Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

È così che risolvono la crisi energetica dell’Europa – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

Non c’è solo una crisi energetica in Norvegia. C’è carenza di energia in Europa ei prezzi di elettricità e gas sono molto alti.

Le ragioni sono complesse: la guerra della Russia in Ucraina. Significative riduzioni delle importazioni di gas russo. Stop al carbone e all’energia nucleare. Lenta transizione ad altre fonti di energia.

L’aumento dell’inflazione lo rende più difficile.

Roman Vakulchuk, capo ricercatore energetico presso NUPI, afferma che i paesi dell’UE hanno escogitato molti e vari tentativi per risolvere la crisi.

Sulla carta sembrano esserci molte soluzioni di emergenza, ma ci vuole tempo per trovare soluzioni praticabili.

Ecco alcuni dei modi in cui l’Europa sta affrontando la sua crisi energetica:

Germania: autobus economici e pompe di calore

Foto: MICHAEL KAPPELER/AFP

I tedeschi hanno i prezzi dell’elettricità più alti dell’Unione Europea. Secondo Reuters, nel 2022 più di 7 milioni di tedeschi avranno una bolletta dell’elettricità superiore del 60% rispetto all’anno precedente. Ora stanno aumentando i sussidi ai passeggeri, abbassando le tasse sull’energia e aumentando i sussidi per le pompe di calore, tra le altre cose.

Hanno anche dato una somma forfettaria di 300 euro e hanno fatto un enorme sconto sui mezzi pubblici: un abbonamento mensile ora costa nove euro.

Inoltre, le famiglie a basso reddito hanno ricevuto un sostegno finanziario per far fronte all’aumento dei prezzi.

Scrive Bruegel, think tankche hanno superato le procedure dei paesi dell’Unione Europea.

Abbassa le luci: le luci intorno alla Colonna della Vittoria a Berlino sono state spente per consumare meno energia.

Abbassa le luci: le luci intorno alla Colonna della Vittoria a Berlino sono state spente per consumare meno energia.

Foto: Lizzie Nesner/Reuters

Svezia: aumento degli assegni familiari e riduzione del costo della benzina

La Svezia ha abbassato la tassa sulla benzina al livello legale più basso previsto dalle normative UE: 0,71 euro al litro.

Hanno aumentato l’assegno per figli a carico di 128 euro al mese.

Lo scorso inverno, le famiglie che consumavano più di 2.000 kWh al mese (1,8 milioni di famiglie) hanno ricevuto un sussidio di 195 euro da dicembre a febbraio.

Il primo ministro svedese, Magdalena Andersson

Il primo ministro svedese Magdalena Andersson ha fornito sostegno finanziario diretto al popolo.

Foto: JANERIK HENRIKSSON / AFP

Spagna

Di recente, la Spagna ha approvato una legge per non raffreddare gli edifici pubblici e commerciali a più di 27 gradi quando si utilizza l’aria condizionata. Il riscaldamento massimo nello stesso edificio è di 19 gradi in inverno. Le luci devono essere spente nei negozi alle 22:00. le autorità Incoraggia anche Aumentare l’uso degli uffici domestici per risparmiare energia nei trasporti e nel riscaldamento.

Di recente, il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ha esortato i leader del paese a raggiungere il pareggio con il caldo.

Spagna e Portogallo, che non sono collegati alla rete elettrica del nord Europa, hanno ottenuto dall’Unione Europea il permesso di separare i prezzi dell’elettricità da quelli del gas. Le autorità hanno abbassato i prezzi dell’elettricità.

In Portogallo, le persone a basso reddito ottengono uno sconto del 33,8% sulle bollette di elettricità e gas.

URO: manifestanti in Spagna hanno protestato contro l'aumento dei prezzi della benzina a marzo.

URO: manifestanti in Spagna hanno protestato contro l’aumento dei prezzi della benzina a marzo.

Foto: Pierre-Philippe Marco/AFP

Ungheria: forfettario al di sotto del tasso di mercato

In Norvegia, Jonas Gahr Store non ama parlare di prezzo massimo dell’energia, ma in Ungheria questo è sancito dalla legge da molto tempo. L’Ungheria ha anche un prezzo massimo di 1,30 euro per litro di benzina e diesel. Per pagarlo, hanno introdotto una tassa più alta sulle società energetiche, la cosiddetta tassa sugli utili inaspettati (una tassa una tantum sui profitti inaspettatamente elevati).

Francia: aiuto finanziario e prezzo massimo

38 milioni di persone in Francia guadagnano meno di 2.000 euro al mese al netto delle tasse. Tutti loro hanno ricevuto 100 euro di sostegno finanziario diretto per pagare l’aumento dei prezzi dell’energia. Anche la Francia ha un tetto massimo al prezzo del gas fino al 2022.

