Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Google sarà come Apple, combattendo contro altri app store

Come parte della lotta per rendere dominante il Play Store, Google sta rimuovendo il formato APK.

Formato speciale

Il Google Play Store è in continua evoluzione, miglioriamo costantemente l’esperienza sia per i consumatori che per gli sviluppatori, tra le altre cose è stato fatto molto automatizzando processi come l’approvazione delle app utilizzando l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico. Ora è il momento di cambiare qualcosa di più fondamentale che influenzerà il modo in cui gli sviluppatori lavorano e distribuiscono le loro app, e quel cambiamento è già in arrivo ad agosto di quest’anno.

Questo perché Google sta passando dal formato APK alle app caricate sul Play Store da distribuire agli utenti di tutto il mondo. Il vantaggio di questo formato è che è utilizzato anche da molti app store ed è più facile accedere a più utenti con gli stessi file di installazione. Il formato che viene offerto ora si chiama “Android App Bundles”

Si spera che il cambiamento che sta arrivando andrà a beneficio sia dei consumatori che dei consumatori, ma resta da vedere.

nessuna scala

APK sta per pacchetti Android e i file APK erano il formato Android standard per app e giochi. I file APK possono essere paragonati agli archivi JAR di Java e sono progettati per racchiudere tutto ciò di cui un’app ha bisogno per essere installata su un dispositivo, dal codice a elementi come immagini e suoni. Con la crescita dei dispositivi Android, è aumentato il numero di cose che gli sviluppatori devono inserire in un file APK.

READ  Hubble ha catturato nuove immagini dei pianeti nel sistema solare esterno

Tuttavia, i file APK non sono stati adattati alla crescita di Android e Google ha creato soluzioni personalizzate per applicazioni più grandi, e questi erano giochi che a volte richiedevano diversi gigabyte di dati aggiuntivi. La soluzione si chiamava OBB che doveva essere scaricata prima di poter avviare un gioco o utilizzare l’app.

AAB – Android App Bundles è il formato che Google lancerà ad agosto. Fonte: Google

Questo è uno dei problemi che i pacchetti di app Android promettono di risolvere e, sebbene le modifiche saranno invisibili agli utenti, possiamo probabilmente presumere che sarai in grado di notare le differenze positive.

I pacchetti di app Android, abbreviati in AAB, stanno cambiando il modo in cui le app Android vengono compilate e, soprattutto, fornite ai consumatori. Una differenza diretta è che non sarà più necessario un unico APK che abbia tutto per tutti i tipi di dispositivi Android, il che significa che le app devono essere più piccole e, di conseguenza, anche i tempi di download devono diminuire.

È stato inoltre richiesto che AAB non superi i 150 MB e, se le app richiedono più spazio, potranno utilizzare una soluzione che sostituisce l’attuale OBB, Play Asset Delivery (PAD). Google sta lavorando su questo per fornire una migliore compressione e funzionalità più intelligenti per la distribuzione dei contenuti.

Ma cos’è un mento?

Questo suona molto bene in particolare per i consumatori. Ma c’è un problema, queste funzionalità e miglioramenti si applicheranno solo a Google Play Store che influenzerà alcuni sviluppatori più di altri. A differenza dei file APK, gli AAB sono collegati al Google Play Store e non possono esistere al di fuori dell’ecosistema di Google.

Ciò significa che gli sviluppatori che rendono disponibili app oggi agli utenti attraverso diversi app store dovranno trattare queste app in modo diverso e mantenere una versione APK separata delle loro app.

READ  SNIKTITT: Dungeons & Dragons: Alliance of Darkness

Cosa ne pensi di questo? Condividi la tua opinione con noi nei commenti.