Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Gli scienziati dovrebbero cercarlo quando cercano pianeti con vita

Gli scienziati dovrebbero cercarlo quando cercano pianeti con vita

I ricercatori cercheranno pianeti abitabili, ma sottolineano che questa non è una strategia di uscita:

-Non esiste il pianeta B. Se troviamo altri pianeti abitabili, va sottolineato che non ci trasferiremo lì.

Questo è ciò che ha detto il leader Centro Habitat Planetario (PHAB) Trond Torsvik quando il centro è stato recentemente inaugurato. È professore all’Università di Oslo.

D’altra parte, l’obiettivo è comprendere le condizioni che consentono alla vita di sorgere e fiorire. Forse troverai anche questi pianeti.

I pianeti che orbitano attorno a stelle diverse dalla nostra stella sono chiamati esopianeti. Oggi sono stati scoperti circa 5.500 pianeti di questo tipo. Il primo pianeta extrasolare è stato scoperto da Didier Queloz e Michel Mayor nel 1995. Per questo hanno ricevuto il Premio Nobel nel 2019. Queloz è stato invitato a presenziare all’inaugurazione del centro.

Dovrebbero cercare questo

La possibilità della vita su altri pianeti affascina da molto tempo l’umanità. Come siamo arrivati ​​qui, perché siamo qui e siamo soli? “Queste sono domande a cui stiamo cercando di rispondere, ma ci stiamo concentrando su ciò che rende il pianeta abitabile”, ha detto la professoressa Stephanie Werner nella sua conferenza di apertura.

Quando cerchiamo l’abitabilità, in realtà stiamo cercando acqua liquida. Questo perché la maggior parte di noi è fatta d’acqua.

Stefania Werner

Quando i ricercatori cercano l’abitabilità, c’è un fattore in particolare che è importante, ha detto Werner:

La presenza di acqua liquida su un esopianeta dipende dalla temperatura, che a sua volta dipende da diversi fattori: la distanza dal sole attorno al quale orbita, l’attività e le dimensioni del sole, nonché l’atmosfera e l’attività all’interno dell’esopianeta.

Una delle cose che è stata studiata è la cosiddetta zona abitabile. Questa è una certa distanza dal Sole dove ci sono condizioni confortevoli per la vita.

– Oggi la Terra è nella zona abitabile. Ciò che costituisce un’area abitabile cambia nel tempo. In precedenza era Venere a trovarsi nella zona abitabile. E in futuro sarà Marte. Sappiamo che l’abitabilità dipende dal tempo. Quindi è importante poter dire qualcosa sull’età del pianeta e del sistema solare, spiega Werner.

READ  Ci sono due nuovi giochi per controllare la strada

La professoressa Stephanie Werner durante la sua conferenza all’inaugurazione del Centro PHAB.

L’età degli esopianeti può diventare impegnativa, perché i pianeti da esaminare sono molto lontani. Inoltre, questi sistemi solari potrebbero essere diversi dai nostri. Pertanto, non è facile confrontare i processi che hanno formato il sistema solare.

Esamineremo le osservazioni degli esopianeti e esamineremo ciò che sappiamo sull’evoluzione planetaria per capire che tipo di atmosfera possiamo aspettarci. Successivamente, vedremo quanto è abitabile il pianeta. Come lo facciamo? Abbiamo bisogno di massa, raggio e distribuzione della massa nel pianeta, riassume Werner.

Un pianeta abitabile deve avere un’atmosfera

L’atmosfera che circonda la Terra oggi rende possibile sostenere la vita qui. Trattiene il calore con l’aiuto dei gas serra e ci protegge dalle radiazioni.

Inoltre, la nostra atmosfera è composta da ossigeno. È importante per gli organismi multicellulari. Senza ossigeno saremmo ancora batteri. Tuttavia, l’atmosfera terrestre non è sempre stata ospitale.

Werner spiega che le atmosfere attorno a Venere, Terra e Marte erano abbastanza simili quando si formarono i pianeti.

– La prima atmosfera durante la formazione del pianeta era probabilmente molto simile alla formazione del Sole, cioè costituita da idrogeno ed elio. Questa atmosfera si è dissipata molto rapidamente. La parte successiva è costituita dai gas dei vulcani e degli oceani di magma. Ha prodotto un’atmosfera composta da anidride carbonica2, particolarmente. Dopo la comparsa dei cianobatteri che hanno inventato la fotosintesi, l’ossigeno è gradualmente aumentato nell’atmosfera terrestre, spiega Werner.

Inoltre, i pianeti molto caldi o molto freddi possono avere atmosfere che “evaporano” o “congelano”:

– Quando osserviamo molti pianeti che riteniamo molto caldi, non ci aspettiamo di vedere atmosfere. Poi abbiamo alcuni pianeti che sono così freddi che l’atmosfera deve condensare sulla superficie, dice Werner.

