Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Dobbiamo trovare dei pacchetti di supporto – E24

L’Agenzia internazionale per l’energia ha avvertito di una ripresa dei combustibili fossili dopo la pandemia e il Segretario generale delle Nazioni Unite ha invitato tutti i paesi a sbarazzarsi della “dipendenza dal carbone”. Ma la produzione del cambiamento climatico è in aumento.

Il carbone è lungi dal valere il suo peso in oro, ma rispetto all’anno scorso, oggi devi pagare il sangue per la materia prima.

Inserito:

La domanda, il prezzo e la produzione di carbone sono aumentati notevolmente nell’ultimo anno. Il prezzo di una tonnellata di carbone australiano di Newcastle, lo standard per gran parte del mercato asiatico, è più che triplicato nell’ultimo anno.

L’indice di Newcastle (NEWC) è passato da un minimo di 46 dollari a settembre dello scorso anno a 170 dollari per tonnellata.

Questo è il prezzo più alto per il carbone in più di un decennio.

Parallelamente, i prezzi del petrolio e del gas sono aumentati notevolmente nell’ultimo anno, nonostante il calo del prezzo del petrolio nelle ultime settimane. Per il mercato del gas, quest’estate si sono registrati prezzi record.

Sigbjørn Seland, capo analista di Stormgeo Nena.

La rapida crescita della Cina fa salire i prezzi

Ciò che probabilmente sta facendo aumentare il prezzo del carbone è che il consumo di elettricità sta crescendo in modo esponenziale in Cina. È abbastanza fenomenale e finora quest’anno la crescita della produzione di energia termica corrisponde a tutto il consumo energetico della Germania in un anno, afferma Sigbjørn Seland, analista senior presso Stormgeo Nena (analisi energetica nordica).

Sottolinea che più della metà della produzione di energia è energia dal carbone.

Nel complesso, c’è anche un mercato delle materie prime in surriscaldamento e forti aumenti dei prezzi su tutta la linea, e il carbone fa parte di questo quadro, afferma Sealand.

L’analista capo non prevede un calo dei prezzi del carbone nel prossimo futuro.

– Non c’è motivo di aspettarselo. Direi che è probabile che l’aumento dei prezzi continui. Sealand dice che c’è un tetto, ma il prezzo del carbone è stato molto più alto in passato, quindi non c’è dubbio che potrebbe salire un po’ di più.

Se non fosse stato per la crescita in Cina, avresti potuto vedere qualcosa di simile a prezzi più alti del carbone, afferma l’analista senior Sigbjørn Seland di Nordisk Energeanalyse. Foto dalla provincia di Anhui, Cina.

Storico aumento delle emissioni di anidride carbonica

Già nell’aprile di quest’anno, l’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) ha aderito un report Il che ha affermato che è probabile che il mondo sperimenterà il più grande aumento annuale delle emissioni di CO2 di tutti i tempi nel 2021.

L’aumento della domanda di carbone nella produzione di elettricità è stato citato come il fattore critico.

Il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia, Fatih Birol, è arrivato allo stesso tempo con un chiaro avvertimento alle economie mondiali:

– Birol ha affermato nel rapporto che la ripresa economica dopo la crisi del virus non è attualmente sostenibile per il clima.

Da allora, la domanda di carbone è salita alle stelle e ci sono pochi segni di un calo della produzione.

In attesa di riempire le scorte di carbone

La US Energy Information Agency (EIA) sta aspettando Aumentare la produzione di carboneSi ritiene che la necessità sia così grande che le scorte siano notevolmente esaurite.

Stanno vedendo un aumento del 13% della produzione per il 2021 rispetto allo scorso anno.

C’è un cattivo beneficio climatico sulla scia di un sensazionale rapporto sul clima, in cui il Comitato per il clima delle Nazioni Unite ha concluso che potremmo già vedere 1,5 gradi nel 2030.

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha affermato in precedenza che “L’eliminazione graduale del carbone dal settore elettrico come passo più importante verso il raggiungimento dell’obiettivo di 1,5 gradiHa incoraggiato tutti i paesi ad abbandonare i loro progetti di carbone pianificati.

È importante non investire di più nell’energia fossile

Il rally del carbone non è inaspettato, ma è certamente preoccupante, afferma Thena Saltvedt, analista senior per la finanza sostenibile presso Nordea.

Ritiene che ora sia importante adottare misure per contrastare lo sviluppo.

Dobbiamo aiutare dove è più necessario e dove è più importante, afferma Saltvedt.

Thena Saltvedt, capo analista di finanza sostenibile di Nordea, ritiene che ora sarà importante elaborare misure per prevenire la sovrapproduzione di energia fossile. Qui da una discussione sul futuro dell’industria petrolifera durante la Arendal Week.

Sottolinea che sono soprattutto le economie emergenti, come la Cina e l’India, che stanno aumentando drasticamente la produzione di carbone per ottenere una rapida ripresa dell’economia. Saltvedt sottolinea che le alternative rinnovabili non sono ancora competitive qui.

Quando non è competitivo, dovremmo pensare a pacchetti di supporto che spingano i paesi a scegliere le energie rinnovabili.

I pacchetti di sostegno verde, l’aumento dei prezzi dell’anidride carbonica e gli investimenti nelle energie rinnovabili, piuttosto che nell’energia fossile, sottolinea l’economista, sono misure importanti, oltre al fatto che le energie rinnovabili dovrebbero essere disponibili per tutti.

Saltvedt ritiene che sia particolarmente importante evitare investimenti in nuove centrali elettriche a carbone, poiché questo blocca le economie nel carbone per i decenni a venire.

Quando si tratta di ulteriore sviluppo, una cosa è certa.

– Finché continueremo ad aprire le economie, la domanda di energia continuerà ad aumentare, secondo lo stato di Saltvedt.

READ  L'Autorità norvegese per le indagini sugli incidenti in merito all'incidente aereo in Svezia: