Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

È accusato di crimini contro l’umanità – ora è probabile che sia presidente – VG

Campagna elettorale: i sostenitori di Ibrahim Raisi hanno portato le foto del candidato presidenziale e hanno sventolato bandiere iraniane durante un evento della campagna elettorale a Teheran questa settimana. Foto: ATTA KENARE / AFP

Ha svolto un ruolo importante quando circa 5.000 prigionieri politici sono stati giustiziati in Iran alla fine degli anni ’80. Ebrahim Raisi, 61 anni, un conservatore intransigente, sarà probabilmente eletto prossimo presidente dell’Iran venerdì.

Inserito:

Sebbene il presidente dell’Iran non sia il leader supremo del Paese, una possibile elezione presidenziale è una cattiva notizia per coloro che vogliono riforme nel Paese.

Con Raisi come presidente, il cambiamento democratico in Iran si fermerà.

La giornalista e scrittrice iraniano-canadese Nezaila Fathi, ex corrispondente iraniana del New York Times ed ora affiliata al think tank The Middle East Institute, ha detto a VG.

commissione di morte

Per decenni Raisi ha svolto un ruolo di primo piano nel sopprimere coloro che cercavano un cambiamento dal governo clericale e dall’élite religiosa del paese.

È successo anche quando si è seduto nel cosiddetto “comitato della morte” di quattro uomini che hanno deciso nel 1988 di giustiziare circa 5.000 membri dell’opposizione. Per questo è stato accusato di crimini contro l’umanità.

Preferito: Ebrahim Raisi è destinato a diventare il prossimo presidente dell’Iran. Foto: Vahid Salemi / AP

Negli ultimi due anni, ha fatto la sua parte nel bloccare le riforme come giudice supremo dell’Iran.

– Le riforme non sono supportate. È dalla parte dei conservatori. Per coloro che desiderano un cambiamento verso una vita che ricordi più quello che abbiamo in Occidente, questa è una cattiva notizia, afferma il ricercatore senior presso l’Istituto norvegese per la politica estera (NUPI), ambasciatore di Ludgaard presso VG.

– Probabilmente dovremmo aspettarci un inasprimento, rispetto all’attuale governo, aggiunge l’esperto iraniano.

repressione severa

Durante il periodo in cui Raisi era capo della magistratura, la repressione delle figure dell’opposizione in Iran si è intensificata. Lo stesso vale per le violazioni dei diritti umani, secondo il Center for Human Rights in Iran (CHRI) con sede a New York.

Esecuzioni: immagini come questa dall’Iran sono state viste più e più volte. Questa foto ha 14 anni, ma nel Paese viene ancora spesso inflitta la pena di morte. Foto: AFP

Fathi ha affermato di essere responsabile dell’imprigionamento e dell’esecuzione di dissidenti e manifestanti.

Tra l’altro, Raisi ha disposto la condanna a morte di un uomo per aver bevuto alcolici. Qualcosa che non accadeva da decenni.

Il professor Gary Sick, della Columbia University di New York, era un ex consigliere della Casa Bianca responsabile dei paesi che circondano il Golfo Persico. Conosce bene l’Iran e dice a VG che bisogna vedere il passato oscuro di Raisi alla luce del sistema in cui opera.

Non possiamo dimenticare che le sue azioni sono sempre state il risultato del suo seguire ordini superiori nel sistema. Pertanto, credo che le sue azioni come presidente riguarderanno più i desideri del Leader Supremo (Journal of Ayatollah Ali Khamenei.), che il suo passato.

READ  Città del Messico, metropolitana | 23 persone sono morte e molte sono rimaste ferite in un incidente in metropolitana a Città del Messico

Esperto: Nazila Fathi conosce bene l’Iran. Ha lavorato lì come giornalista per quasi due decenni, prima di essere costretta a lasciare il paese a causa delle minacce delle autorità. Foto: Istituto del Medio Oriente

filtro di sistema

Venerdì gli iraniani si recano alle urne. Tutte le indicazioni puntano a elezioni importanti.

Questo accade dopo che il cosiddetto Consiglio dei Guardiani del Paese ha approvato solo sette dei circa 600 candidati che volevano candidarsi alle elezioni (due dei quali si sono ritirati giovedì). Nessuno di quelli approvati dal potente consiglio sono riformisti di rilievo o alleati dell’attuale presidente, il relativamente moderato Hassan Rouhani.

– Che Raisi fosse l’unico con una base di sostenitori approvati per candidarsi alle elezioni, il che indica che il regime non ha accettato alcun rischio di non eleggere il suo “candidato” questa volta, ritiene Nazila Fathi.

Nel 2017, sembra che Raisi abbia perso le elezioni contro Rouhani. Il popolo iraniano ha preferito il candidato moderato a quello molto conservatore.

– Questa volta, penso che ci sia ancora molta strada da fare prima che il Consiglio dei Guardiani nomini il presidente. L’ambasciatore di Ludgard dice che non era così chiaro come una volta.

Ricercatore NUPI: L’ambasciatore di Ludgaard è uno dei più famosi esperti norvegesi in Iran. Foto: Terry Bringdahl

Un passo verso l’alto

Molti credono che vincere le elezioni presidenziali sia un passo verso il vero trono del potere per un presidente. Questa è la posizione del “Comandante Supremo”. Un ruolo che l’ayatollah Ali Khamenei, 82 anni, ricopre dal 1989.

READ  Vladimir Putin: - La vecchia foto attira l'attenzione

– Il Consiglio dei Guardiani sembra favorire una bassa partecipazione per garantire una vittoria importante. Fathi spiega che questo è dovuto al fatto che Khamenei e il regime stanno pianificando chi assumerà la posizione di leader supremo.

Supportato dal professor Gary Seck.

