Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Eurovision Song Contest, intrattenimento | I politici britannici di alto livello sono arrabbiati per il risultato dell’Eurovision: – Dobbiamo uscire da questa farsa

Un regalo d’addio dall’Europa, dice il capitano del club del Gran Premio di Norvegia.

Come molti anni fa, la Gran Bretagna finì in un posto molto povero nella finale del Melody Grand Prix.

In un post di Facebook di domenica che è diventato virale, il politico britannico Nigel Farage ha evidenziato cosa pensa della posizione più bassa della Gran Bretagna.

L’ho già detto ma dobbiamo uscire da questa farsa dell’Eurovisione della globalizzazione, scrive il politico britannico Brexit, allegando una foto dei post di quest’anno.

Nel campo dei commenti, c’è un eccesso di commenti e più di 12000 hanno condiviso le loro opinioni. Molti sono d’accordo con il politico, indicando la Gran Bretagna come la grande nazione musicale.

Il paese sarà separato dalla concorrenza

Farage, un politico britannico per la Brexit, è stato – come indica il nome del partito – uno dei principali motori della separazione del Regno Unito dal resto dell’Europa.

E ora vuole anche la Gran Bretagna fuori dalla competizione canora.

Il leader del club Morten Thomassen al club del Gran Premio di Norvegia non è stato sorpreso dalla reazione politica.

Penso che la Gran Bretagna, invece di essere arrabbiata con l’Europa, dovrebbe arrabbiarsi con la sua stazione televisiva. Ci sono sempre molti grandi artisti britannici alla radio. Ma questi non stanno partecipando al concorso, dice Thomassen a Nettavisen.

Aggiunge:

Quando devono spiegare perché stanno andando male in concorrenza, incolpano che all’Europa o non piacciano o che non li ami più. Ma anche loro non prendono sul serio la concorrenza.

READ  Marianne Thomasen ha di nuovo una ragazza: VG

Leggi anche: Rocka Italian Eurovision – La Norvegia conquista il 18 ° posto

Spiega che il Regno Unito ha tradizionalmente ottenuto buoni risultati in competizione e per lo più finisce tra i dieci paesi con il maggior numero di punti. Questa è stata una tendenza ricorrente da quando la Gran Bretagna ha aderito alla competizione nel 1957.

Ma nel 1999 il requisito della lingua è scomparso. Thomassen pensa che questo abbia molto da dire poiché i punti stanno iniziando a cadere a favore dell’Inghilterra. In precedenza, a diversi paesi era richiesto di cantare nella propria lingua. Quando questo sistema è scomparso, il Regno Unito non ha più avuto molti vantaggi.

È chiaro che “l’amore è fuoco” è una frase che tutti capiscono. Thomason dice che prima hanno dato al Regno Unito un enorme vantaggio.

Leggi anche: “Waterloo” è stata nominata la migliore canzone Eurovision di tutti i tempi

Un regalo d’addio dall’Unione Europea

Il rappresentante della Gran Bretagna all’Eurovision, James Newman, ha risposto con allegria quando gli è stato detto che non aveva ricevuto un solo punto dalla giuria o dai telespettatori.

Né il leader del MGP Thomason si è sorpreso che quest’anno l’Europa abbia dato l’ultimo posto alla Gran Bretagna.

“Abbiamo dato loro zero punti come regalo di addio”, dice, riferendosi al ritiro della Gran Bretagna dall’Europa attraverso la Brexit.

Questa è la seconda volta nella storia che la Gran Bretagna ha segnato zero punti in finale. L’ultima volta è stata nel 2003.

Leggi anche

TIX è arrivato in Europa con un messaggio chiaro durante il debutto in Eurovision

READ  Non perfetto. Ma irresistibile. - VG

Anche la qualità del contributo della Gran Bretagna non è stata influenzata.

– Qui stiamo parlando di artisti oltre l’alfabeto. Questi non sono artisti A, B o C, dice che qui dobbiamo andare lontano.

Si ritiene che il motivo per cui sono autorizzati a partecipare è esclusivamente perché provengono dai paesi che pagano per la finale con più soldi.

Inoltre, crede che molti artisti britannici abbiano paura di associarsi all’Eurovision, semplicemente perché è diventata una “cosa” che la Gran Bretagna fa così male nella competizione.

Thomassen ritiene che se si ritirano dalla concorrenza, ciò sarà fondamentale per la concorrenza.

Per il contributo del Regno Unito quest’anno, Thomassen ha affermato quanto segue:

– Per me, il contributo è più simile a una tipica canzone radiofonica, con un’atmosfera e un ritmo piacevoli che puoi goderti in sottofondo mentre guidi l’auto. Non riescono a tirarne fuori nulla in TV, e diventa come una persona calda in piedi sul palco che canta.

Pubblicità

Pørni batte tutti i record: qui puoi vedere la serie gratuitamente