Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Equinor vende il dieci percento dei progetti eolici offshore per 805 milioni di NOK – E24

Il colosso norvegese del petrolio e del gas ha siglato un accordo con l’Eni italiana per la vendita del dieci per cento del progetto eolico offshore Dogger Bank C del Regno Unito.

Il CEO di Equinor Anders Opedal ha recentemente fornito ottimi numeri per il terzo trimestre dell’anno.

Inserito:

Il prezzo della quota di proprietà era di circa 70 milioni di sterline, o 805 milioni di corone, secondo una dichiarazione.

Quando l’operazione sarà completata, la distribuzione dei nuovi azionisti nella venture Dogger Bank C sarà la seguente: SSE Renewables (40 percento), Equinor (40 percento) ed Eni (20 percento).

L’accordo è effettivo a partire dal completamento del project financing ed è previsto entro la fine del 2021.

La transazione dovrebbe essere completata nel primo trimestre del 2022, previa approvazione da parte delle autorità e dei finanziatori, nonché regolari adeguamenti dei tassi.

– Continua a creare valore

Con questa transazione eolica offshore, continuiamo a creare valore dall’attività rinnovabile di Equinor. Come Dogger Bank A e B, le vendite di Dogger Bank C seguono la nostra strategia per l’ingresso anticipato su larga scala in mercati selezionati, utilizzando la nostra esperienza offshore per maturare progetti e ridurre il rischio, afferma Pål Eitrheim, vicepresidente esecutivo delle energie rinnovabili presso Equinor.

Sottolinea che Dogger Bank (vedi riquadro) è il più grande parco eolico offshore al mondo in fase di sviluppo.

Insieme a SSE Renewables, siamo lieti di continuare con Eni come partner industriale in tutte e tre le fasi dello sviluppo dell’energia eolica offshore. Insieme, forniremo valore al Regno Unito per molti anni a venire e contribuiremo allo sviluppo di un futuro a impatto climatico zero per il Regno Unito, aggiunge Eitrheim.

Equinor gestisce attualmente tre parchi eolici offshore nel Regno Unito, incluso il primo parco eolico offshore galleggiante al mondo, Hywind Scotland. Oltre a sviluppare Dogger Bank, Equinor prevede di espandere due dei suoi parchi eolici offshore nel Regno Unito, raddoppiando la capacità al largo della costa del Norfolk.

Leggi anche

La presa insolita di Equinor: lascia il petrolio per vendere più gas

Venduto da molti progetti eolici offshore

Equinor in precedenza ha anche venduto parti dei suoi progetti eolici offshore.

Nel 2020, Equinor ha venduto il dieci percento dei suoi progetti eolici offshore Doggerbank A e B a Eni per 2,4 miliardi di NOK in base al tasso di cambio dell’epoca. La compagnia petrolifera e del gas ha anche venduto metà delle licenze per i progetti Empire Wind e Beacon Wind al largo della costa orientale degli Stati Uniti per quasi dieci miliardi di corone a BP nello stesso anno.

Nel 2019, la società ha venduto un quarto del suo parco eolico offshore gestito da Eon Arkona in Germania a Credit Suisse per 5 miliardi di NOK.

L’azienda ha anche diversi comproprietari in progetti britannici Scuola di Sheringham e risentimento. Inoltre, Equinor svilupperà la gigantesca impresa Dogger Bank con SSE.

Il modello di vendersi in imprese per finanziare nuove imprese è qualcosa che Dane Ørsted ha anche perseguito negli ultimi anni. È anche un modello che Statkraft vuole utilizzare nei suoi progetti. Eitrheim non dirà se prenderà in considerazione la vendita di più progetti.

READ  L'offerta dell'Asia al capocannoniere del Rosenborg: - Rendilo finanziariamente indipendente