Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Gohog ha sottolineato il proprio aspetto: “Oh! desidero qualcosa

Davos (VG) Therese Juhaug, 33 anni, è fiduciosa di avere ancora molto da fare a livello olimpico, ma ammette di essere turbata dalla stabilità “acida” sulla prima collina.

Insolito: Therese Juhaug si è dovuta accontentare del secondo posto negli ultimi due stint. Qui da Lillehammer.

Aftenposten collabora con VG-sporten. Quindi, come lettore Aftenposten, riceverai anche articoli e servizi creati da VG.

– Sono in buona forma, ma allo stesso tempo mi manca l’ultima piccola marcia. Finora nelle grondaie, ho preso l’acido sul primo tumulo e ho dovuto risalire. C’è ancora molto da completare, racconta Johaug a VG a Davos, un paradiso invernale, a 1.560 metri sul livello del mare.

C’è una volata (sabato dalle 14:15 su TV 2) e una corsa libera di 10 km (14 la domenica su TV 2). Finora in Coppa del Mondo, Frieda Carlson è in testa 2-1 su Gohog nelle vittorie a distanza.

– Carlson si è indubbiamente alzato ed è in buona forma. Cammino veloce e cammino bene, ma non mi manca nulla, dice Juhaug, mentre sono in piedi sul balcone dell’AlpenGold Hotel a cinque stelle con vista sulle cime delle montagne, gli alberi innevati e le ville svizzere.

Lo scorso fine settimana Carlson ha vinto per 0,3 secondi su Juhaug a Lillehammer.

Alcuni esperti hanno suggerito che ti senti nervoso in situazioni in cui gli altri ti fanno pressione. che ne dici?

Non mi sembra di aver sciato bene a Lillehammer. Mi sono innervosito, e immagino che abbia a che fare con il fatto che mi sembra che la forma sia incompleta il. Mi viene l’acido sulla prima collina e lotto tutto il tempo. Forse sta sottolineando che mi sento “Oh! Sto desiderando qualcosa”. È qualcosa in cui devo migliorare anche mentalmente”, risponde Johog.

READ  Non passavo un weekend migliore da nove anni

Ecco il fratello di Karsten che ha i crampi:

Il 33enne, che vinceva, aggiunge di essere “brillante” allo sport con il nuovo duello contro Carlson.

– È così divertente. È diventato più acuto con la concorrenza e devi davvero scavare in profondità nel seminterrato.

“Le spalle sono abbassate e lo sguardo è alzato”, dice Johog. Ha un piano sicuro per rimettersi in forma: tanto sci alpino.

Mi mancano le lunghe e tranquille pedalate sugli sci necessarie per andare veloce. Spero che vada meglio.

Resterà a Davos fino al 20 dicembre, poi aspetterà una settimana all’italiana Caesar Alm. Poi dopo 14 giorni a casa a Holmenkollen concentrandosi su sessioni impegnative.

– Dato che ho dato la priorità alle escursioni durante l’estate e l’autunno, non sarebbe stato possibile superare le sessioni di alta velocità. Adesso noto che sale fino al minimo, ma dalla soglia al massimo manca qualcosa.

A gennaio ci saranno altri allenamenti in quota in Europa centrale in vista dei Giochi olimpici in Cina, che si terranno a 1.800 metri.

Sogno una medaglia d’oro olimpica individuale, ma non solo ottenerla. Johog dice che ci sono molti fattori che giocano un ruolo.

La ragazza di Dalsbijd ha 14 medaglie d’oro in Coppa del Mondo e 78 vittorie in Coppa del Mondo mentre è “Quando” Ha l’oro olimpico nella staffetta.

L’allenatore della nazionale Ole Morten Iversen è fiducioso che il suo allievo di punta abbia molto altro da fare.

– Teresa dovrebbe riprendersi dalla sua altezza per alcune settimane e godersi un sacco di allenamenti tranquilli in un ambiente piacevole. È delizioso, dice Iverson, ed è importante che Therese sia preparata meglio per le Olimpiadi.

READ  La sorpresa più grande, la prima squadra che esplode e il marcatore a cui nessuno pensa