Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Gaza, Israele | I quattro accordi di Trump hanno creato un imbarazzante dilemma arabo

I paesi arabi che hanno recentemente riconosciuto Israele affrontano un imbarazzante dilemma, secondo un analista mediorientale.

Mentre bombe e razzi piovono su Gaza e Israele, c’è anche un tiro alla fune tra le autorità e i residenti in molti paesi musulmani e arabi.

Il motivo è che quattro paesi musulmani hanno recentemente stipulato i cosiddetti accordi di normalizzazione con Israele. Mentre le autorità di questi paesi sono riluttanti ad indebolire le relazioni appena stabilite con Israele, i residenti degli stessi paesi nutrono una forte simpatia per la causa palestinese.

Emirati Arabi Uniti, Bahrein, Sudan e Marocco hanno recentemente stipulato accordi con Israele per normalizzare le relazioni. Questi accordi sono stati negoziati con l’aiuto dell’amministrazione Trump. Inoltre, ci sono già accordi tra Egitto e Giordania con Israele. La forza di questi accordi è variabile. Questi sono prima di tutto accordi simbolici importanti perché danno a Israele il tanto atteso riconoscimento dagli stati arabi – che ha il diritto di esistere. Gli accordi sono stati una grande vittoria per Israele, dice a Nettavisen il ricercatore senior della NUPI, Kjetil Selvik.

Leggi anche: Normalizzazione completa tra Israele e Emirati Arabi Uniti – sospensione del piano di annessione

I palestinesi hanno considerato questi accordi (incluso L’accordo abramitico Nota del redattore) come un grande tradimento. Credevano che questi paesi pensassero solo ai propri interessi e che non mostrassero solidarietà con la causa palestinese, dice Silvik.

Le autorità di questi paesi stanno procedendo con cautela e sono alquanto riluttanti a prendere posizione nel conflitto in corso tra Israele e Hamas. Di conseguenza, le autorità stanno cercando di bilanciare il loro nuovo rapporto con Israele con la mentalità crescente dei suoi residenti.


– in punta di piedi dei propri abitanti

Silvik dice che i residenti dei paesi che hanno accordi con Israele sono in gran parte solidali con la causa palestinese.

Vedono Gerusalemme, l’importante simbolo islamico, come minacciata. Gerusalemme è la terza città più santa tra i musulmani. Ciò significa che le autorità dei paesi che hanno stipulato accordi con Israele sono in punta di piedi nei confronti dei suoi residenti. Ad esempio, gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein sono stati molto autoritari e si teme che la mente si rivolga agli attacchi israeliani a Gaza contro le autorità che hanno stipulato accordi con Israele, afferma Silvik.

READ  I nuovi requisiti di accesso portano a una tempesta telefonica: - La gente ha iniziato a chiamarci giovedì sera

Leggi anche: Save the Children: oltre 60 bambini uccisi a Gaza e in Israele

La stragrande maggioranza dei paesi arabi ha condannato la scorsa settimana le incursioni della polizia israeliana nella moschea di Al-Aqsa a Gerusalemme est, che hanno lasciato centinaia di palestinesi feriti. Alcuni paesi arabi incolpano anche solo Israele per il conflitto a Gaza, citando il maltrattamento dei palestinesi a Gerusalemme est da parte delle autorità israeliane e dei coloni.

Gli Emirati Arabi Uniti, il Bahrein, il Sudan e il Marocco sono meno chiari nella loro critica pubblica a Israele.

“Queste autorità stanno dalla parte sbagliata dell’opinione pubblica nel modo in cui sono percepite e accolte dalla gente del mondo arabo”, ha detto il ricercatore Muhannad Hajj Ali del Carnegie Middle East Center. Watchman.

Stanno cercando di perseguire una politica estera attiva occupando una posizione che non hanno mai ricoperto prima. Può essere considerato sinonimo dell’occupazione israeliana e della politica israeliana nella regione. Ha detto al giornale che ciò avrebbe conseguenze non solo per Israele, ma anche per i loro nuovi alleati arabi.

Leggi anche: Nazioni Unite: 42mila palestinesi sono fuggiti dalle loro case


Dilemma imbarazzante

Il New York Times ha citato un analista del Medio Oriente dicendo che la situazione è “un dilemma imbarazzante per i paesi arabi che hanno recentemente riconosciuto Israele, perché hanno messo in pericolo la loro influenza (o la loro mancanza) su Israele”.

