Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

È così che la guerra in Siria smette di aiutare i terremotati

È così che la guerra in Siria smette di aiutare i terremotati

Migliaia di siriani sono morti a causa dei terremoti che hanno colpito la zona di confine con la Turchia. Ma ci è voluto del tempo per portare aiuti nelle zone più colpite.

I sacchi per i cadaveri si accumulano ad Afrin, nel nord-ovest della Siria. La foto è stata scattata il 6 febbraio, il giorno in cui i terremoti hanno colpito la regione. Questa parte della Turchia è controllata da milizie sostenute dalla Turchia.

Gli aiuti nelle zone terremotate della Siria sono stati ostacolati dalla guerra civile, che ha diviso il Paese e diviso le potenze regionali e globali.

Qui otterrai una panoramica delle sfide che devono affrontare i soccorsi di emergenza.

Qual è l’impatto della guerra civile in Siria?

Dopo quasi 12 anni di conflitto, la Siria è divisa.

Il presidente Bashar al-Assad, con il sostegno di Russia e Iran, ha ripreso il controllo della maggior parte del Paese. Ma i gruppi di opposizione di estrema destra e le milizie sostenute dalla Turchia controllano la parte nord-occidentale del Paese. 4 milioni di residenti dipendevano già dagli aiuti prima del terremoto, secondo le Nazioni Unite.

La parte nord-occidentale della Siria controllata dai ribelli è stata la più colpita dai terremoti di magnitudo 7,8 e 7,5 di una settimana fa. Ma anche le aree controllate dal governo hanno causato molti morti e feriti e una diffusa distruzione materiale.

Gran parte della parte nord-orientale del paese è controllata da una forza curda sostenuta dagli Stati Uniti. Questa parte del paese è stata la meno colpita dal terremoto.

Un membro di una squadra di soccorso iraniana si prende cura di un cane tra gli edifici distrutti nella città di Aleppo controllata dal governo. La foto è stata scattata venerdì, quattro giorni dopo il terremoto.

Come possono gli aiuti di emergenza raggiungere la Siria?

Le autorità di Assad affermano che gli altri paesi dovrebbero rispettare l’indipendenza della Siria. Ritengono che le spedizioni di aiuti in tutto il paese dovrebbero raggiungere le aree controllate dalle autorità.

READ  Una cellula terroristica voleva far saltare un ponte a Venezia

In pratica, le spedizioni di aiuti hanno raggiunto l’angolo nord-occidentale del paese controllato dai ribelli attraverso il confine con la vicina Turchia. Ma il processo si basava sull’approvazione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ogni sei mesi.

La Russia, che esercita il potere di veto nel Consiglio di sicurezza e sostiene le autorità di Damasco, ha approvato l’ingresso di un solo convoglio di aiuti dalla Turchia nella Siria nord-occidentale. Ritengono che gli aiuti delle Nazioni Unite debbano invece passare da Damasco e poi attraversare le linee del fronte.

Il coordinatore degli aiuti di emergenza delle Nazioni Unite, Martin Griffiths, ha visitato la Siria lunedì. Ora sta facendo pressioni alle Nazioni Unite. L’obiettivo è aprire più valichi dalla Turchia per ricevere aiuti antisismici.

Il presidente siriano Bashar al-Assad e sua moglie, Asma, erano ad Aleppo venerdì. Hanno parlato con le vittime del terremoto e i soccorritori.

Gli aiuti di emergenza possono attraversare le linee del fronte in Siria?

Alcuni tentativi di fornire aiuti umanitari attraverso le linee del fronte interno in Siria dopo il terremoto hanno dimostrato quanto fragile e difficile possa essere il processo.

Un convoglio dal nord-est controllato dai curdi era in viaggio dall’area controllata dai curdi nel nord-est verso un’area nel nord-ovest, controllata dai ribelli sostenuti dai turchi. Questi sono nemici che si sono combattuti molte volte durante la guerra civile. Il convoglio ha dovuto invertire la rotta giovedì.

Fonti di entrambe le parti si incolpano a vicenda per il mancato arrivo del convoglio. Entrambe le parti accusano l’altra di politicizzare le spedizioni di aiuti.

READ  Aprire Wall Street - E24

Gli aiuti d’urgenza dovevano passare da un’area controllata dal governo a un’area controllata da un gruppo estremista islamico. Un portavoce delle Nazioni Unite ha detto domenica che gli aiuti di emergenza sono stati ritardati a causa di “problemi di permessi”.

Una fonte di Tahrir al-Sham ha detto a Reuters che non approveranno le spedizioni di aiuti dalle aree controllate dal governo.

Un ragazzo è stato salvato giovedì da una casa crollata a Idlib, tenuta dall’opposizione.

Chi manda aiuto?

Dall’inizio del conflitto, i paesi occidentali hanno cercato di isolare Assad. Lo accusano di aver usato violenza eccessiva quando sono scoppiate grandi proteste nel 2011.

L’Occidente ha imposto sanzioni economiche a Damasco. Questo è andato in qualche modo oltre l’aiuto diretto e le sanzioni non hanno preso di mira i soccorsi. I paesi occidentali rimangono i principali contributori delle Nazioni Unite e di altre organizzazioni umanitarie che lavorano a Damasco.

Dal disastro del terremoto, secondo i media statali siriani, più di 50 aerei che trasportavano aiuti di emergenza provenienti da paesi arabi e asiatici sono atterrati negli aeroporti nelle aree controllate dal governo.

I soccorsi medici italiani sono arrivati ​​a Damasco domenica. Questo è stato il primo aiuto sismico europeo a raggiungere aree controllate dal governo.

Il sostegno occidentale diretto al nord-ovest è stato influenzato anche dal fatto che gruppi estremisti erano al potere e l’arrivo di merci attraverso il confine è stato interrotto per tre giorni dai terremoti.

I rifornimenti di soccorso sono ripresi giovedì. La situazione è migliorata da allora, ma ciò include solo cibo, forniture mediche e riparo, non le attrezzature e le altre attrezzature di cui i soccorritori del nord-ovest affermano di aver disperatamente bisogno.

READ  Facevano parte della ricca Europa. Ora il Paese potrebbe finire in un club povero.