Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Elezioni Usa 2024, Donald Trump

Elezioni Usa 2024, Donald Trump

Carolina del Nord, USA (Netavisen): Il candidato presidenziale Donald Trump ha recentemente rilasciato un'intervista ai giornalisti del quotidiano israeliano israelhayom.co.il.

L'intervista fa luce su cosa pensa oggi l'ex presidente della guerra in Medio Oriente. Le risposte ci hanno scioccato, scrive il commentatore Ariel Kahane sul giornale.

Leggi anche

Ha comprato cocaina ma è morto di fentanil: – Può succedere a chiunque

I giornalisti sono rimasti scioccati

L'ex presidente ha affermato nell'intervista che Israele sta perdendo il sostegno di cui gode nel conflitto e che le foto e i video della devastazione a Gaza stanno influenzando la reputazione di Israele. Lo stesso Trump ha affermato che a un certo punto guardava ogni notte i video della devastazione di Gaza.

“Non hai il sostegno di prima. 15 anni fa, Israele aveva la lobby più forte. Se fossi un politico, non saresti in grado di dire nulla di negativo su Israele. Sarebbe la fine della tua carriera politica . Oggi è quasi il contrario.”

Trump, pur sottolineando di sostenere il diritto di Israele a difendersi da Hamas, ha esortato Israele a porre fine presto alla guerra.

“Devi porre fine alla tua guerra. Ragazzi, dovete portarla a termine. Dobbiamo avere la pace. Questo non può continuare”, ha detto Trump durante l'intervista.

Il commentatore ritiene che Trump sia andato oltre Biden, che, sottolinea, si posiziona a sinistra in politica.

Il commentatore israeliano dice: “Non c’è modo di abbellire, sminuire o nascondere il messaggio problematico”. Il giornale si aspettava anche che Trump condannasse Hamas, affermando che Israele avrebbe distrutto l’organizzazione.

Kahane interpreta le dichiarazioni – e l’assenza di dichiarazioni – nel senso che entrambi i candidati presidenziali statunitensi, sia Biden che Trump, stanno ora voltando le loro “retoriche alle spalle” verso Israele.

READ  Una guerra di parole tra Erdogan e lo sfidante

La settimana scorsa il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha accettato di chiedere un cessate il fuoco. Gli Stati Uniti non hanno posto il veto alla risoluzione, per la quale il presidente Biden è stato criticato.

Leggi anche

-Donald Trump è l'unica persona che abbia mai visto farlo

– Totalmente imprevedibile

La portavoce di Trump, Carolyn Levitt, ha confermato dopo l'intervista che Trump sostiene il diritto di Israele di difendersi e di eliminare la minaccia terroristica. Ma gli interessi di Israele saranno meglio tutelati se lo farà in modo rapido e umano, secondo Levitt Il New York Times.

Non è ancora noto cosa secondo Trump dovrebbe fare Israele per fermare la guerra. Il candidato alla presidenza non ha proposto una soluzione. Trump incolpa Biden per il conflitto e ha affermato che né la guerra in Ucraina né quella in Medio Oriente sarebbero avvenute se lui fosse stato presidente. Ma non è chiaro cosa farà il candidato presidenziale se vincerà le elezioni presidenziali di novembre.

Leggi anche

Netanyahu minaccia di chiudere il “canale terroristico Al Jazeera” in Israele

Dove si colloca effettivamente Trump?

La politica estera di Trump è completamente imprevedibile. L'esperto americano e professore all'Università norvegese di scienze applicate, Hjalmar Melde, ha detto a Netavisen che la politica estera dipende da ciò che serve ai suoi interessi politici e da se gli piacciono o odiano i capi di stato di altri paesi su base puramente personale.

Aggiunge che, a parte la percezione che altri paesi stiano sfruttando gli Stati Uniti, Trump non ha opinioni reali o politiche coerenti.

Leggi anche

READ  Il gestore di hedge fund Tor Sweeland sulla Russia: - Il dieci percento della produzione mondiale di petrolio è "a rischio"

Trump ha fornito garanzie ingenti per evitare il sequestro dei beni

– Leggere il clima politico

L'esperto americano sottolinea che Trump cambia in pubblico ciò che pensa e la sua posizione a seconda di ciò che crede la maggioranza degli elettori.

Trump ha un gusto incredibile ed è molto intelligente quando si tratta di leggere l’umore politico del Paese. Ora è in grado di apparire moderato e ragionevole su questioni controverse come l’aborto e la guerra a Gaza.

Ma questo non è necessariamente negativo per Israele.

Trump si rende conto che Israele gode di un forte sostegno bipartisan negli Stati Uniti. Quindi, se Trump vincesse, perseguirà una politica estera molto filo-israeliana. Proprio come aveva previsto Milde nel suo primo mandato.