Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Flash, rumore e chiacchiere: i cinema introducono misure contro il rumore – NRK Cultura e intrattenimento

Flash, rumore e chiacchiere: i cinema introducono misure contro il rumore – NRK Cultura e intrattenimento

Sei seduto in una sala cinematografica buia, immerso nel mondo del cinema.

All’improvviso l’illusione si spezzò.

Un gruppo di tre giovani che parlano ad alta voce.

scorrimento sul cellulare.

La notte che hai pagato e atteso sarà rovinata da alcune persone irrispettose.

Se si deve credere ai forum online e alle aree di commento nei social media, questo è un metodo popolare. I più grandi cinema norvegesi confermano che questo è un problema.

nuove misure

Appariamo al cinema Odeon di Oslo prima della prima di “John Wick – Capitolo 4”.

Carl Ismail Abraham, uno dei partecipanti, dice che il rumore gli ha già rovinato l’esperienza cinematografica.

Piccole chiacchiere fastidiose: Carl Ismail Abrahams crede che il rumore in un cinema possa rovinare un’esperienza. Anche questo è inconcepibile: – Sono così coinvolto nel film che non parlerò mai.

Foto: Stig Jaarvik/NRK

– È triste che sia così. Spero in un cambiamento.

In precedenza aveva notato che altri ospiti erano andati al cinema, solo per uscire con gli amici e sedersi sui loro telefoni cellulari.

– Di solito lo dico allo staff.

Sulla strada per la sala incontriamo due ragazze che hanno visto “Tina e Bettina 2”.

– Era una fotografia con il flash su tela, come si dice nella disperazione.

Poco prima dello spettacolo, un membro dello staff è uscito nell’auditorium e ha chiesto al pubblico di mostrarsi rispetto reciproco.

Questa è una delle tante misure che i cinema stanno cercando di mettere a tacere i giovani.

Hanno mandato delle guardie

Le principali catene cinematografiche del Paese hanno notato dei cambiamenti.

– Abbiamo assistito a un aumento dei reclami e degli incidenti dopo la pandemia, afferma John Einar Sievertsen, Direttore di Odeon Kino in Norvegia.

John Einar Sievertsen, cinema Odeon di Oslo

Commenti pubblici felici: il regista di Odeon è grato che le persone parlino quando sono esposte al rumore. Non vogliamo che nessuno lasci il cinema con una brutta esperienza.

Foto: Stig Jaarvik/NRK

Odion Kino è tra coloro che hanno agito. Sivertsen parla del personale che deve mettere in pausa le proiezioni cinematografiche per parlare con gli ospiti e licenziare le persone che hanno ripetutamente mostrato mancanza di rispetto.

Ci sono molti incidenti in cui devono interferire con le proiezioni di film poiché l’auditorium è pieno di giovani.

– ma questo Sono molti giovani che hanno perso un anno o due di allenamento provando insieme le cose, commenta il manager di Odeon.

– Il fatto che ci siano molte persone che entrano contemporaneamente che non sono state al cinema molto prima potrebbe significare che hanno bisogno di una piccola correzione.

D’altra parte, pensa che sia difficile dire se c’è stato un aumento dei casi o se le persone stanno migliorando nel dare notifiche.

Christine Berg, direttrice dei programmi di Nordisk Film Kino, conferma lo stesso.

Il personale si presenta nell’auditorium e talvolta abbiamo guardie di sicurezza in cinema selezionati.

Cristina Berg

Horror e horror: Kristen Berg ha individuato in particolare il pubblico nei film horror come inquietante. Sivertsen di Odeon Kino ha notato la stessa cosa.

Foto: Joe Michael

Berg si riferisce, tra l’altro, al film dell’orrore “sorrisi”che è decollato sui social. I teatri in Norvegia erano pieni di giovani e i cinema hanno dovuto affrontare grandi sfide con i discorsi, le urla e la fotografia sullo schermo.

Di recente, continua Berg, il numero di casi è in calo. Crede che le nuove misure possano avere un buon effetto.

Dobbiamo prenderlo sul serio. Questo non dovrebbe essere il caso.

Socialmente ritardato

È difficile determinare una spiegazione per il problema. Ma l’epidemia e l’uso diffuso dei telefoni cellulari tra i giovani potrebbero essere una causa sottostante, secondo lo psicologo giovanile Lars Hales Kneepp.

È possibile che l’epidemia li abbia resi socialmente un po’ più deboli di quanto sarebbero stati altrimenti. I giovani adulti sono un po’ socialmente arretrati e potrebbero avere difficoltà a rispettare le regole.

Lo psicologo Lars Hales Kneepp

Esperto di giovani: Lars Hales Kneepi ha scritto un libro su come la pandemia ha colpito i giovani in seguito. Crede che le loro abilità sociali potrebbero essere state temporaneamente compromesse dal momento in cui erano in isolamento.

Foto: Truls Alnes Antonsen/NRK

Kneppe sottolinea inoltre che il cellulare è qualcosa che accompagna molti nella vita di tutti i giorni, ed è stato un enorme supporto durante il lockdown.

È sempre molto disponibile.

Penso che la procedura abbia funzionato

Su richiesta dello staff, quella sera c’è stato uno spettacolo muto al cinema Odeon.

Carlo Guglielmo Nordby

Pubblico soddisfatto: Carl William Nordby credeva che ci fosse una buona atmosfera nella sala e che le persone si rispettassero a vicenda.

Foto: Stig Jaarvik/NRK

– La gente rideva quando c’erano scene divertenti e c’era una bella atmosfera, dice Carl William Nordby, uno degli ospiti che incontriamo dopo la fine del film.

– Quindi penso che potrebbe aver funzionato.

READ  Trovi difficile il linguaggio accademico? Lo pensano anche i ricercatori