Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Fiat non lo sai

Questo articolo è stato originariamente pubblicato Motore Finnavice.

Schiudere: Per fare qualsiasi cosa con il nome OSCA, devi aver letto la storia dell’auto. Ma una volta che sai cosa significa, acuisci le tue emozioni ogni volta che senti o vedi il nome.

Dalla Maserati all’OSCA

OSCA sta per “Officine Specializzate Costruzione Automobili – Fratelli Maserati SpA”. L’azienda è stata fondata nel 1947 dai fratelli Pinto, Ettore ed Ernesto Maserati, tre fratelli che fondarono l’azienda nel 1914 con il nome di famiglia.

Dal 1927 iniziarono a costruire le proprie auto, producendo solo vetture da corsa, e dieci anni dopo il box era in fondo. La famiglia di industriali Orsi rileva l’attività nel 1937 e la trasferisce dalla città natale di Bologna a Modena.

Come parte dell’accordo, i fratelli continuano a operare e non hanno stabilito la propria attività competitiva per dieci anni. Questa regola fu abolita nel 1947 e non ci fu alcun ritardo nel ritorno dei restanti fratelli al Motorsport.

Soddisfazione: non c’è da stupirsi che Asmond Martinsen sia felice in macchina. Foto: Ivar Engerud / Finansavisen

Cuore Fiat

L’Italia è stata un Paese che ha subito gravi danni dopo la seconda guerra mondiale, ma è stato anche un Paese di speranza e di coraggio. Ben presto mantennero buoni rapporti con gli Stati Uniti, che furono una garanzia di progresso sia tecnologico che economico in tempi difficili.

Da parte della Fiat, il management credeva pienamente di poter produrre auto più economiche e più competitive con gli americani e il resto d’Europa in modelli leggermente più piccoli con motori più piccoli ed efficienti.

La strategia OSCA del 1947 era quella di investire nel motorsport con le proprie auto da corsa per la popolare classe 1100 cc, costruite con i propri motori basati sul blocco motore Fiat. Nel 1955 il motore da 1500 cc accelerò la crescita con cilindri di maggiori dimensioni, doppi alberi a camme in testa e doppia accensione.

Fiat-lusso

OSCA non solo ha utilizzato i motori Fiat nelle sue auto da corsa, ma ha anche collaborato con Fiat per creare modelli più lussuosi. Auto dalle linee slanciate e un po’ di cipria in più sotto il cofano con OSCA.

Per elevare la linea oltre i propri modelli standard, Pinin Farina è stata assunta nella pagina del design. L’effetto della collaborazione fu mostrato per la prima volta al Salone di Torino nel 1958: un modificatore elegante che non ricordava mai la versione leggermente più modesta della Ferrari 250GT Cabrio. Firmato casa di design italiana del maestro.

L’iniziativa del trifoglio è stata introdotta sul mercato nel 1959 ed è stato un modello che ha notevolmente elevato l’immagine della Fiat negli anni ’60. Ha portato il gusto de “La Dolce Vita” e il talento italiano a migliaia di clienti a un prezzo accessibile.

Delle 34.000 Fiat cabriolet e coupé totali, si stima che meno del 10 percento o più siano dotati di motori sintonizzati OSCA.

Joy Spreader: seduto al volante in questo modo, sei felice con strumenti come questo di fronte a te. Foto: Ivar Engerud / Finansavisen

Espansione di Pininfarina

Pinin Farina (Pininfarina dal 1961) alla fine degli anni ’50 ha investito molto e ha stabilito un’elevata capacità produttiva di carrozzerie in un nuovo stabilimento a Grugliasco. Il padre, Batista “Pinin” Farina, ha ceduto lo sviluppo al figlio Sergio, rappresentando allo stesso tempo una potente trasformazione in una grande azienda di produzione.

Essendo un fornitore di corte alla Ferrari, hanno anche avuto lavori di progettazione e costruzione per un’ampia varietà di produttori come Lancia, Alfa Romeo, Austin e Peugeot. Se pensi che ci siano delle somiglianze tra alcuni modelli di marche diverse, hai ragione.

READ  Come scommettere online sul calcio?

È apparso anche ai leader di questi marchi, soprattutto dopo aver visitato varie mostre nei primi anni ’60. Pensavano che qualcosa fosse unico, ma si resero conto che lo stesso design di base era stato applicato a molti modelli progettati da finiferina di marchi concorrenti. Ciò dovrebbe creare indirettamente una maggiore consapevolezza dell’identità del marchio tra i produttori di automobili e creare settori dell’interior design più grandi e professionali.

LA DOLCE VITA: Bellissimo abito laccato bianco avorio, disegnato da Pininfarina 60 anni in Fiat Cabriolet Italia

LA DOLCE VITA: Vestita con una bella lacca bianco avorio, la Fiat Cabriolet, disegnata da Pininfarina, 60 anni, trasuda “bella vita” in Italia. Foto: Ivar Engerud / Finansavisen

Dalla Svezia

Åsmund Martinsen di Klækken, vicino a Hønefoss, ha un passato nell’industria automobilistica con due marchi, Saab e Auto Union, nella sua città natale. Entrambi i marchi sono menzionati nella collezione di auto, che alla fine rappresenta sei auto con DKW e MG. Tutto ripristinato in posizione originale quasi perfetta o vite piccola. Torneremo su alcuni di questi, ma la sua Fiat è così speciale nel contesto norvegese e internazionale che merita una spiegazione a parte.

– Ho trovato l’auto a Stoccolma a metà degli anni ’90 ed ero particolarmente interessato perché era stata tagliata su una versione 1500 OSCA con 100 cavalli, dice Martinsen.

La bellissima macchina è stata portata in una roulotte a Stoccolma nel 1996 e, una volta tornata a casa, tutto si è svolto.

– Era inossidabile, per il resto andava tutto bene. Quindi è stato fantastico. Sfortunatamente, tutto ciò che non ho visto quando l’ho acquistato era pessimo. Quindi, invece di iniziare a funzionare e mantenere, tecnicamente passa attraverso tutto. Ho sostituito il motore, sostituito il cambio, sostituito l’albero da giardino, pulito le molle e cambiato gli interni da pelle a pelle.

L’auto, che ora ha 60 anni, sembra provenire direttamente da un concessionario Fiat appena consegnato in Germania. La Norvegia non ha nuovi modelli come questo e molti non hanno trovato la loro strada qui.

Anche nella nostra auto sportiva – ama il vicino orientale, non era una vista comune negli anni ’60 e questa copia è stata importata di seconda mano dopo essere stata utilizzata in Germania per circa dieci anni. E 25 anni dopo, in questo Paese, si completarono l’abbellimento delle strade di campagna nell’area di Hønefoss e gli eventi a cui Martinson ha partecipato.