“Il riconoscimento diplomatico dovrebbe dare loro influenza, e uno dei loro argomenti è che Israele non rischierà di interrompere queste nuove relazioni con il mondo arabo, e quindi si ritireranno da cose come gli insediamenti e Gaza”, ha detto Khaled Al-Jundi da Washington. Un centro di ricerca con sede nel Middle East Institute New York Times.

READ  I passaporti Corona possono diventare una realtà in Norvegia

Intendo il contrario – che Israele ora ha più copertura, dice.

Leggi anche: Guterres chiede la fine immediata dei combattimenti in Medio Oriente

Israele sbavando sull’Arabia Saudita

Ci sono state molte notizie secondo cui il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha avuto incontri con il leader de facto dell’Arabia Saudita, il principe ereditario Mohammed bin Salman. Tuttavia, ci sono poche indicazioni che Israele sia vicino al riconoscimento pubblico da parte dell’Arabia Saudita.

Il premio principale che Israele spera ancora è un accordo di normalizzazione con l’Arabia Saudita, che è uno dei principali attori e leader del mondo musulmano sunnita. Esattamente come è oggi, nessuno pensa che un simile accordo verrà prima perché c’è così tanto sangue cattivo, dice Silvik.

Il Regno dell’Arabia Saudita è stato un fautore di una soluzione a due stati al conflitto israelo-palestinese. Silvik afferma che la premessa della proposta dell’Arabia Saudita per il piano di pace è che Israele deve essere riconosciuto da un mondo arabo unito se gli israeliani accettano la creazione di uno stato palestinese separato.

Questa dovrebbe essere la carota per coinvolgere Israele nei negoziati di pace. Quando Israele ottiene questo riconoscimento da quattro paesi arabi senza che i palestinesi ottengano nulla, è chiaro che questo indebolisce ulteriormente la mano dei palestinesi nei negoziati, dice Silvik.

Leggi anche: – Questa è una guerra completa. Ferma la follia adesso!

La Palestina non è il mio caso

Alla fine di questa settimana, l’hashtag “La Palestina non è la mia causa” è stato diffuso sui siti di social media negli Emirati Arabi Uniti, Bahrein e Kuwait. Tuttavia, la percentuale di utenti che usano l’hashtag è solo una goccia nell’oceano rispetto al supporto schiacciante per la Palestina sui social media negli stessi paesi, scrive. Watchman.

Silvik dice che ci sono poche prove concrete che suggeriscano che il sostegno alla causa palestinese nel mondo arabo si sia in qualche modo indebolito negli ultimi dieci anni.

READ  - La giustizia è qui - VG

Quello che sappiamo è che il mondo arabo soffre di grossi problemi nell’affrontare se stesso, comprese le guerre civili in Libia, Yemen, Iraq e Siria. Ciò ha portato a una certa tirannia sulla causa palestinese. Ma le persone stanno reagendo con forza alle immagini che mostrano la sofferenza a Gaza. Quindi non sono sicuro che arabi e musulmani abbiano effettivamente ricevuto molta meno simpatia per la causa palestinese, dice Silvik.

Sebbene il sostegno ufficiale per i palestinesi nella Striscia di Gaza fosse relativamente piccolo da Emirati Arabi Uniti, Sudan, Bahrein e Marocco, Silvik non è sicuro che il sostegno sarebbe stato molto maggiore se i paesi non avessero stipulato nuovi accordi di relazione con Israele.

È difficile determinare la forza del sostegno fornito dalle autorità di questi paesi ai palestinesi se gli accordi con Israele non fossero stati stipulati. La condanna è forse un po ‘più forte nelle dichiarazioni ufficiali. Ma non credo che questo sia un paese che avrebbe fatto molta differenza per i palestinesi di Gaza durante questa guerra, dice.

Il sostegno degli Emirati non è mai stato così forte. Il fattore importante è che gli Emirati Arabi Uniti, che sono un importante attore regionale in Medio Oriente, hanno un rapporto molto teso con tutto ciò che riguarda il movimento dei Fratelli Musulmani. Hamas nella Striscia di Gaza discende dallo stesso movimento. Gli Emirati Arabi Uniti sono sempre stati tiepidi nei confronti di Hamas. Mentre paesi come la Turchia e il Qatar hanno sostenuto i Fratelli Musulmani, gli Emirati Arabi Uniti sono stati dalla parte di coloro che si oppongono. Questa è una lotta per il potere regionale, dice Silvik.

Pubblicità

Breve periodo: vendita di liquidazione con stagni, pranzo e meno rhesus