un’importante lotta per la libertà di espressione?

READ  Il comune acquista un edificio storico a Istanbul e promette di creare spazi culturali

In questo momento C’è un dibattito sull’Autorità per la libertà di espressione. Dove dovrebbero andare i limiti a ciò che si deve tollerare nel parlare nello spazio pubblico. Se chi deciderà dove devono essere fissati i confini. Le testate editoriali dovrebbero essere lanciate per tutti, perché le persone possono scrivere quello che vogliono sui social? È possibile consentire ai gruppi di minoranza di determinare cosa li sta violando o è diritto del gruppo di maggioranza esprimere ciò che vogliono che ponga i limiti?

polemica su La libertà di espressione dovrebbe essere divisa in due parti, una delle quali riguarda lo spazio giuridico della libertà di espressione, e l’altra che si occupa di consuetudini puramente popolari. È molto facile convincere chiunque voglia un dibattito decente di voler limitare la libertà di espressione, come è successo con Eskil Pedersen nel 2011.

mezzo sociale Ho spostato i limiti del discorso. È difficile credere a ciò che gli adulti scrivono con il loro nome completo e la foto di Facebook. I giornali e gli individui a volte finiscono per rimuovere i post dalle loro pagine Facebook, perché diventano semplici secchi di molestie umane. Sebbene i commenti nel campo Commenti possano rientrare in ciò che è legale, ciò non significa che contribuiscano a una discussione pubblica decente. Ciò che accade allora è una restrizione della libertà di espressione, non un’estensione.

Nella scrittura Aftenposten Elin L’Estrange, sopravvissuta a Utøya, a proposito della difficile controversia dopo il 22 luglio, e che ha dovuto affrontare una richiesta da parte di importanti rappresentanti nel dibattito pubblico per calmarsi. È una contraddizione mettere a tacere l’AUF, ma allo stesso tempo dare più spazio al dibattito alle opinioni estreme.

READ  L'orso è un colpo? - rbnett.no

rapporto da L’Autorità norvegese per i media questa primavera è interessante. Mostra che il 10% ha subito molestie online. Molestie, incitamenti e molestie hanno portato le persone a scegliere di moderare o consentire a Vera di partecipare alle discussioni. L’aggressività verbale e il comportamento conflittuale potrebbero teoricamente rientrare nella legge della parola, ma non è lo stesso che sia accettabile esprimersi in questo modo.

ama le persone Risponde rapidamente ed è accusato di essere “facilmente offeso”. La parola è persino entrata nel mandato del Comitato per la libertà di espressione: “Si può sostenere che l’eccessiva gentilezza va contro la logica centrale della libertà di parola e che sfida la libertà di parola se è la persona più offesa che dovrebbe stabilire il quadro per dibattito pubblico». Il più vulnerabile?

Sai “isteria violenta” Non c’è un quadro sorprendente per la libertà di espressione. Tutto, dai politici sindaci, ai giovani politici, agli artisti, ai samaritani, alle lesbiche e agli insegnanti, arriva al limite che gli altri elevano a ciò che devono sopportare nella sfera sociale e pubblica. I social media, la crescita e i blog non funzionano con il poster o il poster editoriale di Ver varsam. Queste dichiarazioni non sono filtrate nei social media, mettono sotto pressione i tradizionali media controllati dagli editori e creano aspettative su ciò che verrà pubblicato sui giornali.

Nel settore dei media ha Per diversi anni ho discusso su cosa pubblicare e cosa non pubblicare. I post che in precedenza avrebbero potuto essere inviati direttamente al cestino possono avere uno spazio colonna, con l’impressione che “dovremmo mostrare le situazioni esistenti”. o “Meglio se lo pubblico, che pubblicarlo semplicemente su Facebook”. Se vogliamo combattere la retorica estremista, dobbiamo mostrarla, contestualizzarla e avere il nostro motto.

READ  Lily Country Club - il tuo country club

Penso che l’editor lo controlli Il broker è più importante che mai. A meno che non abbia alzato la bandiera della decenza nel dibattito pubblico.