lunedì, Luglio 15, 2024

Frane nei tram: – Avrei potuto essere

Must read

Ernesto Conti
Ernesto Conti
"Scrittore. Comunicatore. Drogato di cibo pluripremiato. Ninja di Internet. Fanatico della pancetta incurabile."

LYNGEN (Dagbladet): – Potrei essere stato io. Ma questo è ciò che dice l’italiano David Celigin sull’essere prudenti.

Dockblade lo incontra su una barca per Lingside con l’intera squadra che gioca a snowboard e scia a Storhaugen. Si trova a nord delle cime delle Alpi del Kofjord.

Tre sono rimasti intrappolati nella valanga e sono morti


Dall’alto si possono vedere le Alpi Lyngen dove un gruppo di francesi è stato travolto da un’enorme frana il giorno prima. Tre sono stati uccisi.

Nel 2012 5 persone sono morte sul dorso della stessa montagna.

Pronto: David Celikin, parte di una banda italiana, aspetta una barca diretta all'Alderdalen su una rotta sicura tra le montagne a Djupvik.  Ecco a Carlotta Doll Molin ignara che la zona in cui è avvenuto l'incidente è molto pericolosa.  Foto: Bjørn Langsem / Dagbladet

Pronto: David Celikin, parte di una banda italiana, aspetta una barca diretta all’Alderdalen su una rotta sicura tra le montagne a Djupvik. Ecco a Carlotta Doll Molin ignara che la zona in cui è avvenuto l’incidente è molto pericolosa. Foto: Bjørn Langsem / Dagbladet
Guarda anche

Lincoln ha il clima pasquale venerdì e il sole splende sulle cime bianche delle montagne. Tutti i rifugi della zona sono strapieni, senza nulla che possa far pensare al gioco di ieri.

– Sorpresa

Celeghin e il suo entourage scenderanno dalle trappole e sciano o fanno snowboard. Sono in Norvegia da quasi una settimana e vivono a Latvica, nel comune di Lincoln.

– è semplicemente spaventoso


– Abbiamo attraversato la valanga ieri e non si sa cosa sia successo o la sua entità, dice.

Tuttavia, dice che non ha paura.

Un’altra italiana del gruppo del tour, Carlotta da Molin, dice a Dacbladet che non pensa che sia così pericoloso qui.

Safe Sliding Choice: l'italiana Carlotta Dol Molin e ha optato per un viaggio più sicuro dopo la caduta di ieri.  Foto: Bjørn Langsem / Dagbladet

Safe Sliding Choice: l’italiana Carlotta Dol Molin e ha optato per un viaggio più sicuro dopo la caduta di ieri. Foto: Bjørn Langsem / Dagbladet
Guarda anche

– Questo mi ha sorpreso, dice.

Dice che il team del turismo sta scegliendo la strada più sicura a causa delle morti di giovedì.

Insieme a molti altri, ha pattinato sulle montagne di tutto il mondo come il Giappone e molti paesi europei. Molin pensa che sia più sicuro sciare in Norvegia che in Italia.

Lincoln: Giovedì 7 aprile, tre sciatori francesi sono stati uccisi in una frana nel comune di Lincoln. Daniel Larson, leader della forza paramilitare della Croce Rossa di Lincoln, dice a Dockbladet che il manto nevoso a Lingsead è “come una mina”. Video: Bjørn Langsem
Guarda anche

– Qui si parte a zero metri sul livello del mare, invece che di altitudine come nelle Alpi in Italia. Essere qui è così conveniente. E il paesaggio è così fantastico, dice.

Cercatore di frane: - Tutti nell'entourage usano i cercatori di valanghe, dice David Celkin prima di partire per le Alpi del Kofjord.  Foto: Bjørn Langsem / Dagbladet

Cercatore di frane: – Tutti nell’entourage usano i cercatori di valanghe, dice David Celkin prima di partire per le Alpi del Kofjord. Foto: Bjørn Langsem / Dagbladet
Guarda anche

– Esplosione nel traffico turistico

Ola Giæver, proprietario e direttore generale della Lyngseidet Guest House, afferma di aver notato che Dagbladet attira più turisti a Lincoln ogni anno.

- Rilassati con tutto ciò che avevamo

– Rilassati con tutto ciò che avevamo


– È triste quando accade un incidente, ma non si può dire nulla del traffico. Sta aumentando continuamente. Notiamo che Lincoln sta diventando sempre più popolare ogni anno.

Ci sono così tanti in montagna quest’anno, le persone vengono da tutto il mondo, dice.

– Qui ci sono molte montagne pericolose con neve a debole coesione. Una cosa è certa: è sicuro dove sono le rocce. Se ci sono grandi pendii e superfici bianche con una pendenza superiore a 30 gradi, c’è pericolo lungo il percorso, dice.

Inoltre, raccomanda di fare il contrario di quanto ha fatto giovedì la squadra di viaggio francese.

– Non guidare insieme come hanno fatto loro. Questo è pericoloso. Guida sempre uno per uno.

30 telefoni disponibili

Cyber ​​French Bolstadt, 29 anni, di s, trascorre un lungo weekend a Lincoln con ex colleghi. Dice di aver ricevuto più di 30 telefonate giovedì da familiari e conoscenti quando si è verificata la frana.

– Siamo un gruppo di nove persone che stavano sciando, come è stato annunciato per la prima volta, aggiunge:

Qui è dove è iniziata la valanga

Qui è dove è iniziata la valanga


Per fortuna mia madre non ne aveva sentito parlare quando le scrissi che non eravamo noi quelli rimasti intrappolati nella valanga.

Bolstadt vive nella Lyngseidet Guest House, a un chilometro dal luogo in cui si è verificata la frana, e sarà qui fino a domenica.

– Ho sentito qualche settimana fa che qualcuno è morto per una frana, ma è un po’ spaventoso quando succede quando siamo stati qui, dice.

Il gruppo del tour sceglie oggi un tour più tranquillo del previsto.

– Stiamo per raggiungere una vetta più impegnativa, ma abbiamo ricevuto molte chiamate da casa a riguardo e ci è stato assicurato che siamo sulla buona strada.

– Non hai paura e vuoi completare il viaggio?

– No, non andiamo per pendenze superiori a 20 gradi, quindi dovrebbe andare bene.

Polstad ha un rilevatore di valanghe sulla spalla.

– Oggi vado a fare il cross country su pista con un rilevatore di valanghe, dice scherzando.

READ  La Guardia Costiera italiana salva un peschereccio con più di 500 migranti

More articles

Latest article