Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Gli italiani credono che licenziare i norvegesi sia costato loro un sacco di soldi inutilmente – E24

Il norvegese abbandona i voli per lunghe distanze. Potrebbe salvare i posti di lavoro in Norvegia, ma fa perdere il posto a molte migliaia di dipendenti di società all’estero.

Fino a poco tempo, i piloti italiani e l’equipaggio di cabina che lavorava per i norvegesi protestavano contro il modo in cui erano stati espulsi.

Speciale

Pubblicato:

– È triste vedere come Norwegian ha affrontato i suoi dipendenti in Italia. Siamo stati #RedNoseWarriors da quando hanno bisogno del nostro supporto sui social media. Ma siamo diventati #RedNoseVictims una volta che eravamo inutili per l’azienda.

Questo è ciò che dice Nicholas Dormia. Fino a poco tempo, un membro dell’equipaggio di cabina era a bordo della Norwegian Dreamliner.

Dormia è anche attiva nel più grande sindacato italiano, FILT-CGIL. Lei e altri due sindacati stanno organizzando giovedì a Roma una manifestazione anti-norvegese.

Questo viene fatto vicino all’ambasciata norvegese.

322 sedeva per terra a Roma

322 piloti italiani e membri dell’equipaggio di cabina hanno perso il lavoro la scorsa settimana. Erano impiegati da una società norvegese-irlandese. Ma lo stesso norvegese ha dichiarato bancarotta.

I dipendenti affermano che i norvegesi, il modo in cui lasciano l’Italia, ora impedisce loro di beneficiare dei sussidi sociali italiani. Dicono che nelle scorse settimane i dipendenti norvegesi abbiano chiesto di attivare i vari ammortizzatori sociali che il sistema italiano consente.

Ma all’improvviso hanno deciso di continuare. Dormia insiste sul fatto che ora si comportano come se non fossimo mai stati parte dell’azienda.

L’ex dipendente norvegese Nicholas Dormia con sua figlia fuori dall’aeroporto di Fiumicino.

Speciale

Non che Norwegian abbia rinunciato al suo impegno per le lunghe distanze contro cui i dipendenti protestano. Ma perdono molti soldi allo stesso modo di un norvegese.

Inoltre, i dipendenti sono stati provocati perché si riferivano ai norvegesi L’amministrazione locale non li incontrerà più.

Dicono di essere stati riferiti solo ai revisori di KPMG. KPMG si sta ora assumendo la responsabilità del fallimento della società norvegese-irlandese.

Attenersi alle leggi e ai regolamenti

Abbiamo seguito le leggi e le normative vigenti nel processo. Ma comprendiamo molto bene che i nostri colleghi che hanno lavorato nel campo del business a distanza stanno attraversando un momento difficile.

Questo è quanto ha detto il direttore dell’informazione norvegese, Espen Toman.

Ma i dipendenti italiani difficilmente sperano che le proteste portino i norvegesi a trattarli in modo diverso.

– I borsisti sono stati assunti in Italia da Norwegian Air Resources Ltd. È una società interamente controllata dal gruppo norvegese con dipendenti locali in diversi paesi europei, inclusa una filiale in Italia. Poiché la società è registrata in Irlanda, lì sono in corso procedure di fallimento, continua Toman.

Ecco come appare la chiamata alla manifestazione a Roma.

Fax

Migliaia stanno perdendo il lavoro

Gli italiani non sono i soli a perdere il lavoro in norvegese. Lo stesso vale per la stragrande maggioranza dei lavoratori norvegesi, che sono più di 7.000, al di fuori dei confini della Norvegia. 300 dipendenti in Francia sono disoccupati dopo che Norwegian Air Resources Ltd. finire a gambe all’aria.

Solo poco più di 2.000 dipendenti norvegesi possono contare in gran parte sulla sicurezza quando la strategia è stata ora completamente cambiata per concentrarsi solo sulla Norvegia e sui paesi nordici.

Il solo investimento in Norvegia e nei paesi nordici potrebbe rendere molto più facile ottenere più sostegno finanziario dallo stato norvegese. Proprio perché assicura posti di lavoro norvegesi.

I piloti italiani e l’equipaggio di cabina hanno manifestato vicino all’ambasciata norvegese a Roma

Speciale

Altri paesi prendono il libro paga

Tuttavia, le autorità di altri paesi non sono soddisfatte di questa particolare decisione. Ora sono sempre più disoccupati. E questi paesi devono fornire garanzie salariali nei casi in cui la Norwegian ha dichiarato il fallimento delle sue filiali.

