Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Glasgow: – Giro traballante

discussione

La Conferenza sul clima di Glasgow è ormai storia. E presto solo un ricordo sbiadito. Quelli di noi che erano presenti sentono di aver salvato la giornata, dopo tutto, con un accordo negoziato – negli straordinari.

Minestra sottile: petrolio e carbone sono citati per la prima volta nella dichiarazione conclusiva del Summit sul clima. Allora è qualcosa, anche se il testo è sottile e non vincolante, scrivono gli editorialisti. Qui, il Primo Ministro Jonas Gahr Store si incontra al Navy Panel durante il Glasgow Climate Summit. Foto: Terje Pedersen / NTB
Mostra di più

Commenti esterni: Questo è un articolo di discussione. Analisi e posizione sono proprietà di chi scrive.


pubblicato

“Pianeta in Bilancia”, questa la sintesi del segretario generale dell’Onu Antonio Guterres.

sarà uno Un ulteriore promemoria per il Partito Laburista, il Partito Popolare Socialista e il Partito Popolare Socialista, che ora stanno negoziando il budget 2022. L’annuncio di Glasgow è una corsa traballante. Petrolio e carbone sono stati menzionati per la prima volta nella dichiarazione conclusiva del Summit sul clima. È poi una cosa, anche se il testo è sottile e non vincolante.

festa di compleanno: Espen Rostrup Nakstad sulla prossima stagione della tavola di Natale.
Mostra di più

Ma in ogni caso, ora spetta a ogni singolo Paese iniziare la trasformazione verde che la serietà richiede. Qui siamo a casa dovrebbe quasi riconoscere. Ridurre le emissioni di gas serra del 7% annuo fino al 2030. Ma con il nuovo budget introdotto dal governo mentre eravamo ancora a Glasgow, è difficile capire che saremo in grado di arrivarci.

Senza un buon settore industriale orientato all’esportazione, un paese come il nostro diventerà presto un esportatore di materie prime. Ci sarà meno innovazione e meno acquisti di beni stranieri, come descrive Magnus Marsdal nel suo recente libro The Party Therapy. Ci sarà anche una piccola distribuzione.

Fuga dalla carneficina

Fuga dalla carneficina


Ergo, dobbiamo garantire noi che la trasformazione verde sta avvenendo ora, mentre abbiamo ancora un’industria di fornitori grande e vitale. Ma sta andando molto lentamente. Pertanto, secondo Marsdal, sia gli attivisti per il clima che l’industria devono creare una forza combinata che insieme richieda un cambiamento immediato del tetto e un’azione sul clima e sulla politica industriale.

Fino a nuovo avviso, i nostri ingegneri saranno rinchiusi all’interno del complesso petrolifero e del gas, mentre Aker e altre società industriali, da parte loro, sono pronte a trasferire le loro conoscenze a strutture eoliche offshore galleggianti. Qui dobbiamo tutti partecipare e contribuire con la competenza che possediamo.

Ma cosa succede? con LO? Mentre eravamo ancora a Glasgow, il loro leader, Peggy Hessen-Wolsvik, afferma che il movimento ambientalista non avrà certamente un posto al tavolo quando il governo ora creerà un Consiglio nazionale per il giusto cambiamento climatico. Vuole solo portare con sé chi su questi temi è sempre al tavolo, ovvero il datore di lavoro, il movimento sindacale e il governo.

Lo stato di polizia di Putin

Lo stato di polizia di Putin


Ma il movimento ambientalista gioca un ruolo importante nelle conferenze internazionali, come a Glasgow, insieme al movimento sindacale. Non dovremmo essere in grado di dare un contributo anche qui a casa, al tavolo delle trattative, in un turno che ci riguarda tutti? Non potrebbe almeno succedere con un set di riferimento esterno?

Molti ora vedono il pericolo davanti a sé: se le compagnie industriali norvegesi continueranno nel petrolio e nel gas fino all’ultima goccia, questo petrolio potrebbe diventare rapidamente l’ultimo petrolio per il paese in quanto tale. Perché allora è troppo tardi per passare all’eolico offshore, all’idrogeno e ad altre industrie future. Quindi altri avranno fatto l’apprendimento necessario e avranno creato brevetti e creato una posizione come fornitori leader in questo mercato globale verde in crescita.

lui sembra Abbiamo una forte quota delle nostre esportazioni, industria e occupazione legate ai combustibili fossili, afferma Marsdale nel suo libro. Questo è il motivo per cui pochi paesi hanno un bisogno di cambiamento così grande come noi. Allo stesso tempo, siamo una nazione tecnologicamente intelligente, con alcune delle più grandi risorse finanziarie al mondo che qualsiasi paese abbia.

Esci dalla bolla

Esci dalla bolla


Ma cosa succede? Dalla banchina partivano treni industriali, ma poche locomotive dalla Norvegia. La Danimarca sta investendo 300 miliardi in una grande isola artificiale nel Mare del Nord, che fornirà 10 gigawatt di elettricità dall’eolico offshore. Il Regno Unito sostiene gli investimenti nell’energia eolica offshore e punta a installare 40 GW entro il 2030. Cosa facciamo?

La Cina ha preso l’iniziativa quando si tratta di sviluppo delle celle solari, con il paese in testa. Non potremmo fare lo stesso quando si trattava di eolico offshore?

L’Unione europea è sulla strada giusta con il suo nuovo ambizioso piano di trasformazione verde. È stato ispirato dall’economista italiana Mariana Mazzucato. È anche sul mercato con un libro strettamente correlato ora nel 2021, intitolato New Economy. Come lo sbarco sulla luna ispira un cambiamento nel capitalismo.

Un sogno trasformato in incubo

Un sogno trasformato in incubo


Mazzucato Breaker, proprio come molti dei partecipanti al Glasgow Climate Summit, come affrontiamo le grandi sfide comuni del prossimo decennio, con la crisi climatica e la natura. Inoltre, abbiamo una crisi sanitaria e una crisi di disuguaglianza. Così Matzucato avrà una nuova riflessione sulla missione dello Stato e sulla capacità che lo Stato, in quanto organismo vivente di apprendimento, deve avere. Dobbiamo rafforzare il rapporto tra pubblico e privato.

Mazzucato utilizza il presidente John F. Lo sbarco sulla luna di Kennedy come metafora principale. A un certo punto era un progetto quasi impossibile, ma Kennedy promise alla nazione e al mondo che gli Stati Uniti sarebbero stati in grado di inviare un uomo sulla luna entro dieci anni. Entrarono in vigore grandi risorse e una struttura di progetto flessibile.

Attacco alla stampa libera

Attacco alla stampa libera


È questo tipo La posizione di cui abbiamo bisogno ora come società. Dobbiamo chiederci dove vogliamo andare. Ma invece di “andare sulla luna” nei settori più importanti della società, negli ultimi decenni lo stato è stato un capriccio, ha scritto Mazzucato.

Ciò di cui la Norvegia ha bisogno ora nel periodo che precede il Natale è vedere un governo che investa. Abbiamo otto anni fino al 2030. Non abbiamo un giorno da perdere. Richiede a tutti noi di pensare in grande. Se lo meritano i nipoti di tutto il mondo.

READ  Joe & The Juice ha avuto il suo peggior anno in Norvegia lo scorso anno: ora ha perso più di 109 milioni di corone negli ultimi sei anni