lunedì, Luglio 15, 2024

Gli amici ricordano Pal Bang Hansen – Cultura e intrattenimento NRK

Must read

Jolanda Alfonsi
Jolanda Alfonsi
"Specialista del web. Avvocato freelance del caffè. Lettore. Esperto di cultura pop sottilmente affascinante."

Totò Oswald

Foto: Safir Burghley

– Pal era una persona molto speciale con grande integrità. Era onesto ed era molto gentile stare con lui. Tuttavia, non era sempre divertente stargli vicino, perché diceva cose dirette che ti si ritorcevano contro. “Avresti dovuto pensare a quello che hai detto quando eri con lui”, dice Toto Oswald, uno degli amici più cari di Pal Bang Hansen.

Amante dell’Italia

Oswald dice che Pal Bang Hansen era un compagno fedele fino alla punta delle dita.

– Ho avuto molto a che fare con lui alla NRK e anche in privato. Vivevamo insieme a Villa Faraldi, un gioiello di villaggio e colonia di artisti in Italia. Affittammo una casa in montagna, dove lui aveva la sua, ed eravamo parecchi norvegesi che si incontravano lì d’estate con le nostre famiglie.

Bang Hansen parlava bene l’italiano, fungeva da leader per gli altri norvegesi nella città che amava così tanto e scriveva persino un libro sulla Toscana.

Grande regista

In qualità di giornalista cinematografico di lunga data dell’Aftenposten e buon amico dell’amico Bang Hansen, Per Hadal vuole mettere in risalto ancora una volta i film di Bang Hansen.

Pal Bang Hansen

Pal Bang Hansen ha scritto un libro sull’Italia, paese al quale era molto affezionato.

Foto: Gunnar Lehr/Scanpix

I suoi sei film non meritano di continuare nel semi-oblio. Era versatile anche in quel campo. Il film “Il principe ereditario” divenne così controverso che non gli fu più permesso di girare film.

– Quali sono i suoi punti di forza come regista?

-Era una persona molto umile. Amava la polimerizzazione. Sapeva essere provocatorio, nessuno dormiva mentre lo guardava. Quando gli è stata data l’opportunità di parlare, lo ha fatto. Molti dei suoi film portano il carattere e le capacità dello stile realistico, documentaristico e giornalistico.

Contro Pal Bang Hansen, Martin Nordvik e Per Hadal

Contro Pal Bang Hansen, Martin Nordvik e Per Hadal

Foto: Foto d’archivio: Berit Rold/Scanpix

Allo stesso tempo, viene descritto come la personalità più versatile che la vita cinematografica norvegese abbia prodotto.

Il primo film “Skrift i sne” è stato selezionato per partecipare al concorso principale del Festival del cinema di Berlino. Rideva e diceva che era speciale avere un grande nome come Jean-Luc Godart, ma il film era migliore di così.

signor film

Hughie Docker sarà ricordato innanzitutto come un grande comunicatore.

– Nessuno ha fatto più di lui per diffondere il film in Norvegia. La gente pensava che fosse Mr. Movie. Quando lo vedevi, sapevi che sarebbe stato un film lungo. Da molti anni è un comunicatore eccezionale e molto chiaro.

Heggie Duckert

Heggie Docert

Foto: John Petrosson/NRK

– Che importanza ha avuto per il giornalismo cinematografico della NRK?

Portava un peso enorme sulle spalle, poiché lui stesso era un regista. Aveva radici europee, essendo stato educato in Italia e un apriporta per il cinema europeo. Il fatto che fosse la voce e il volto di Cannes ha significato anche che abbiamo ottenuto una visibilità più ampia per il film in Norvegia.

Una delle cose uniche di lui è che era molto rispettato a livello professionale e allo stesso tempo era molto popolare.

Il comico Bang Hansen

L’amico di lunga data Per Hadal crede che nessuno che abbia sentito e visto il senso dell’umorismo e le allegre buffonate di Bang Hansen a Cannes lo dimenticherà.

-Comunque, ci sono state molte risate ovunque quando ha riferito. Non era sicuro di sé e gli piaceva fare buchi nei palloncini gonfiati. Era straordinariamente versatile. Hai anche avuto una panoramica di dove puoi fare acquisti in tutto il mondo.

Hadal lo descrive anche come molto ben informato.

– Non bisogna dimenticare che dietro la figura flaccida c’era un cervello acuto che non si lasciava influenzare dal gonfiore.

-Fu onorato ma anche ridicolizzato. Cosa ne pensa?

-Di tanto in tanto si sentiva un po’ frustrato, perché non pensava che tutti fossero uguali in termini di qualità e precisione. Va benissimo, lasciali andare avanti, è divertente.

Un amico affettuoso e premuroso

Per Hadal dice di ricordare Bang Hansen soprattutto come un amico molto affettuoso e premuroso.

– Non voleva dimostrare di essere un brav’uomo, perché questo avrebbe rovinato un po’ la sua immagine. Ma lo ricorderò per il suo interesse e per tutte le belle chiacchierate che abbiamo avuto nei ristoranti e nei bar. Anche se oggi mi sento più povero, ho avuto la fortuna di vivere collettivamente vicino a qualcuno di così straordinario, quindi mi sento molto privilegiato.


Grande tocco di colore

Andreas Diesen della NRK afferma che Pål Bang-Hansen appartiene a un gruppo che beveva sempre il caffè allo stesso tavolo nella mensa della NRK.

-È stata una delle ultime grandi macchie di colore. Aveva un’esperienza lussuosa quando si trattava di fotografia. Ha condotto Filmmagasinet per più di 25 anni sull’emittente statale, quindi hai un certo peso. Ha vinto sia il Golden Road che l’Amanda Honorary Award, il che conferma tutto.

Bang Hansen ha fatto commenti divertenti e un po’ taglienti su molte cose, dice Dessen.

– Allora era un tipo molto simpatico. È da un po’ che è assente dai corridoi di NRK, ma spesso si pensa a lui proprio perché era così speciale. Aveva opinioni molto chiare e osava difenderle al cento per cento. Devi ammirarlo per questo. Non ha mai avuto paura di parlare, anche quando ciò causava ulteriore rumore.

Geloso di lui fino alla fine

Una cosa che mancherà ad Andreas Diesen è che Bang Hansen ha sempre difeso le sue opinioni.

-Ho sempre imparato qualcosa parlando con lui. Ho un grande interesse per il cinema e solo sapere che ha incontrato tutti gli eroi, le eroine e i registi del film mi ha reso geloso di lui fino alla fine. È riuscito a intervistarli tutti! Veniva da un piccolo paese, ma era rispettato. In realtà mi ha procurato un autografo da Woody Allen. Ti sei presa cura di lui.



25/03/2010, ore 08:48

READ  La duchessa Kate e il principe William:

More articles

Latest article