Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Fede e scienza si possono conciliare

I mondani dovrebbero abbandonare l’arroganza dei credenti.

Tutta la vita dipende da cambiamenti spontanei che non possono essere previsti scientificamente. Nella scienza si chiama “emergenza”. Evind Meland ha scritto che nel linguaggio religioso si chiama “creazione”.
pubblicato pubblicato

iconadiscussione

Questo è l’argomento di discussione. Il post è stato scritto da un collaboratore esterno e l’assicurazione della qualità è stata curata dal Dipartimento dibattiti di BT. Le opinioni e le analisi sono di proprietà dell’autore.

Ragnar Wieland Alla BP il 6 agosto avverte del fondamentalismo su entrambi i lati del divario religioso. Come Fjelland, ho un punto di partenza mondano e scientifico quando affermo che fede e scienza dovrebbero essere unite. Se non lo facciamo, possiamo facilmente cadere vittime del fondamentalismo religioso e scientifico.

Chiunque conosca il contenuto dei Vangeli saprà che Gesù ha combattuto la vera sottomissione in una battaglia contro i farisei e gli scribi. Non è noto che la scienza moderna dia spazio alla fede e alla fiducia nella natura e nel creato.

scienza dottrina Consiste nel credere che tutto ciò di cui abbiamo bisogno è un modo scientifico per testare ipotesi in modo da poter confermare teorie corrette. Ma da dove vengono le ipotesi? Spesso da capricci e inclinazioni casuali, ciò che nel linguaggio religioso viene chiamato “rivelazione”.

La scienza moderna riconosce anche che tutta la vita dipende da cambiamenti spontanei che non possono essere previsti scientificamente. Questi fenomeni spesso rendono la vita più efficiente, ma in linea di principio sono casuali. Si verificano spontaneamente. Nella scienza si chiama “emergenza” o “fenomeni emergenti”. Nel linguaggio religioso si chiama “creazione” e “forza creativa”.

READ  Expression, Ospedale Østfold | È una routine chiedere ai pazienti esausti di Calens di cambiare stanza nel cuore della notte?

Credenti e laici insieme devono ammettere che noi come esseri umani dipendiamo e apparteniamo a qualcosa di più grande di noi stessi che è per noi inimmaginabile. Dobbiamo condividere la stessa umiltà e soggezione.

Evind Meland crede che i poteri di autoguarigione della vita non possano trovare posto se cerchiamo con zelo la rivelazione tanto attesa nella quarta immagine MRI.

mito La scienza e le tecniche terapeutiche sono particolarmente dannose nella mia materia, la medicina. Il trattamento e la guarigione non sono solo una base scientifica. Facciamo affidamento sul potere curativo della natura. Dobbiamo avere fede e fiducia che l’apertura, la pazienza, l’amore e la compassione possono promuovere la guarigione e la crescita umana.

La scienza non ci fornisce tali valori. Dobbiamo fare alcune scelte preziose per creare spazio per la scienza e la tecnologia. Pertanto, fede, fiducia e scienza devono coesistere.

vita di autoguarigione Le forze sono difficili da assimilare se cerchiamo unilateralmente e molto intensamente potenziali batteri, un raro difetto enzimatico, un’ipotetica anomalia metabolica o il tanto atteso rilevamento sulla quarta immagine MRI.

Non sprecheremo tecnologia medica e scienza. Ma possiamo renderci conto che la tecnologia appartiene a tutto ciò in cui il sacro, l’enunciato e lo spontaneo a volte hanno più importanza per la nostra salute delle procedure, della tecnologia e della scienza.

Miti sulla scienza La tecnologia porta ad un aumento dei problemi di salute e funzionali. Le aspettative irrealistiche aumentano la sofferenza che minaccia la sostenibilità dello stato sociale e del sistema sanitario. Pertanto, è così importante che il mondo abbandoni l’arroganza dei credenti.

Invece, dobbiamo creare una comunità di tutti coloro che comprendono e sperimentano che apparteniamo a qualcosa di più grande di noi stessi.