Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Fiat 128: auto dell’anno – e in anticipo sui tempi

Dal 1964, ogni anno la giuria ha votato il premio Auto dell’anno in Europa. Vincere questo premio dà molta attenzione e senza dubbio ha un grande valore nelle pubbliche relazioni. Il numero di rappresentanti che ogni stato dovrebbe avere nella giuria dipende dalle dimensioni del mercato automobilistico e dall’industria automobilistica dello stato. La Norvegia ha un rappresentante nella giuria e la stragrande maggioranza proviene dal Regno Unito e dalle principali nazioni automobilistiche del continente.

Quindi, nel corso dei decenni, ci sono stati molti strani – e meritevoli – molti vincitori con questo premio, dal punto di vista dei norvegesi.

Broom dà un’occhiata ad alcune di queste cose, questa volta intorno alla piccola e intelligente Fiat 128, che è stata nominata Auto Europea dell’Anno nel 1970.

Questo nuovo entusiasmante italiano – lanciato l’anno prima – ha vinto il premio Car of the Year davanti a un altro italiano, l’Autobianchi A112, e con la Renault 12 al terzo posto.

Capacità Volkswagen

Quando si sceglie l’Auto dell’anno, l’obiettivo è trovare l’auto meglio acquistata tra i rispettivi candidati, indipendentemente dalla classe, dalle dimensioni e dal prezzo. Per partecipare, il veicolo deve essere stato varato negli ultimi 12 mesi prima dell’assegnazione del premio. Indipendentemente dalla nazionalità, l’obiettivo di vendita per il rispettivo modello deve essere di almeno 5.000 unità ciascuno. anni e il veicolo deve essere in vendita in almeno cinque paesi europei.

Nel 1970, è stata la Fiat 128 a ottenere il maggior numero di punti nelle categorie per design, comfort, sicurezza, economia, caratteristiche di guida, prestazioni, ambiente, ambiente di guida e prezzo. È stato facile essere d’accordo con la giuria, perché la Fiat 128 ha suscitato grande interesse al suo lancio, con un grande potenziale per le autovetture.

128 per il mio amico, un po’ la prospettiva di una rana. Nella foto: Frank Wilkinson

tecnicamente avanzato

L’auto ha affascinato tutti con il suo design leggero e il tipico carattere italiano. Perché anche se il motore non era grande, l’auto non era nemmeno pesante – e con una nuova combinazione di cambi di marcia giusti e uso intenso del pedale, l’auto era intelligente allo stesso tempo e divertente da guidare. per associare il piacere di guida alle auto italiane!

Nel premio Car of the Year, l’auto ha indubbiamente ottenuto molti punti sia per il design che per le caratteristiche di guida, da qui il gran parlare che la 128 fosse tecnicamente avanzata per l’epoca.

A quel tempo vendevano bene in Norvegia – ora sono quasi spariti

Tanto spazio risparmiato

L’auto, di cui furono prodotte più di tre milioni dal 1969 al 1985, fu uno dei primi modelli ad essere dotata di trazione anteriore e motore anteriore trasversale.

Non era una sensazione di per sé, ma la Fiat 128 aveva anche piantoni dello sterzo di varie lunghezze. Ciò ha permesso di affiancare il motore e il cambio, risparmiando molto spazio.

Qui stiamo parlando di un pannello di controllo pulito e chiaro.

Qui stiamo parlando di un pannello di controllo pulito e chiaro. Foto: Fiat

Il nuovo standard

Tuttavia, forse il motore più entusiasmante era il motore, un’innovazione da 1,1 litri di Fiat con una testata in alluminio e un albero a camme in testa. Questo era un design interessante del motore quando la Fiat 128 fu lanciata nel 1969. Solo un decennio dopo questo concetto divenne popolare con la maggior parte delle case automobilistiche.

In breve, le soluzioni tecniche hanno fornito uno spazio interno incredibilmente buono e un vano bagagli sorprendentemente ampio. In questo campo, il nuovo arrivato ha stabilito un nuovo standard nella classe.

