Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Gli incendi boschivi infuriano: il fumo si estende per 3000 km

La città di Yakutsk in Siberia in Russia è conosciuta come la città più fredda del mondo. In inverno, pochi minuti al freddo senza guanti possono portare a terribili dolori e congelamento.

Ma la città è ora avvolta da una nebbia di fumo proveniente dagli incendi vicini che dilagano attraverso le foreste prosciugate da settimane di ondate di calore, secondo il CNN.

Gli incendi sono così grandi ei venti sono così forti che il fumo si sta spostando per 3000 chilometri verso la costa dell’Alaska. Giovedì il fumo era così denso che le autorità hanno dovuto interrompere il traffico aereo in gran parte della repubblica di Sakha, è stato riferito. AP.

Legge controversa: ecco come appariva l’aria a Yakutsk lunedì. Secondo l’Associated Press, la legge russa consente alle autorità di consentire gli incendi in determinate aree se il potenziale danno non vale il costo della riduzione degli incendi. Gli attivisti ambientali l’hanno a lungo criticata. Foto: Yevgeny Sofroniev / AP / NTB

Secondo i dati del Servizio di protezione forestale del paese, finora gli incendi boschivi hanno distrutto 26.000 chilometri quadrati in Siberia. Ciò corrisponde a quasi cinque milioni di campi da calcio.

danno irreparabile

Gli scienziati del clima descrivono gli incendi di quest’anno come molto gravi. La maggior parte dell’Europa, degli Stati Uniti occidentali, del Canada sudoccidentale e di alcune aree del Sud America hanno sperimentato condizioni più secche della media a giugno.

“A metà luglio, le emissioni climatiche sono superiori al totale delle estati precedenti”, sottolinea alla CNN Mark Barrington, un ricercatore del Copernicus Atmospheric Monitoring Service.

I dipendenti del servizio forestale russo scavano una trincea per fermare un incendio a ovest di Yakostik.

I dipendenti del servizio forestale russo scavano una trincea per fermare un incendio a ovest di Yakostik. Foto: Alexey Vasilyev / AP / NTB

Thomas Smith, professore di geografia ambientale alla London School of Economics, teme che vaste aree di terra possano essere distrutte per sempre.

Stiamo assistendo a un aumento degli incendi in Siberia. Ora succede ogni dieci o trent’anni, mentre accadeva ogni secolo fa. Quello che temiamo è che la foresta non maturerà mai più e che ci ritroveremo con una specie di prateria o palude.

Il peggio in 15 anni

Gli incendi divampano anche in Nord America. In Oregon, otto incendi hanno bruciato quasi 475.000 acri. I vigili del fuoco affermano di non aver mai visto fiamme come questa quest’estate, secondo i rapporti CNN.

Gli incendi sono così grandi e generano così tanta energia e calore da creare le proprie nuvole e temporali, scrive l’americano CBS.

Mercoledì, i newyorkesi si sono svegliati con il fumo e la peggiore qualità dell’aria degli ultimi 15 anni, secondo quanto riportato dal Guardian. Il giornale di Wall Street.

Fumo: mercoledì non è stato facile vedere la Statua della Libertà a New York attraverso il fumo.

Fumo: mercoledì non è stato facile vedere la Statua della Libertà a New York attraverso il fumo. Foto: BRENDAN MCDERMID / Reuters / NTB

La provincia canadese della British Columbia ha dichiarato lo stato di emergenza mercoledì a causa degli incendi. Quasi 300 incendi boschivi attivi menzionato in provincia.

READ  Ondata di calore - fusione a velocità record