Hanno abbassato le tasse sull’elettricità e sulla benzina e aumentato gli investimenti nell’energia solare ed eolica.

Eliodrome: nel sud della Francia, è stato progettato come una grande meridiana che cattura il sole e fornisce ombra.

Eliodrome: nel sud della Francia, è stato progettato come una grande meridiana che cattura il sole e fornisce ombra.

Foto: PATRICK HERTZOG / AFP

Polonia: tagli alle tasse e “scudo di Putin”

Le autorità polacche stanno sviluppando lo scudo Putin, che è un pacchetto di misure per proteggere la parte dell’economia direttamente colpita dalla guerra russa in Ucraina. Hanno abbassato a 0 l’imposta sul valore aggiunto (IVA) su cibo, gas e fertilizzanti. Offrono un sostegno in contanti diretto fino a 106 euro all’anno, a seconda del reddito e della situazione di vita.

Danimarca:

Circa 320.000 abitazioni hanno ricevuto circa 800 euro di sussidi per il riscaldamento lo scorso inverno. Allo stesso tempo, le autorità stanno spendendo 33 milioni di euro per sostituire le fonti di calore nelle abitazioni che utilizzano il gas per il riscaldamento. Hanno anche avviato una campagna per aumentare l’efficienza energetica.

bandiera della Danimarca bandiera danese contro il cielo blu
Foto: Eric Johansen/NTB

Austria: soldi in tasca

Il governo austriaco ha scelto di fornire un sostegno in denaro a quasi tutte le famiglie. Si va da € 210 a € 250 nel 2022. Hanno anche introdotto tagli alle tasse sull’energia e maggiori sussidi per i passeggeri. Una tassa sulle emissioni di carbonio darebbe ai cittadini un “bonus clima” di circa 500 euro per gli adulti e 250 euro per i bambini.

Nessuna soluzione per l’Unione europea è sul tavolo

C’è un’ampia variazione nella quantità di denaro che i diversi paesi dell’UE hanno messo sul tavolo in risposta alla crisi.


La Germania ha speso di gran lunga la maggior parte dei soldi in sussidi per compensare l’aumento dei prezzi dell’energia: la Germania ha speso 60,2 miliardi di euro, circa l’1,7% del PIL.

Sia la Grecia che la Lituania spendono più del 3% del loro PIL in sussidi ai prezzi dell’energia.

In confronto, le azioni norvegesi sono costate 2,3 miliardi di euro, secondo il centro di ricerca Bruegel. Questo è molto più di paesi con una densità di popolazione più o meno uguale come Danimarca (0,3 miliardi), Finlandia (1,2 miliardi), Slovacchia (un miliardo) e Irlanda (miliardi).

Roman Vakulchuk, capo ricercatore energetico del NUPI, afferma che ci sono grandi differenze tra i paesi dell’UE.

Vakolchuk paragona la crisi energetica alla pandemia di Corona: le autorità cercano soluzioni, ma non agiscono abbastanza in fretta.

Roman Vakulchuk, ricercatore senior presso NUPI.

Roman Vakulchuk, ricercatore senior presso NUPI.

Foto: NUPI

Ritorno all’ufficio di casa

Lo stesso Vakulchuk ha diversi suggerimenti:

  • Razionamento dell’elettricità: può diventare necessario sia per l’industria che per le famiglie.
  • Scuole e uffici chiusi: Ritorno in ufficio nei mesi più freddi dell’anno. In questo modo si risparmia molta energia nei grandi edifici. Puoi andare a casa.
  • Maggiore efficienza energetica: la Germania è molto avanti qui e la Norvegia è molto indietro dopo anni di elettricità a basso costo.
  • Le aziende vendono l’energia che non usano alle famiglie. Se ottengono un buon prezzo, possono fornire un incentivo per risparmiare energia per l’industria.
  • L’approvazione delle applicazioni delle turbine eoliche e solari dovrebbe essere più facile e veloce.

Quanto durerà la carenza di energia e il conseguente aumento dei prezzi dipende da diversi fattori: tra questi la guerra in Ucraina e la velocità con cui l’Europa costruisce energia verde.

Anche il clima avrà un effetto, afferma Vakolchuk: gli inverni più caldi possono ridurre la crisi. L’estate calda, come vediamo in gran parte dell’Europa, può aumentarla a causa della mancanza di acqua e dell’elevato consumo di energia.

Dice che la Norvegia può imparare l’efficienza energetica dalla Germania. La rapida transizione della Norvegia alle auto elettriche potrebbe essere una lezione per gli altri.

– Lì, la Norvegia ha apportato rapidamente grandi e importanti cambiamenti. Dimostra che la Norvegia può agire rapidamente.

READ  Ucraini verso un'altra vittoria. I guerrafondai russi sono disperati.