Costruito da bot – non è servito a molto كثير

55 CV con cui guidare drive

Come berlina a quattro porte, la nuova Fiat più venduta era lunga 3,86 metri e larga 1,59 metri. L’altezza era di 1,34 m, il passo dell’auto era di 2,45 m, le ruote girate verso gli angoli. Quest’ultimo ovviamente ha avuto un enorme impatto sullo spazio interno, ma anche in gran parte sulle caratteristiche di guida della piccola vettura, il che è stato davvero stimolante!

Dal lancio, la Fiat 128 è arrivata come berlina e station wagon a 2 o 4 porte. L’unico motore disponibile per il primo motore d’epoca era il già citato 1.1 litri con 55 CV, la coppia massima di 77 Nm che è arrivata prima a 6000 giri / min. Successivamente, sono state aggiunte diverse opzioni del motore, tra cui alcune davvero intelligenti. Con abbastanza potenza, la Fiat 128 è diventata anche un’auto che ha fatto bene al rally.

La Fiat 128 Coupé SL a tre porte era una versione molto popolare nella famiglia 128.

La Fiat 128 Coupé SL a tre porte era una versione molto popolare della famiglia 128. Foto: Fiat

circa litro

Una trasmissione manuale a quattro velocità era di serie sulle prime vetture. I numeri, ovviamente, indicano che le prestazioni sono state mediocri in questo senso, viste con gli occhi di oggi.

Da 0 a 100 km/h, la piccola Fiat impiegava più di 14,5 secondi, e la velocità massima era di ben 140 km/h. Non era affatto male, rispetto a molti concorrenti dell’epoca. L’auto poi pesava poco più di 800 chilogrammi, quindi il rapporto peso/potenza non era affatto male.

Non ricordo come fosse il consumo di carburante, ma le esperienze con altre auto intorno al 1970 indicano probabilmente che questo era di circa un litro nella guida mista.

Un paio di fari aggiuntivi davanti e un po 'di più, inclinati, quindi l'auto si chiamava 128 Rally.

Un paio di fari aggiuntivi davanti e un po ‘di più, inclinati, quindi l’auto si chiamava 128 Rally. Foto: Fiat

buon pagamento

Ricordo meglio la Fiat 128 perché è stata la prima macchina nuova che ho guidato durante il viaggio di fine settimana da Arendal a Oslo. Il motivo è che ho fotografato al matrimonio della figlia di Ivar Tveit, concessionario Fiat di Arendal, e il compenso era un weekend lungo con la Fiat lunga.

Ho pensato che questo fosse ben pagato. Da giornalista appena assunto, il più giovane in redazione, lo stipendio era a un livello che non permetteva l’acquisto di altre auto usate male e usurate. Ricordo ancora lo stipendio settimanale della NOK. 274.50, consegnato da Solveig Contabilità in una busta A6 marrone con la liquidazione applicata sul davanti.

È diventata l’auto dell’anno – è andata bene dopo

Veikroer nok

E un giro di Oslo con una Fiat 128 che pensavo abbia pagato bene per un piccolo flop in chiesa! L’auto ha funzionato benissimo anche sui lunghi viaggi, e con il benchmark E18 per tempo e velocità permettendo, questo è stato un viaggio davvero lungo – nel vero senso della parola…

Ora non importava molto se il viaggio durava un po’, non mancavano distributori di benzina e ostelli sulle strade. Intorno al 1970, credo di ricordare, c’erano circa 15 hotel lungo la strada di varie dimensioni e qualità lungo la strada, e comunque probabilmente non meno distributori di benzina.

La Fiat 128 è succeduta alla Fiat 1100R, seguita a sua volta dalla Ritmo. L’auto è stata prodotta a Torino, ma anche in Jugoslavia, Spagna, Argentina, Egitto, Marocco, Colombia, Sud Africa e Sri Lanka. Forse la più famosa è stata la produzione della licenza in quella che allora era la Jugoslavia, nella parte del paese oggi conosciuta come Serbia. Ecco la produzione della Zastava 128/101 dai primi anni ’70 al 2008.

Dovresti cercare un’auto nuova e più piccola da molto tempo

READ  Processo di tornitura in Cina - E24