Norwegian ha ora eliminato tutti o la maggior parte dei suoi dipendenti in tutti i paesi, ad eccezione di Norvegia e Spagna.

Un norvegese, ad esempio, non volerà negli Stati Uniti o in Thailandia. All’inizio dello scorso anno, Norwegian aveva un totale di 700 dipendenti in questi due paesi.

L’ultima volta che qualcuno ha manifestato davanti all’ambasciata norvegese a Roma è stato nel 2016. All’epoca si trattava rispettivamente di assistenza all’infanzia e benessere degli animali. Il problema ora sono i diritti dei lavoratori.

ministro degli Affari Esteri

Il personale del Nord ha preso a calci per primo

Quando la pandemia è iniziata lo scorso anno, i dipendenti in Danimarca, Svezia e Finlandia sono stati tra i primi a essere licenziati.

Già nel periodo da aprile a luglio 2020, 1.400 dipendenti in questi tre paesi hanno dovuto lasciare. Questi paesi avevano quindi piani di licenziamento più poveri rispetto alla maggior parte degli altri paesi in cui Norwegian lavorava.

Un totale di sei società di reclutamento interamente controllate e collegate alla Norvegia sono state dichiarate fallite.

Da allora, il fallimento immobiliare norvegese ha richiesto ingenti somme. Ma dovevano regolare i pagamenti sotto forma di azioni.

Lo scorso anno, i piloti danesi in particolare hanno espresso la loro forte insoddisfazione per non aver coperto tutte le loro richieste salariali.

L’anno scorso Norwegian ha licenziato dipendenti dai paesi nordici. Di conseguenza, la compagnia aerea dovrà probabilmente riassumere molti scandinavi quest’anno, se sopravvive al processo legale in corso in Irlanda.

La strada tra Gatwick e Rio de Janeiro era in gran parte gestita da ex dipendenti britannici a lunga percorrenza.

norvegese

1100 fuma solo a Gatwick

Al di fuori del Nord, la stragrande maggioranza dei dipendenti è rimasta licenziata fino a quest’anno.

Ma quando il lungo raggio è stato tagliato nel gennaio di quest’anno, la maggior parte di loro ha anche perso il lavoro su base permanente.

Ben 1.100 dipendenti britannici lavoravano nell’importante Gatwick Centre fuori Londra.

Norwegian ha anche una serie di rotte tra Stati Uniti, Spagna, Italia e Francia.

Inoltre, sono interessati anche i dipendenti di numerose società che hanno fornito servizi a terra negli aeroporti per i norvegesi.

Questo vale per i dipendenti, ad esempio, del Terminal One Group a New York. Quest’ultima società ha citato in giudizio la società norvegese per 400 milioni di NOK.

Quasi sicuramente il norvegese continuerà a viaggiare a Malaga in Spagna con i tanti norvegesi e svedesi che hanno appartamenti lì.

Reuters / John Nazca

Lunga vita alla Spagna?

La Spagna sembra essere l’unico paese al di fuori della Norvegia in cui la maggior parte dei dipendenti è autorizzata a continuare.

Là, i sindacati lo temono 500 dei circa 1.400 dipendenti perdono il lavoro Come risultato diretto dell’abbandono sulle lunghe distanze.

Ora si chiedono quanti altri 900 dipendenti potranno restare.

Ernesto Iglesias è un dipendente norvegese e portavoce di USO-Sector Aéreo. Dice che stanno aspettando con impazienza i piani norvegesi per le rotte future tra i paesi nordici e la Spagna.

– Saremo i prossimi? Non sappiamo.

I dipendenti hanno avuto un anno di incertezza. Molti di noi ancora non sanno se abbiamo ancora del lavoro a cui tornare. Speriamo che il norvegese abbia presto un piano. I nostri membri non possono permettersi di vivere con 900 euro al mese di sussidio di disoccupazione, dice Iglesias.

– Abbiamo recentemente visto come ai nostri colleghi negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Italia e in Francia è stato detto che non erano più necessari. Saremo i prossimi? Non sappiamo.

Il norvegese aveva 10.215 dipendenti ed è stato nominato al vertice alla fine del 2018. Se l’azienda sopravvive, è probabile che ci siano poco più di 3.500 dipendenti.

READ  Roer Oscar Stabe Helvig: - Vive a 160.000 all'anno