Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

“Don Giovanni” al Kilden Theatre and Concert Hall – recensioni e consigli

Il capolavoro di Mozart Don Giovanni è stato costantemente dibattuto sin dalla sua prima presentazione a Praga nell’autunno del 1787.

Uomini illuminati e profondi come Kierkegaard, Nietzsche, Camus e Adorno discutono molte cose al riguardo, ma sembrano essere d’accordo su quanto segue: Don Giovanni è qualcosa di più del solito gonnellino e fionda.

Perché anche se a volte viene depredato e ucciso, c’è qualcosa di ammirevole nel condurre la vita a pieno ritmo, con il massimo desiderio, senza pensare alle conseguenze.

Quando finalmente a Don Giovanni fu data la possibilità di scegliere tra pentirsi del suo stile di vita peccaminoso o essere divorato dalle fiamme dell’Inferno, scelse quest’ultimo senza esitazione.

I suoi avversari, guidati da una vendicativa Donna Anna, vengono lasciati nella scena finale come ombre a se stesse.

Interfacce senza contenuto

Il problema con l’opera teatrale Don Giovanni in Kristiansand della Kilden Opera è che il regista John Ramster non mostra alcun interesse apparente per nessuno dei personaggi sul palco, specialmente non per l’eroe stesso.

È diventato uno spettacolo che apparentemente non vuole altro che apparire moderno e “nuovo”.

Nel primo capitolo vengono utilizzati trucchi guida familiari, senza creare un ambiente chiaro o una narrativa chiara.

Creativo: i costumi di Bridget Kimmack elevano la sua prima recitazione.

Foto: Giovanni che legge

La scenografia di Bridget Kimak è tipicamente dominata da facciate prive di contenuto e la scena che gira più o meno senza sosta.

Allo stesso tempo, ci sono molte qualità teatrali qui. I costumi di Kimak nella scena del ballo in maschera sono divertenti e creativi. Molte scene sono piuttosto divertenti, in particolare quella con Leporello, il compagno comico di Don Giovanni.

grande cattura

Anche le prestazioni migliorano significativamente nel secondo trimestre. Il fantasma del Comandante alla fine inizia a vagare, aggiungendo un tanto atteso elemento di oscurità e mistero allo spettacolo.

La grande resa dei conti del capitano con Don Giovanni fa venire i brividi, non da ultimo grazie al fragoroso basso di Young Doo Park.

Dalla prima di Don Giovanni alla Kilden Opera 2022.

Magic Plus: Don Giovanni (Nicholas Lister, sdraiato), The Leader (Young Do Garden, dieci) e Liborello (Andre Bjorn Robertson).

Foto: Giovanni Lettura

Ma anche questa scena non riesce a sfuggire al problema centrale dello spettacolo: non riesce a creare alcun fascino per il personaggio di Don Giovanni. Finisce per essere un mago piuttosto carino crescendo.

Non molto kierkegaardiano, per così dire.

Variando da un forte gruppo solista

Per quanto riguarda i solisti, la performance presenta un forte mix di cantanti norvegesi e stranieri. Qui c’è molto di buono e qualcosa di un po’ irregolare.

Per iniziare localmente: Ingunn Olsen Høgetveit fa la magia di Zerlina, mentre Brynjar Onsøien di Tromsø lotta periodicamente per raggiungere il bordo del palco come Masetto.

L’australiano Nicholas Lister, d’altra parte, è un baritono bonario, ma sfortunatamente non è nemmeno in grado di elevare il carattere di Don Giovanni da solo al di sopra di un po’ noioso.

D’altra parte, Andri Björn Róbertsson ha un buon tempismo comico e tutto ciò che fa Leporello è avvincente.

Stelle norvegesi deludenti

Quando sono salito sull’aereo per Kristiansand questo fine settimana, non vedevo l’ora di sentire il soprano Marie Ericksmoen nei panni di Donna Anna.

Il soprano Mari Eriksmoen, dalla prima di Don Giovanni alla Kilden Opera 2022.

Star Sobran: Marie Erickmoen non è così convincente come Donna Anna.

Foto: Giovanni Lettura

Eriksmoen ha già ottenuto riconoscimenti internazionali per il ruolo della contadina Zerlina in quest’opera. Ora gioca con il soprano più esigente e drammatico di Mozart: la nobile Donna Anna, controparte drammatica di Don Giovanni.

Non sono convinto.

Certo, la grande scena solista di Donna Anna nel secondo atto è stupenda, con uno zelo commovente nel movimento di apertura e il controllo completo sulle incredibili mosse vocali nel secondo movimento.

D’altra parte, le intense esplosioni emotive nel primo trimestre mancano di nervi e umore drammatico. La voce di Ericksmoen è diventata più calda e piena, ma al momento gli manca l’elemento di forza e “taglio” per ricoprire questo ruolo impegnativo.

Né il tenore Magnus Staffland è al suo solito massimo questa sera a Kilden. I due toni di Don Ottavio sono legati nell’espressività, mancano di eleganza e finezza nel registro acuto.

Da

Sotto PAR: Il tenore Magnus Staveland nei panni di Don Ottavio non ha dato il punteggio più alto durante la prima. A sinistra, Marie Erickmoen nel ruolo di Donna Anna.

Foto: Giovanni Lettura

Radiosa Donna Elvira

La performance vocale più eccezionale della performance è stata fornita dal giovane soprano ispano-britannico Alexandra Lowe nei panni di Donna Elvira. Lowe ha una grande voce e alterna facilmente e in modo convincente tra rabbia, emozione e disperazione.

I meridionali dovrebbero conoscere gli orari della loro visita, perché questa signora sarà ricercata.

Inoltre, anche molti dei bellissimi ensemble vocali dell’opera sono fantastici, che vengono costantemente cantati con perfetto equilibrio e precisione.

I soprani Alexandra Lowe nel ruolo di Donna Elvira, dalla prima di Don Giovanni alla Kilden Opera 2022.

Brillante: i soprani Alexandra Lowe nel ruolo di Donna Elvira.

Foto: Giovanni Lettura

Il quartetto del primo capitolo è la prima volta questa sera che la poesia è giunta al termine.

Il piccolo trio insopportabilmente bello nel finale del primo capitolo con Donna Anna, Donna Elvira e Don Ottavio rappresenta l’arte vocale per un marchio raro.

Qui, anche i musicisti riceveranno la loro parte dovuta del merito. La Kristiansand Symphony Orchestra è fondamentalmente un piacere da ascoltare sotto la direzione dell’estone Risto Jost.

Certo, i tendini a volte possono essere un po’ acidi. Ma i legni colorano brillantemente i numerosi numeri vocali.

E la scena in cui si confronta il comandante Don Giovanni, come detto prima, è meravigliosa. Qui, cantanti e orchestre mostrano quanto l’opera possa essere travolgente quando la musica batte le mani.

Poi è un peccato che il regista non abbia altro per la testa.

Aggiornato il 21 settembre: NRK in seguito ha ricevuto informazioni che Staveland era malato alla premiere, ma ha scelto di esibirsi nonostante i suoi problemi di voce.

READ  Da un patio poco attraente a un'oasi magica: