sabato, Giugno 22, 2024

Ferrari Roma Spider con sorpresa sul sedile posteriore

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

La Ferrari Roma ha rappresentato una nuova direzione del design per la Ferrari quando è stata introdotta, con chiari riferimenti alle curve più morbide e alle espressioni meno aggressive degli anni ’60. Sono finite le prese d’aria che avrebbero fatto pensare che il team di progettazione avesse scavalcato la carrozzeria con un’ascia.

La parte anteriore è stata sostituita con la mascella di uno squalo arrabbiato con qualcosa che potrebbe assomigliare a un aspiratore in una cucina costosa. Il lungo cofano e l’abitacolo a forma di lacrima evocavano associazioni sia con i Delfini che con la Jaguar E. Le luci posteriori, che sporgono come piccoli motori a reazione rotondi, sono diventate strisce LED discretamente strette integrate nel parafango posteriore.

Più armonioso: la Ferrari Roma Spider ha linee più simmetriche, che potrebbero aiutare a preparare il mercato a futuri modelli elettrici più snelli. Foto: Ferrari

nessuna via d’uscita

Uno dei motivi per cui la Ferrari offre ora modelli più snelli con prese d’aria inferiori potrebbe essere che sta preparando il mercato per i prossimi modelli elettrici. Così come era necessario per la sopravvivenza del SUV Purosangue a quattro porte, è anche inevitabile che la Ferrari dovrà mordere il cavo di ricarica elettrica acida.

la vita è bella

Secondo Ferrari, il tema di questo nuovo approccio più morbido sarà “La Nuova Dolce Vita”, che si traduce approssimativamente in “La nuova dolce vita”.

Cinque strati: il tetto a cinque strati della Ferrari Roma Spider deve essere cucito con un nuovo tessuto speciale e, se hai il budget, i fili di cucitura sono offerti in diversi colori e varianti interessanti per rendere l’auto più personale. Foto: Ferrari

Le nuove Ferrari sono sempre entusiasmanti, e ora hanno tagliato la parte superiore della Roma Spider e hanno cucito un tetto a cinque strati con un materiale nuovo di zecca che presumibilmente hanno realizzato loro stessi. Questa sarebbe la prima volta che una Ferrari con motore anteriore avesse un tetto in tela dalla 365 GTS4 del 1969, ed è forse meglio conosciuta con il nome non ufficiale “Daytona”.

READ  Le parti provengono dalla Cina e la pelle dall'Italia. Tutto deve essere messo in quarantena.

prezzo dell’oro

Oltre a rimuovere il tetto, secondo il comunicato stampa, la Ferrari ha anche rimosso tutti i rivestimenti esterni, compresi i piccoli stemmi gialli sui parafanghi anteriori, che probabilmente ti sarà permesso di pagare più del prezzo dell’oro di oggi per indossarlo . di nuovo.

Nessuna decorazione: la Ferrari Roma Spider inizialmente viene fornita senza i piccoli scudi gialli sui parafanghi e altre finiture, che sicuramente riceverai un’offerta per adattarla in modo solido al prezzo. Foto: Ferrari

Il testo è anche ricco di descrizioni pittoresche di come riuscirono a ottenere finiture di pregio su modanature, tele e pannelli. Forse non ci si aspetterebbe nemmeno altro, quando il prezzo finisce per niente sotto i quattro milioni di corone, ma piuttosto un po’ più in alto.

Tesla

Nascosto sotto il cofano con tutte quelle curve lunghe e morbide, la Ferrari ha messo lo stesso motore di quello di Portofino. Ciò significa un V8 biturbo da 3,9 litri che dovrebbe produrre 620 CV e 760 Nm, fornendo l’80 percento della coppia a partire da 1.900 giri.

Divertimento di guida: con tutte le nuove auto elettriche che aumentano costantemente la loro potenza elettrica, la Ferrari Roma Spider si concentra sul fatto che il piacere di guida consiste in una serie di esperienze diverse dalla vittoria al semaforo in un rally. Foto: Ferrari

Dovrebbe essere in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi e una velocità massima di oltre 320 km/h. Qualche tempo fa, Finansavisen Motor ha testato la Tesla Model X Plaid, che secondo il produttore ha 1020 CV e gestisce lo 0-100 km/h in 2,6 secondi. Il mondo automobilistico è davvero cambiato quando ti siedi su una Ferrari ed esiti un po’ prima di premere il pedale dell’acceleratore lontano dal semaforo, nel caso in cui l’auto di famiglia accanto sia più veloce.

Fertilizzante

Forse questo è uno dei motivi per puntare su “La Nuova Dolce Vita” per sottolineare che il piacere di guidare non è solo statistica. Per permetterti di goderti al massimo la vita al volante, dovrebbe essere possibile far uscire l’odore del letame nei campi in soli 13,5 secondi a una velocità fino a 60 km/h.

Se l’esperienza diventa un po’ intensa, puoi ovviamente utilizzare il motore V8 per far avanzare rapidamente la scena all’indietro. Chi ha guidato veloce su una decappottabile sa che ci possono essere un po’ di turbolenza, ed è qui che entra in gioco la sorpresa nascosta della Ferrari.

piano di taglio

Nello schienale dei sedili posteriori piuttosto piccoli è stato inserito qualcosa di simile ai piani ritagliati sulla barca. Secondo il produttore, premendo un pulsante sulla consolle centrale, dovrebbero inclinarsi in aria, fungendo da due parabrezza dietro le teste del guidatore e del passeggero.

Nascosto: due lembi sono nascosti nello schienale del sedile posteriore della Ferrari Roma Spider, che possono essere aperti utilizzando un pulsante nella consolle centrale anteriore. È anche ben nascosto nella foto, ma è possibile vedere un contorno. Foto: Ferrari

Il presupposto ovviamente è che non ci sia nessuno sul sedile posteriore, ma forse ci sono dei sensori che si accendono e emettono un forte segnale acustico in segno di protesta. Probabilmente è peggio se qualcuno mette una piccola borsa o una borsa della spesa sul sedile posteriore e afferra il coperchio per la maniglia durante la salita. La Ferrari non ha inviato alcuna foto del sistema in uso, in quanto potrebbe entrare in conflitto con il design altrimenti un po’ simmetrico.

Pane di pasta

A proposito, non ha avuto del tutto successo da tutte le angolazioni. Come spesso accade, rimuovere il tetto di un’auto presenta alcune sfide. Lo sceneggiatore ha fatto del suo meglio per trovare una descrizione della siepe leggermente ondulata, ma guardandola direttamente di lato dà l’impressione che si tratti di pasta di pane che si è staccata proprio da un’estremità.

Non è del tutto corretto paragonarla al modello a cui si riferisce la stessa Ferrari, la 365 GTS4, o la Daytona come molti la conoscono. A quei tempi dovevi scaricare da solo il tettuccio e rimetterlo a posto, non c’era il parabrezza che si ribaltava velocemente, e se in viaggio c’erano più di due persone gli altri dovevano chiamare un taxi. Il risultato è stato un design elegante e iconico che ha reso la classica Ferrari una delle auto più ricercate. Il tempo dirà se la Ferrari Roma Spider raggiungerà lo stesso livello di popolarità.

gomma bruciata

All’interno, la Ferrari ha provato a riaccendere la nostalgia installando la stessa leva selettrice della versione hardtop. Dovrebbe essere simile allo sjalte posteriore aperto che è stato a lungo una delle caratteristiche più popolari del marchio, ma ora si vede solo sui modelli usati.

Nostalgia: il pannello tra i sedili dove si scelgono gli ingranaggi della Ferrari Roma Spider dovrebbe ricordarci le vecchie Ferrari, dove si doveva guidare una vera leva del cambio attraverso le fessure ricavate da un pezzo di metallo. Foto: Ferrari

Il piccolo interruttore sul volante denominato Manettino parla a tutti i microchip di bordo, e con il “Side Slip Control” versione 6.0 e il “Ferrari Dynamic Enhancer” è possibile provare il piacere della guida in diagonale rispetto al senso di marcia con l’odore di gomma bruciata nel naso e V8 italiani nelle orecchie. Bisogna stare attenti a godersi la dolce nuova vita finché dura, prima che la nuova vita elettrica spenga il suono.

More articles

Latest article