Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Gioco, cubo |  Il segreto del “gioco” crea completa confusione: – Non ne ho idea

Gioco, cubo | Il segreto del “gioco” crea completa confusione: – Non ne ho idea


“Benvenuti nel gioco. Questo è un gioco di sopravvivenza sociale. Le regole di questo gioco sono semplici ma ingiuste.”

Queste erano le parole di “The Cube” quando dodici celebrità eccitate e confuse arrivarono alla villa “Spillet” di Nesøya ad Asker – senza sapere veramente a cosa avevano accettato di prendere parte.

Leggi anche: “Il Gioco” – Stephen ha visto “tutto”: – Diversi destini

A poche settimane dall'inizio del “gioco”, c'è ancora molta confusione tra i partecipanti, che non sanno mai con certezza di chi possono fidarsi e di chi no. Ma se c'è una persona di cui possono fidarsi per sapere cosa accadrà lungo il percorso, quella è The Cube.

Ma chi si nasconde effettivamente dietro il “cubo”? Sembra che pochissime persone lo sappiano.

Mantiene nascosta l'identità

Sui social sono in molti a speculare se il suono del “cubo” sia reale o generato dall’intelligenza artificiale.

Il direttore stampa di TV 2, Jan Peter Dahl, può rispondere a questa domanda:

-Pensiamo che sia positivo che ci sia molto interesse e speculazioni sul “gioco” in generale e sul SoundCube in particolare. Possiamo confermare che dietro l'audio c'è una persona, ma non vogliamo rivelare l'identità della persona. Bisogna lasciare che il cubo sia il cubo, senza che questo sia legato a una persona specifica, come spiega il direttore stampa in un commento a Nettavisen.

Leggi anche: Questo è servito ai partecipanti al “gioco”.

Quindi Dahl può confermare che dietro il “cubo” c'è qualcuno, ma non vuole dire chi.

– Non lo so

La partecipante Line Andersen (50) se la cava bene con l'identità del “cubo” che rimane sconosciuta.

READ  Partite nazionali il 17 novembre

– Non mi interessa davvero. Ho un buon rapporto con il cubo, fa parte della mia esperienza, quindi per me quel suono è il cubo”, condivide ridendo.

Leggi anche: I partecipanti al “gioco” avevano richieste chiare per TV2

Quando Nettavisen le ha chiesto se avesse dubbi o nomi da chiedere, lei ha risposto:

– No, non ne ho idea. Ma penso che l'avremmo sentito se avessimo conosciuto il suono. Dice che potrebbe essere chiunque.

Anche se non sa chi si nasconde dietro, Andersen dice di sentirsi ancora legata al suono del cubo.

– Le tre voci che risuonavano ogni volta che eravamo insieme suscitavano ancora qualcosa in me, come se fossi tornato a casa a Nissoya. “Mi piace il cubo per quello che è”, dice.

Tuttavia, non sempre lo apprezzava:

– Ci dà fastidio, e ci darà ancora più fastidio. Penso che prima o poi la chiamerò psicopatica.

“E adesso, ripensandoci, mi dispiace molto”, sorride Andersen.

– shock

D’altronde Victoria Skau (25 anni) fornisce un nome quando Nettavisen le chiede cosa pensa dell’identità del “cubo”.

– Spero che sia Solveig Kloppen, la amo, ride.

Martha Levenstad (30) invece non ha fiducia nella teoria di Skow e non la considera affatto una celebrità.

– Penso che fosse una donna a caso in un ufficio a caso in cui qualcuno ha detto: “Hai una voce un po' strana”, dice.

-Quindi non penso che sia una celebrità. O forse? “Non ne ho idea”, aggiunge Levstad.

Tuttavia, le piace il concetto di annunciatore “invisibile”, perché rende lo spettacolo diverso.

– È divertente essere semplicemente una cosa, perché è così facile essere maledetti dal presentatore. Anche se qui non c'è nessuno che possa essere disturbato, dobbiamo semplicemente fare quello che ci viene detto.

READ  - Mi hanno tradito - VG

E aggiunge: “Ma il mio rapporto con lei è un po' doloroso”.