Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Gli Stati Uniti ritengono che Putin stia progettando di costruire un ponte terrestre verso la Transnistria – VG

Conflitto prolungato: secondo l’intelligence statunitense, Putin si sta preparando per un conflitto prolungato in Ucraina.

Vladimir Putin sta pianificando una lunga guerra ed è probabile che imporrà un’emergenza militare in Russia, secondo il capo dell’intelligence statunitense.

Inserito:

Il capo dell’intelligence Avril Haines afferma che il presidente russo non porrà fine alla guerra ucraina attaccando la regione del Donbass.

Ritiene che Putin sia determinato a costruire un ponte di terra verso la regione separatista filo-russa della Moldova, la Transnistria.

“La nostra valutazione è che Putin si stia preparando per un conflitto prolungato in Ucraina mentre continua a perseguire obiettivi oltre il Donbass”, ha detto Haines in un’audizione al Senato martedì.

La Transnistria fa parte della Moldova secondo il diritto internazionale, ma i separatisti sostenuti dalla Russia hanno preso il potere nel 1990 dopo il crollo dell’Unione Sovietica.

Leggi anche: Sono il prossimo obiettivo di Putin?

Metodi più radicali: l’intelligence statunitense ritiene che il presidente Vladimir Putin ricorrerà a metodi più radicali.

L’intelligence statunitense ritiene che Putin diventerà più imprevedibile in futuro e che i suoi obiettivi siano più grandi di quelli che la Russia ha la capacità militare di raggiungere.

“Gli sviluppi attuali aumentano la possibilità che il presidente Putin ricorra a metodi più duri, tra cui l’imposizione dello stato di emergenza, la riorganizzazione della produzione industriale, o eventualmente l’intensificazione dell’uso della forza militare per liberare le risorse necessarie per raggiungere gli obiettivi che si è prefissato, Haines ha detto all’udienza.

Putin calcola

Secondo lei, il presidente russo potrebbe anche credere che la guerra finirà per erodere la volontà degli Stati Uniti e dell’Europa di sostenere l’Ucraina.

READ  La vita dopo le bombe russe

“Putin probabilmente crede che la Russia abbia una maggiore capacità e volontà di affrontare le sfide rispetto ai suoi coetanei”, ha detto Haines.

Con la carenza di cibo, l’inflazione e il peggioramento dei prezzi dell’energia, ha affermato Haines, Putin rischia di indebolire la determinazione degli Stati Uniti e dell’Europa.

Sia la Russia che l’Ucraina credono di poter ancora fare progressi militari nella guerra, secondo Haines, il che significa che non vedono un percorso negoziale praticabile, almeno non a breve termine.

Tuttavia, l’intelligence statunitense non crede che Putin utilizzerà armi nucleari, a meno che la Russia non affronti una minaccia esistenziale.

Guarda il video – Lunedì il Pentagono ha resistito all’offerta di Putin:

Diversi attacchi missilistici

La città di Odessa in Ucraina è stata oggetto di diversi attacchi di recente. E la città è stata colpita lunedì notte da sette missili, secondo la difesa ucraina. Un centro commerciale e un grande magazzino sono stati colpiti.

I militari hanno detto che una persona è stata uccisa e cinque ferite.

Anche Odessa è stata attaccata all’inizio della giornata mentre il presidente dell’Unione europea Charles Michel era in visita senza preavviso. È stato affermato che lui e il primo ministro Denis Jamihaal avrebbero dovuto nascondersi.

Continua la battaglia per l’acciaieria Azovstal di Mariupol. Secondo il vice primo ministro ucraino, Irina Vereshuk, ci sono ancora più di mille soldati ucraini nelle acciaierie.

Alcuni di loro sono gravemente feriti e devono essere evacuati urgentemente. Vereshuk dice che la situazione sta peggiorando ogni giorno.

Le acciaierie pesantemente bombardate furono l’ultimo bastione delle restanti forze ucraine nella città, che furono assediate subito dopo l’inizio dell’invasione russa.

READ  L'esercito prende il potere in Guinea - applica il coprifuoco nazionale - VG

Ci sono state notizie contrastanti sul fatto che i civili fossero stati effettivamente evacuati da Azovstal. Tutte le donne, i bambini e gli anziani sono stati evacuati, ha detto Versijtsuk nel fine settimana.

Tuttavia, il governatore di Donetsk, Pavlo Kirilenko, ha dichiarato martedì sera che “certamente” erano rimasti almeno 100 civili.