Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– È straziante – VG

Norwegian Hope: Birgit Skarsten è alle Paralimpiadi in Cina – non sono gli atleti ucraini.

I 20 ucraini che avrebbero dovuto partecipare ai Giochi Paralimpici non sono venuti in Cina. È straziante ascoltare le loro storie, dice Birgit Skarsten, che è ai giochi.

Inserito:

– È chiaro che il Comitato internazionale paralimpico sta facendo del suo meglio per portare qui gli ucraini, ma non sappiamo ancora come andrà a finire. La guerra in Ucraina mette le cose in chiaro per quello che stiamo facendo, dice Skarsten a VG di Zhangjiakou.

Venerdì si aprono le Paralimpiadi, ma gli atleti ucraini non sono arrivati ​​in Cina. Tuttavia, Skarsten ha parlato con i leader in carica.

– Se gli atleti possono arrivare qui, la domanda è anche se possono concentrarsi sulle competizioni qui. Molte famiglie sono già state colpite, o che vivono nel mezzo di una guerra. Hanno anche difficoltà a comunicare con i loro cari, perché l’infrastruttura intorno alle comunicazioni in Ucraina è instabile. Birgit Skarsten dice che è straziante sentire ciò che rappresentano.

Quattro anni fa: gli atleti ucraini avrebbero potuto tifare per sette medaglie d’oro alle Paralimpiadi quattro anni fa. Da qui l’oro ucraino nella staffetta mista di biathlon.

– Allo stesso tempo, dicono di sentirsi impotenti per l’intera faccenda, quindi andare con la bandiera ucraina sul fondo sulla scena internazionale è almeno una sorta di contributo.

Craig Spence, portavoce del Comitato Paralimpico Internazionale (IPC), ha dichiarato: Agenzia di stampa AP Stanno lavorando duramente per portare gli atleti paralimpici ucraini in Cina.

READ  I principali giornali spagnoli mettono in dubbio il futuro di Odegaard al Real Madrid

– Spence dice: Abbiamo contatti regolari con l’Ucraina.

Ovviamente è anche cauto nel parlare apertamente per motivi di sicurezza.

– Meno diciamo su dove sono, meglio è.

IN COLLEGAMENTO: il portavoce dell’IPC Craig Spence (a sinistra) ha affermato di avere contatti regolari con l’Ucraina. Ecco da una conferenza stampa di due anni fa sui Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo.

Spence dice che al momento non ci sono voli dalla capitale, Kiev. Ciò significa che i partecipanti ai Giochi Paralimpici devono arrivare in un aeroporto vicino, ad esempio in Polonia.

Ma i voli per la Cina sono già problematici. Non ci sono compagnie aeree straniere che attualmente operano voli regolari per Pechino. Gli aerei che trasportavano i partecipanti da e per i Giochi Olimpici e Paralimpici erano tutti speciali “aerei olimpici”. Partono solo da un aeroporto privato in Europa. Questo fa parte del “sistema a bolle” cinese per prevenire l’infezione da coronavirus.

– Non si tratta solo dei partecipanti stessi, ma anche dell’attrezzatura che useranno qui nei giochi, afferma Birgit Skarsten.

Leggi anche

Un chiaro messaggio di Amnesty International: lo sport è stato utilizzato dalla Russia

L’attrezzatura appositamente progettata, come i pattini, non è disponibile per molti ora, mentre è possibile prendere in prestito attrezzature più generiche.

– Si parla di loro che verranno qui il 3 marzo e due giorni dopo iniziano le gare. Molti paesi hanno offerto loro sci, lubrificanti e simili. Skarsten continua, penso che tutti vogliano contribuire come possono.

Secondo un portavoce dell’IPC, alcuni leader ucraini saranno in carica in Cina, ma non alcuni praticanti.

Il leader della squadra svedese Niklas Groen ha detto all’agenzia di stampa TT che vivono vicino all’Ucraina, nel villaggio partecipante, e hanno visto persone vestite con abiti “ucraini”.

READ  Un nuovo combattimento di Sandro Tonali