Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Educazione sanitaria in futuro? – discussione dei fatti

Data di pubblicazione: 08-12-2022 – 12.12

Tren Johansen Mesa




immagine: Christiania University College

Cronaca: Tren Johansen MesaDirettore del Christiania College
Hans Christian UchemPreside del College of Health Sciences, Høyskolen Kristiania

Hans Christian Uchem




immagine: Christiania University College

niente Discutere – o dubitare – che una delle chiavi delle future sfide demografiche della Norvegia risieda nel settore dell’istruzione. Ovviamente abbiamo bisogno di più medici, infermieri e altre professioni sanitarie tradizionali, ma il grande afflusso di anziani nel settore sanitario, con le sue numerose diagnosi e esigenze terapeutiche, richiederà nuove soluzioni, innovazione, regolamentazione e possibilmente anche nuove professioni nel settore.

Dobbiamo osare chiederci se appuntamenti più tradizionali di terapeuti raggiungeranno l’obiettivo tra 25 e 35 anni da oggi. È urgente.

Effetto tecnologico. La maggior parte delle persone che iniziano la loro educazione sanitaria ora sarà impiegata nel 2060. A quel punto, la percentuale della popolazione di età superiore ai 70 anni sarà raddoppiata. Molte persone oggi si chiedono che tipo di condizioni di lavoro dovremmo offrire a coloro che manterranno la nostra assistenza sanitaria finanziata con fondi pubblici?

Questi i temi affrontati dal Comitato Operatori Sanitari, che presenterà la sua relazione in autunno. per me Mandato del comitato “In che modo l’innovazione attraverso la digitalizzazione, la tecnologia e le nuove forme di lavoro, tra le altre cose, può influenzare le esigenze future dei dipendenti e contribuire alla sostenibilità, e cosa è necessario per utilizzare queste opportunità in tutto il paese” dovrebbe essere studiato.

Il compito del Comitato degli operatori sanitari dovrebbe essere quello di contribuire a una visione olistica della salute e di fare spazio a nuovi approcci

Nella sua proiezione del mercato del lavoro, Statistics Norway ha anche visto un aumento di gruppi con un background educativo diverso da quelli tradizionali e ritiene che questa tendenza continuerà.

Salute pubblica. Questo è il motivo per cui due istituti sanitari hanno avviato un seminario educativo durante la settimana di Arendal. L’Oslo Met offre istruzione nella maggior parte delle professioni sanitarie e ha, tra le altre cose, la più grande formazione infermieristica del paese. Høyskolen Kristiania ha anche una grande ampiezza nella sua offerta educativa, che si concentra principalmente sulla salute preventiva e sul trattamento non farmacologico.

Il denominatore comune tra le due istituzioni è la salute pubblica in senso lato, anche in relazione alla prevenzione e alla collaborazione interdisciplinare. Il nostro investimento futuro rientrerà in questo ampio campo. Stiamo lavorando, non ultimo, per professionalizzare e ricercare professioni che promuovono la salute che attualmente non hanno una licenza. Un esempio di questo è la formazione per diventare un personal trainer (PT).

Quando si tratta di medicina osteopatica, Christiana è stata una campionessa nell’ottenere una licenza per questa professione ed è stata approvata per questo.

perché? Rapporto OCSE “Sguardo rapido per la salute” (2021) mostrano che spendiamo meno per i servizi sanitari preventivi nei paesi nordici. Molti hanno sottolineato che la salute pubblica spesso ha origine al di fuori del settore sanitario. Il compito del comitato degli operatori sanitari dovrebbe quindi essere quello di contribuire a una visione olistica della salute e di fare spazio a nuovi approcci. Se la Commissione – e successivamente il governo – perseguirà tale iniziativa, è destinata ad avere un impatto significativo sul settore dell’istruzione negli anni a venire.

Qual è, allora, lo sfondo del motivo per cui un tale modo di pensare non ha preso piede molto tempo fa? Si possono indicare due possibili ragioni: la lotta occupazionale e la struttura del bilancio statale. La nostra soluzione è costruire ponti dalle professioni tradizionali alla prevenzione e alle nuove forme di trattamento. Ma senza tenerne traccia nei bilanci pubblici, sarebbe difficile.

Buon senso? in Giornale quotidiano Il 24 luglio 2022, Ståle Sagabråten, presidente del Medical Syndicate’s Professional Council, ha affermato che documentare l’esercizio come misura sanitaria “non è in grado di eguagliare la documentazione che le aziende farmaceutiche forniscono al mercato e includono nelle loro linee guida per il trattamento di una serie di condizioni “.

Nel successivo dibattito all’indomani del lungometraggio, Sagabråten, dopo pesanti critiche, ha ammesso di aver chiarito l’affermazione. Ciò che rimane dopo la parola cambiamento, tuttavia, è la necessità di enfatizzare basi accademiche ed empiriche più solide per il contenuto dell’attività fisica che i medici “prescrivono”. Nell’ambito della ricerca in questo settore in particolare, nuovi approcci preventivi sono essenziali per risolvere le sfide sanitarie di domani. Ad esempio, una delle nostre peggiori malattie generali, l’epidemia di obesità, è difficile da risolvere senza un grande sforzo nella ricerca sulla nutrizione e l’esercizio fisico.

Dire che abbiamo bisogno di un approccio globale alla prevenzione/intervento precoce non è, dopo tutto, una rivoluzione. Si tratta solo di usare – e organizzare – ciò che tutti sappiamo essere “buon senso”; A lungo termine, è più vantaggioso ridurre le code dei pazienti che curarli.

Nessun conflitto di interessi dichiarato

READ  Il contadino è un pacificatore: la nazione