Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

“Grenza” di Alessandro Leogrande – