Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Dobbiamo assolutamente evitare di cadere nei terroristi – VG

BRUXELLES (VG) Il ministro della Giustizia, Monica Meland, ha affermato che i paesi dell’UE sono uniti dietro un piano per arginare il potenziale afflusso di rifugiati dall’Afghanistan. Ora vuoi usare “eye-scan” per controllare meglio chi entra nel paese.

Inserito:

I paesi dell’Unione Europea sono più interessati alla sicurezza che a qualsiasi altra cosa. La Norvegia sostiene la necessità di utilizzare tutti gli strumenti per impedire ai terroristi di attraversare il confine, afferma il ministro della Giustizia di VG.

Martedì è stata convocata d’urgenza a Bruxelles per un incontro dell’Unione europea con i ministri degli interni di tutti i 27 Paesi, sul tema della situazione in Afghanistan e su come fermare il possibile nuovo afflusso di profughi.

la mia conoscenza: Il ministro della Giustizia convocato alla riunione Ue: – Dobbiamo prevenire un nuovo afflusso di profughi in Europa

VG ha accompagnato il ministro della Giustizia in una gita di un giorno nella capitale dell’Unione europea.

Poco prima di salire sull’aereo per tornare a casa dopo una lunga giornata, Mailand racconta un incontro di successo con il mio Ministero degli Interni. Ha promesso che i paesi Schengen e l’Unione europea si uniranno per mantenere la loro sicurezza.

Maggiore sicurezza: sarà più difficile per i rifugiati attraversare i confini ed entrare nei paesi europei. Qui in conversazione con il giornalista VG Harald Berg Sævereid.

Il ministro della Giustizia rivela che uno degli strumenti che ora verranno utilizzati di frequente è la cosiddetta biometria, o “scansione oculare”.

READ  Bryce Hall va alla competizione a squadre - VG

Fornisce un controllo più preciso sulla validità dei documenti. E questo per poterci rassicurare che quelli che vengono sono quelli che fingono di esserlo, e in questo modo sappiamo chi portare nel nostro Paese, spiega e aggiunge:

– Dobbiamo assolutamente evitare di cadere nei terroristi. E dobbiamo ricordare che basta una persona per creare un attacco terroristico.

Aiuterai le persone dove vivono

Prima della riunione dell’UE, Mæland ha espresso incertezza Su quello che verrà fuori dall’incontro.

– Cosa stai dicendo adesso?

– C’è grande preoccupazione nell’Unione europea per la situazione in Afghanistan, e c’è un’incertezza simile per quanto riguarda i talebani e come sarà il futuro del paese, inizia Milland.

Ha spiegato che l’Unione europea è particolarmente interessata a prevenire il flusso di rifugiati fuori dal paese aiutando gli afgani in Afghanistan e nei paesi vicini.

– Devono impedire con tutti i mezzi che stanno lavando l’ondata migratoria in tutta Europa, come è successo nel 2015, afferma il ministro della Giustizia.

E nel comunicato ufficiale dell’Unione europea, pubblicato poco dopo l’incontro, il sindacato ha annunciato di voler ora rafforzare la cooperazione con i paesi terzi. Allo stesso tempo, promettono che lavoreranno con le Nazioni Unite e gli attori internazionali per garantire la sicurezza dei rifugiati afghani.

“L’obiettivo dell’Unione europea dovrebbe essere che le persone rimangano vicino a casa”, ha detto il ministro degli Interni tedesco Horst Seehofer all’AFP.

READ  Ha perso più di 170 milioni di corone dopo l'incriminazione - E24

Riferisce alle Nazioni Unite sulla questione dei rifugiati

Mæland crede che il nuovo afflusso di rifugiati servirà prima di tutto ai trafficanti di esseri umani e ai criminali internazionali.

“Senza le rigide misure di sicurezza che l’UE ora supporta, inviteremo le persone in fuga che non hanno diritto alla protezione in base alle norme sull’asilo”, afferma Milland.

– Intende dire che l’Unione europea trasferirà la responsabilità dei rifugiati alle Nazioni Unite?

– L’Unione europea vuole assumersi la responsabilità, ma l’Unione europea è anche molto chiara sul fatto che anche altri paesi hanno la responsabilità. Pertanto, si riferisce alle Nazioni Unite come un partner molto naturale in termini di sforzi umanitari in Afghanistan, risponde e aggiunge:

– Ma l’Unione Europea è pronta a dare il suo contributo, e anche noi dalla parte norvegese.

Quindi l’UE non avallerebbe una quota comune per i rifugiati, che potrebbe poi essere distribuita agli Stati membri.

Sarebbe invece una soluzione simile a quella che l’Unione Europea ha raggiunto con la Turchia per quanto riguarda la crisi dei rifugiati nel 2015. La Turchia ha poi ricevuto miliardi di aiuti per sponsorizzare un afflusso di rifugiati dalla vicina Siria, ha scritto NTB.