Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Google chiude Stadia – Gamer.no

in I post del blog Phil Harrison di Google, pubblicato giovedì sera, ha affermato che la società ha deciso di chiudere il suo servizio di streaming di giochi Stadia. Il servizio sarà chiuso il 18 gennaio 2023.

Come parte della chiusura, Google restituirà tutti i dispositivi Stadia acquistati tramite il Google Store, nonché tutti i giochi scaricabili e le espansioni acquistate sulla piattaforma Stadia stessa. Il piano è che tutti riavranno i loro soldi a metà gennaio.

L’unica cosa che non è rimborsabile è la quota di abbonamento per Stadia Pro. Se ti abboni al Servizio, non ti verrà addebitato alcun importo nel periodo che precede la chiusura.

Sebbene l’approccio di Stadia allo streaming di giochi consumer fosse basato su solide basi tecniche, il servizio non ha coinvolto i giocatori tanto quanto ci aspettavamo, quindi abbiamo preso la difficile decisione di iniziare a eliminare gradualmente il servizio di streaming di Stadia, afferma Harrison nel post.

I dipendenti che hanno lavorato in Stadia verranno riorganizzati in altre parti di Google.

Considera le possibilità per altri usi

Sebbene la piattaforma orientata al consumatore sia ora chiusa, Harrison osserva ancora che stanno cercando opportunità per utilizzare la tecnologia alla base in altre parti di Google. Tra le altre cose, sono stati citati i tentativi di YouTube, Google Play e Google di utilizzare la tecnologia AR. Il piano mira anche a offrire la tecnologia di streaming ai partner con cui lavora Google.

Agosto al più tardi Abbiamo riportato voci secondo cui Google stava chiudendo Stadia. All’epoca, la società ha negato tutto ciò e che il team dietro il servizio ha continuato a lavorare sulla piattaforma.

READ  7 cose che dovresti sapere prima di giocare a God of War Ragnarök

Tuttavia, la piattaforma ha avuto una curva discendente su più fronti, infatti dal suo lancio nell’autunno del 2019. All’inizio del 2021 Google ha chiuso due dei suoi studi di gioco interni che sono stati creati appositamente per creare giochi per il Servizio, senza che nessuno di essi fornisca giochi a Stadia. Allo stesso tempo, è stato riferito che Google ha mancato i suoi obiettivi di vendita di centinaia di migliaia.

Nel febbraio di quest’anno Abbiamo segnalato che Stadia è già stato declassato internamente a GoogleE quella tecnologia dovrebbe continuare a essere utilizzata come sfondo per le esperienze di altre aziende.

Leggi anche: – Google non ha mai capito lo sviluppo del gioco »