Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Facebook metterà al bando Trump per due anni, e forse anche di più

La società ha concluso che l’allora presidente ha incitato alla violenza in relazione alla tempesta del 6 gennaio, il giorno in cui la vittoria elettorale di Joe Biden doveva essere approvata dal Congresso.

“Date le circostanze estremamente gravi che hanno portato alla rimozione di Trump, riteniamo che le sue azioni costituiscano una flagrante violazione delle nostre regole che impongono la massima sanzione possibile secondo le nuove linee guida”, ha scritto il vicepresidente di Facebook per gli affari internazionali Nick Clegg. a post sul blog Venerdì.

Nuova recensione

Né è scontato che Trump possa tornare su Facebook entro due anni.

Alla fine di questo periodo, ci consulteremo con esperti per valutare se il rischio per la sicurezza sociale è passato. Clegg ha scritto: Prenderemo in considerazione fattori esterni, inclusi episodi di violenza, restrizioni alle assemblee pacifiche e altri segni di disordini pubblici.

A maggio, un cane da guardia dell’azienda ha confermato il licenziamento del presidente, avvenuto poco dopo una tempesta del Congresso. Il cosiddetto consiglio di sorveglianza è istituito e finanziato dalla società, ma opererà come entità separata.

Ma il watchdog ha anche criticato la decisione di Facebook e ha osservato che un’esclusione a tempo indeterminato “senza criteri chiari” non è stata una cattiva reazione. La decisione di venerdì della direzione di Facebook è considerata una risposta a questo.

pratica il cambiamento

La notizia arriva contemporaneamente alla conferma che anche Facebook è in procinto di porre fine a una pratica controversa in cui il direttore della società Mark Zuckerberg aveva precedentemente preso l’iniziativa. Include regole speciali per i politici sulla piattaforma.

READ  Putin contro Navalny - La debolezza della Russia

Incitamento all’odio, disinformazione e altri contenuti che altrimenti sarebbero stati rimossi con riferimento al fatto che si tratta di contenuti di valore giornalistico sono accettati.

Il gigante di Internet ha detto venerdì che la società utilizzerà ancora il dibattito sul valore delle notizie per escludere alcuni post dei politici, anche se infrangono le regole che si applicano ad altri. Tuttavia, Facebook afferma di non “trattare più di materiale pubblicato da politici in alcun modo diverso dal materiale pubblicato da altri”.

La società afferma che segnalerà i casi in cui viene utilizzata questa regola di eccezione.

insultare gli elettori

Donald Trump venerdì ha definito la decisione di Facebook un insulto a coloro che l’hanno votata, ribadendo allo stesso tempo l’affermazione che è stato il vero vincitore delle elezioni – affermazioni che sono state confutate da dozzine di azioni legali sulla scia del passato. L’anno delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti.

– Non dovrebbero essere autorizzati a sfuggire a questa censura e bavaglio, e alla fine vinceremo. “Il nostro Paese non può più gestire questi abusi”, ha affermato Trump in una nota.

Grave violazione

La direzione della società e il comitato di sorveglianza nominato da Facebook hanno affermato che due dei messaggi Facebook di Trump dal 6 gennaio hanno comportato gravi violazioni delle regole sui contenuti di Facebook e Instagram.

– Ti vogliamo bene. Ha scritto ai manifestanti violenti nel suo primo messaggio: Siete molto speciali. Nel secondo, li chiamò “Grandi Patrioti” e chiese loro di “ricordare questo giorno per sempre”.

Il panel ha spiegato che si trattava di una violazione delle regole di Facebook per lodare o sostenere la violenza e ha fatto particolare riferimento alle regole di Facebook contro “individui e organizzazioni pericolose”. Queste regole escludono chiunque pubblicizzi un’agenda violenta e proibiscono i messaggi che esprimono sostegno o lode per questi individui o gruppi.

READ  Circa 1.300 dispersi dopo l'alluvione in una regione tedesca - NRK Urix - Notizie e documentari esteri

micio

Facebook ha fatto un’eccezione generale per quelli che sono stati descritti come dati di valore di notizie nel 2016. La pratica ha attirato un’attenzione speciale nel 2019, quando Nick Clegg ha affermato che le dichiarazioni dei politici dovrebbero essere trattate come contenuti di valore di notizie che dovrebbero essere visti e ascoltati pubblicamente.

“Se qualcuno fa una dichiarazione o pubblica un post che viola i nostri standard, continueremo a consentirlo sulla nostra piattaforma se riteniamo che l’interesse pubblico nel vederli superi il rischio di danni”, ha scritto in un post sul blog.

Cinque persone hanno perso la vita quando i manifestanti hanno preso d’assalto l’edificio della conferenza nella capitale degli Stati Uniti. Finora, più di 300 persone sono state accusate in relazione ai disordini.