Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Dove andrà Laith (8) adesso?

Laith Adnan Shabir, otto anni, viveva in una grande casa circondata da alberi da frutto.

Ma quando è iniziata la guerra a Gaza, sono iniziati anche i bombardamenti su Khan Yunis e Laith e la sua famiglia sono fuggiti per la prima volta.

Si sono rifugiati in una scuola, ma le bombe erano così vicine che sono fuggiti in uno stadio della città.

Ma ancora una volta gli attacchi israeliani hanno colpito un’area vicina a loro, così Laith e la sua famiglia sono fuggiti di nuovo.

A gennaio, l’attacco a Khan Yunis si è intensificato e le forze israeliane sono entrate nella città con forze di terra nel tentativo evidente di sconfiggere le forze di Hamas.

Mio padre è andato a cercare un'auto che potesse evacuare la famiglia Rafah, ma l'auto che ha trovato è stata colpita da un attentato e mio padre è rimasto ucciso, racconta Laith a VG.

Poco dopo, la famiglia fu nuovamente colpita duramente:

In un altro attacco missilistico, Laith, suo fratello e sua madre rimasero feriti ma sopravvissero.

“Ho ancora delle schegge nel petto”, dice il bambino di otto anni.

Al-Layth è sopravvissuto. Secondo le autorità sanitarie palestinesi, altri 12.000 bambini sono stati uccisi. Fotografia: Sami Abu Salem, VG

Il corrispondente locale di VG a Gaza lo incontra con sua madre e suo fratello a Rafah, vicino al confine con l'Egitto. Qui sono ora riuniti fino a 1,5 milioni dei 2,2 milioni di abitanti di Gaza.

La maggior parte di loro, come Laith, sono fuggiti dai combattimenti nel nord, sperando che Rafah rimanesse più al sicuro che in qualsiasi altro posto a Gaza.

Ma il problema più grande che la giovane famiglia deve affrontare ora è il prossimo obiettivo dell’esercito israeliano:

READ  Nuova sparatoria a Eskilstuna: minorenne ferito

Un'invasione di terra della città di Rafah, dove si erano rifugiati. La comunità internazionale teme un bagno di sangue se l'operazione militare verrà lanciata.

Un ragazzo e una donna piangono dopo l’attacco israeliano al campo profughi di Rafah giovedì notte di questa settimana. Fotografia: Mohamed Abed/AFP/NTP

Perché nel corso dello scorso gennaio, l’IDF ha acquisito un relativo controllo militare sulla città natale di Laith, Khan Yunis – e ora Benjamin Netanyahu, il primo ministro israeliano, afferma che un’invasione di terra di Rafah è assolutamente necessaria per ottenere “la vittoria totale”.

Quindi questa settimana la famiglia Leith ha fatto una scelta molto difficile:

Decisero di fuggire nuovamente verso nord, verso le zone ancora teatro di guerra.

La speranza è questa Diventare Molto più sicuro lì, Quando iniziò l'invasione di terra di Rafah.

Pertanto, Laith e la sua famiglia hanno lasciato Rafah questa settimana, diretti ad Al-Maghazi, nel centro della Striscia di Gaza. C’è ancora una guerra di terra attiva, ma stanno cogliendo l’opportunità.

Disperazione e paura tra gli sfollati a Rafah. La carenza di cibo è grave. Foto: Fatima Shabir/AP/NTB

Nelle ultime settimane, VG ha incontrato molte persone che hanno preso la difficile decisione di lasciare Rafah.

Poiché VG si trova lungo la strada costiera del Mediterraneo, che collega Rafah ad altre parti della Striscia di Gaza, centinaia di auto, camion e carri trainati da asini si dirigono a nord.

Ogni veicolo è stracolmo di persone e bagagli.

Alcuni dicono che torneranno nelle case da cui sono fuggiti. Altri a parenti, altri non conosciuti.

Lasciando Rafah Fotografia: Sami Abu Salem, VG

– Non sappiamo dove stiamo andando, ma la cosa più importante per noi è lasciare Rafah, dice Muhammad Al-Hubail, seduto su un aereo cargo.

-Siamo scappati molte volte, e ora stiamo scappando di nuovo.

VG segue Mohammed e la sua famiglia 15 chilometri a nord, prima che trovino finalmente quello che stanno cercando: uno spazio libero e aperto di fronte al Mar Mediterraneo.

READ  Madre e figlio assassinati - La Polonia si trasforma: Sospetto ucciso su traghetto

-Questo posto è bello perché è vicino al mare. Il padre di famiglia dice che non bombarderanno la zona vicino al mare.

Nuovo rifugio: si spera che la spiaggia non venga bombardata. Fotografia: Sami Abu Salem

La famiglia scarica tutto ciò che possiede, compresi teli di plastica, vestiti, alcuni serbatoi d'acqua e legna da ardere.

Cominciano a scavare nella sabbia per crearti nuove case.

-Fa freddo qui ma è più sicuro che in città. Quando fa freddo, vestiamo i bambini con più vestiti. Al-Hubail dice: Possiamo fare qualcosa per tenere i bambini al caldo, ma non possiamo fare nulla se un missile ci colpisce.

Gli sfollati fuggono verso nord.Fotografia: Sami Abu Salem

Lungo la strada, VG incontra anche quattro famiglie che viaggiano insieme a nord verso il centro di Gaza.

Sono stipati insieme in un camion affollato e passano due taxi. Sono in totale 34 persone.

Il piano è quello di trasferirsi in un campo di proprietà di un conoscente. Lì installeranno una tenda di plastica e scaveranno una latrina.

Leggi anche: Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ordinato l'invasione militare di Rafah a Gaza. Questa è la posta in gioco per i palestinesi.

Non tutti quelli che scappano guidano.

Lungo la strada arriva una famiglia di quattro persone. Il padre, Mustafa Abdel Jawad, dice che non possono pagare né un'auto né un taxi.

Il loro obiettivo è raggiungere Deir al-Balah nel centro della Striscia di Gaza. Il timore di un’immediata operazione di terra a Rafah mette in ombra tutte le altre opzioni.

– Non so dove andremo a finire, ma per noi l'importante è stare lontani da Rafah, dice.

La famiglia di Fadi Ayyad è in fuga per la quarta volta da ottobre. Fotografia: Sami Abu Salem, VG

Su un carro trainato da un asino, Fadi Ayyad siede con due bambini e sua moglie.

READ  Cavallette: - L'invasione dell'orrore: - Fine del mondo!

Avevano appena lasciato un quartiere di Rafah e si stavano dirigendo verso Al-Mawasi, una piccola area sul Mar Mediterraneo che secondo l'esercito israeliano era completamente sicura.

Ma lì anche dei civili sono rimasti uccisi negli attentati.

La famiglia porta con sé materassi, coperte, un po' di farina di frumento e del cibo in scatola.

– Ho paura dell'imminente operazione di terra a Rafah, ha detto al VG.

-Faccio quello che posso per la nostra sicurezza, ma non importa dove andiamo, la sicurezza non è garantita.

La famiglia è originaria di Gaza City ed è già fuggita quattro volte da ottobre.

“Imballiamo quanto più possibile”, afferma, e spiega il motivo:

-Mi aspetto che scapperemo ancora e ancora.