– Lo stesso Khamenei era un religioso che è stato eletto presidente prima di assumere la sua attuale posizione. Non è escluso che voglia un percorso uniforme verso l’alto per il mio capo. E poiché il capo supremo è praticamente eletto da un comitato, può essere utile poter affermare che Raisi ha dimostrato la capacità di raccogliere consensi a livello nazionale, anche se è successo in un’elezione apparentemente manomessa, dice il professore. .

Esperto: Gary Sick era un membro del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti sotto i presidenti Gerald Ford e Jimmy Carter. È stato consigliere della Casa Bianca per l’area intorno al Golfo Persico durante la Rivoluzione iraniana e la crisi degli ostaggi in Iran. Foto: privato

Il Leader Supremo è il capo di stato, leader religioso e comandante in capo delle forze armate iraniane. Controlla la magistratura, la difesa, la sicurezza, l’intelligence e i media.

Il presidente è il capo del governo e ha il potere esecutivo supremo, ma non controlla l’esercito, per esempio.

avere un significato

L’ambasciatore Ludgaard spiega che il regime iraniano è unico in quanto ci sono diversi centri di potere che tirano le corde tra di loro: il leader supremo, il presidente, l’Assemblea nazionale, il Consiglio dei guardiani e non ultimi i Guardiani della rivoluzione.

– In qualche modo si controllano a vicenda. Ciò significa che c’è poco spazio di manovra per il presidente. Altri pongono limiti a ciò che può fare.

La cosa più importante è la riduzione delle sanzioni

La conclusione dell’accordo sul nucleare da cui Donald Trump ha ritirato gli Stati Uniti, ma che Joe Biden vuole rinegoziare, sarà importante a prescindere da chi sia il presidente.

Ciò potrebbe portare alla riduzione delle sanzioni, che è considerata la cosa più importante per il futuro dell’Iran.

Gli iraniani hanno sofferto molto per la pandemia di coronavirus, l’isolamento globale, le sanzioni statunitensi e l’inflazione vertiginosa. Quindi l’umore tra gli elettori sembra apatico. La grande e vibrante capitale, Teheran, è stata stranamente tranquilla durante l’ultima parte della campagna elettorale.

L’NTB ha scritto che le grandi folle impegnate viste durante le precedenti elezioni erano assenti.

Leader supremo: l’ayatollah Ali Khamenei è l’uomo più potente dell’Iran. Foto: DISPENSA UFFICIO LEADER / UFFICIO LEADER

Boicottare le elezioni

Pochi iraniani credono che le elezioni cambieranno il senso della crisi. Non hanno fiducia che il nuovo governo migliorerà le loro vite. Molti ritengono che le elezioni siano già state decise e dicono che intendono boicottarle.

Sverre Lodgaard pensa che potrebbe essere una preoccupazione per il sistema se dovesse finire con un’affluenza sorprendentemente bassa. Nadila Fathi crede che questo sia un prezzo che il regime è disposto a pagare per eleggere il suo candidato.

– Hanno già consolidato il loro potere in Parlamento. Ora il loro controllo sul potere complessivo è ancora più forte. Dice che continueranno a reprimere chiunque esprima opinioni dissenzienti.

Insoddisfatto: a Masoumeh Iftikhari non piace nessuno dei candidati presidenziali. Foto: Vahid Salemi / AP

Per le strade di Teheran, l’agenzia di stampa AP incontra alcuni di coloro che hanno perso fiducia nelle elezioni.

– Ho seguito il dibattito presidenziale, ma non ho potuto vedere che nessuno dei candidati ha mostrato di avere una buona soluzione ai nostri problemi, afferma Masoumeh Iftikhari, 30 anni.

È incinta e preoccupata per ciò che riserva il futuro. Una donna cammina per la via dello shopping e fa notare che i prezzi dell’abbigliamento per bambini sono in aumento.

– Il livello dei prezzi mi delude e non so dire quale filtro sia il mio preferito. Conclude che al momento non c’è nessuno.

Siamo così spiacenti, così spiacenti

Sasan Ghafuri, 29 anni, ha studiato per diventare un tecnico di laboratorio, ma ha dovuto iniziare a vendere vestiti in un centro commerciale a Teheran.

È esausto per le lunghe giornate di lavoro e deluso dai politici che non riescono a fare le cose.

– Vengo qui alle 9 del mattino e lavoro a Kuala Lumpur. 21-22 giorno per giorno. Quando non ho più tempo per godermi o continuare la mia educazione in modo da poter realizzare i miei sogni, qual è allora il significato della vita?

Lavori nel negozio: Sasan Ghafuri aveva altre ambizioni nella vita oltre a vendere vestiti. Foto: Vahid Salemi / AP

Coloro che hanno riposto la loro fiducia nel mio capo dicono che hanno un disperato bisogno di cambiamenti economici. Forse hanno visto evaporare i loro risparmi dopo il crollo della moneta nazionale, la regale.

Il governo sotto Rouhani è stato deludente. Erano incompetenti. Io stesso ho un lavoro e faccio bene, ma vedo ciò con cui la maggior parte delle persone lotta ogni giorno, dice il contabile 37enne Ali Momeni.

Quindi voterà per Raisi, che spera di migliorare la situazione economica del Paese.

Indipendentemente dall’esito delle elezioni, molti sperano solo che l’Iran diventi un paese “normale”, senza sanzioni, paura della guerra e senso di assedio.

– Siamo spiacenti, molto dispiaciuto. Non ci meritiamo questa vita difficile, negligente e orribile, afferma la ragioniera 29enne Fatima Rakabi.

Vuole cambiare: Fatemeh Ragabi (a sinistra) con il suo fidanzato Omid Ali Mardani a Teheran. Foto: Vahid Salemi / AP