Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ecco come vivi quando non mendichi in Norvegia – Dagsavisen

– Ringrazio i norvegesi che mi hanno dato soldi per le strade di Oslo. I soldi mi hanno dato la possibilità di mandare mio figlio a scuola, dice l’astronauta Carolina Dragomir, 24 anni, che abbiamo incontrato nella città rumena di Targu Jiu.

– Qui in Romania, ottengo solo lavori occasionali in agricoltura o come assistente alle pulizie, ma non ricevo abbastanza salario. Dice che a volte stiamo morendo di fame.

Carolina Dragomir è una di quelle che potremmo rivedere per le strade di Oslo quest’inverno.

Vive in un quartiere ben funzionante di Obriga. Qui c’è asfalto nelle strade, lampioni, acqua e altri servizi comunali come gli asili nido. Tuttavia, ha più volte scelto di lasciare il figlio di sette anni a mendicare, con un ponte come tetto e l’asfalto come materasso. Lei stessa è una dei sette di un gruppo di fratelli che la famiglia non può permettersi di mandare a scuola. Quindi ha ricevuto solo tre anni di studio.

La maggior parte delle stanze che chiedono l’elemosina a Oslo provengono da Târgu Jiu e dall’area circostante. Carolina Dragomir è andata in Norvegia per la prima volta nel 2011 e da allora è stata qui diverse volte. L’ultima volta all’inizio di questo autunno. Dice che tornerà presto.

stanza a termine

Romani è un termine collettivo per diversi popoli nomadi storicamente legati in Europa, che potrebbero aver avuto origine nel nord dell’India. In Romania, il termine stanza è stato ufficialmente utilizzato dopo il 1990 e ha sostituito il termine tigan (zingaro). La maggior parte dei mendicanti stranieri o dei venditori di riviste di strada in Norvegia sono rom, afferma Ada I. Engebrigtsen, autrice del rapporto “Street Life” di NOVA.

READ  L'entusiasmante copertura mediatica non contribuisce a una campagna più informata

– Sia quelli che si definiscono Rom sia quelli che si chiamano Tijani sono cittadini romani, afferma Ingebrigtsen.

Stima che il numero di mendicanti romani in Norvegia in qualsiasi momento sia compreso tra 500 e 1.000.

Sette persone vivono in questa stanza, dice Maria Honuyalo con la figlia di 7 anni, Maria Kotulin, accanto a lei. Vivono nel villaggio spaziale appartato di Polovraje.

Divieto di mendicare

C’è un dibattito in Norvegia a favore e contro il divieto di mendicare. Il governo blu ha chiesto nella sua piattaforma politica che ogni comune potrebbe vietare l’accattonaggio attraverso le leggi della polizia locale.

In Romania c’è un divieto ufficiale di mendicare, ma non c’è nulla che impedisca di mendicare.

– Sono riuscito a risparmiare circa 15-20 corone al giorno a Oslo e spero che il divieto di mendicare non venga imposto in Norvegia, dice Carolina.

Ma anche in Romania 15-20 corone non sono molte. 20 NOK sono 10 lei rumeni, per questa cifra puoi comprare, ad esempio, un litro di latte, una pagnotta e circa 200 grammi di formaggio.

Codrista Pecovici, 35 anni, vive nel villaggio di Nu, in Romania. Qui, la Norvegia sostiene un progetto che aiuterà le famiglie povere a mandare i propri figli a scuola. “Senza il supporto, avrei potuto avere solo l’opportunità di mandare a scuola tre dei miei otto figli”, dice Bikovici.

il supporto

Le autorità rumene hanno attuato una serie di misure per affrontare le sfide. La Norvegia sostiene diversi progetti, anche nel villaggio di No, nel nord-ovest del paese. Qui le famiglie ricevono sostegno per mandare i bambini all’asilo ea scuola, compresi vestiti, materiale scolastico e cibo per i bambini.

READ  grande riunione di club

Senza il supporto, dice il 35enne Kodrista Bikovici, avrei potuto avere solo l’opportunità di mandare a scuola tre dei miei otto figli.

Come gruppo, lo spazio è stato messo da parte nella storia della Romania. Gli zingari furono sottoposti alla schiavitù e ai lavori forzati dal XIV secolo fino alla fine del XIX secolo. Molte delle stanze sono ancora abitate separate dal resto della popolazione romana, come nel villaggio di Polofragi. Circa 200 famiglie aliene vivono qui in condizioni molto miserabili.

Sette persone dormono qui, dice Maria Honuyalo. La figlia Maria Kotulin (7 anni) sembra timida.

La casa è una costruzione fragile con uno spazio vitale. La TV trova spazio in un angolo, il forno e i fornelli in un altro, mentre letti e materassi riempiono il resto della piccola stanza.

Il fiume che attraversa il villaggio a volte straripa e distrugge le case.

Quasi la metà della popolazione Rom in Romania vive in condizioni di estrema povertà. Ecco uno slum nella città di Cluj, a nord-ovest del paese. La povertà spinge molti a recarsi in Norvegia e in altri paesi europei per chiedere l’elemosina.

dipendente dall’accattonaggio

Tradizionalmente, zingari e zingari si guadagnavano da vivere con mercanti ambulanti, artigiani e musicisti. In molti paesi, la modernizzazione ha creato problemi a questo gruppo perché i loro servizi non sono più necessari. Molti si guadagnano ancora da vivere producendo i beni che vendono nei mercati.

La maggior parte dei Rom in Romania appartiene al segmento più povero della popolazione, che storicamente ha fatto affidamento sulla mendicità per i periodi di sopravvivenza. Spesso non hanno una casa decente e molti non hanno un reddito stabile. Se aggiungi che la maggior parte di loro ha famiglie numerose con molti bambini, vedrai un’immagine pericolosa della povertà. Questo è lo sfondo della maggior parte degli stranieri che chiedono l’elemosina in Norvegia, afferma Ingebrijtsen (soggetto NTB).

READ  "L'arte decorativa non è un affare libero!"

Codrista Pecovici, 35 anni, vive nel villaggio di Nu, in Romania. Qui, la Norvegia sostiene un progetto che aiuterà le famiglie povere a mandare i propri figli a scuola. “Senza il sostegno, avrei potuto avere solo l’opportunità di mandare a scuola tre dei miei otto figli”, dice Bikovici.