Quando gli scienziati vogliono capire un pianeta, è importante capire il tipo di atmosfera che lo circonda e le cose che influenzano l’atmosfera.

Sulla Terra è la vita stessa a garantire la presenza di ossigeno nell’atmosfera, ma ci sono anche altri gas che possono essere segni di vita. Una di queste è la molecola della fosfina.

READ  Brutte notizie sulla modalità Invasion di Doom Eternal

L’ossigeno e l’acqua non sono gli unici segni di vita

La fosfina è stata trovata nell’atmosfera di Venere e si è ipotizzato se ciò potrebbe significare che la vita esiste o è già esistita lì. Sulla Terra, la fosfina è prodotta da organismi viventi, ma si scopre che le condizioni su Venere sono così diverse che è possibile che la fosfina si presenti anche senza vita.

Werner afferma che tali scoperte spesso generano grandi titoli sui giornali senza necessariamente:

-Abbiamo un pianeta extrasolare con un’atmosfera che possiamo osservare. Si chiama K2-18 B. È stato osservato dal telescopio Hubble. Quindi il titolo era che questa potrebbe essere una super-Terra abitabile. Alcuni anni dopo, il pianeta fu osservato utilizzando il telescopio spaziale James Webb e altri strumenti. Ora crediamo che questa non sia una super-Terra, ma un’unica Terra Il pianeta dell’Assia“Dice Werner.

Classificare il pianeta come un pianeta dell’Assia significa che ha un’atmosfera contenente idrogeno e che probabilmente lì c’è acqua liquida.

Il nostro campo magnetico potrebbe essere la base della vita sulla Terra?

Per molto tempo si è ritenuto che l’acqua liquida e l’atmosfera fossero condizioni essenziali per la vita. Forse è meno noto che un campo magnetico possa aver contribuito a rendere la Terra un pianeta abitabile.

In ogni caso, questa è una delle domande che i ricercatori si sono posti: che ruolo gioca il campo magnetico? Qual è il ruolo della luna? Che ruolo gioca la tettonica a placche?

Si ritiene che tutti questi fattori influenzino la vita sulla Terra, ma non è noto in che misura influenzino e quali siano i fattori decisivi. I ricercatori indagheranno quindi come la biodiversità sulla Terra è stata influenzata negli ultimi 750 milioni di anni.

– Durante questo periodo, la Terra ha subito cambiamenti radicali nel suo clima. La Terra, ad esempio, era un globo di neve. Ci chiediamo quindi in che modo questi cambiamenti hanno influenzato la biodiversità, spiega Werner.

Un modo per vedere quali fattori sono in gioco è confrontare con altri pianeti. Marte ha una serie di caratteristiche in comune con la Terra:

READ  Mai successo prima

Marte contiene tracce di acqua liquida perché abbiamo visto minerali argillosi e delta dei fiumi. Abbiamo anche visto che Marte aveva un campo magnetico. Non sappiamo cosa sia successo, ma il campo magnetico è scomparso. Poi anche l’atmosfera è scomparsa. Marte potrebbe aver avuto un ambiente adatto alla vita, ma alla fine è diventato un deserto ghiacciato, spiega Werner.

Come vedi il pianeta?

Oltre a comprendere come si formano ed evolvono i pianeti, trovarli è parte del problema.

Alcuni pianeti possono essere visti direttamente, ma devono essere molto grandi e con l’angolo perfetto per un telescopio.

Inoltre, i pianeti possono essere visti quando passano davanti al sole, ma devono anche trovarsi ad angolo retto rispetto al telescopio, cosa che non accade molto spesso. Per illustrare ciò, Werner ha incluso un’immagine di Venere:

– Questa è Venere davanti al nostro sole nel 2012. La prossima volta che potremo vederla dalla Terra sarà nel 2117, quindi questi sono eventi molto rari. Dobbiamo vederlo dalla giusta angolazione per poterlo vedere”, spiega.

L'immagine mostra Venere (punto nero in alto a destra) che passa davanti al Sole.

È possibile che ci siano molti pianeti, ma non è sicuro che possiamo vederli.

Il modo più comune per vedere i pianeti è misurare i cambiamenti nella velocità della stella e i cambiamenti nella luce emessa dalla stella. Sia i movimenti delle stelle che i cambiamenti della luce possono essere causati dai pianeti.

Il fatto che ci siano molte cose da fare per vedere il pianeta potrebbe essere una spiegazione al fatto che il primo pianeta extrasolare è stato confermato solo circa 30 anni fa. Il premio Nobel Didier Queloz spiega questa scoperta come segue:

– Abbiamo usato una tecnica che non avrebbe dovuto funzionare, ma si è rivelata sorprendentemente efficace dato che ci sono così tanti pianeti, ha detto.

Spiega inoltre che la cosa più sorprendente è che non esiste un pianeta simile alla Terra, che abbia la stessa posizione della Terra.

C’è una buona ragione per questo: la nostra tecnologia non può vedere tali pianeti.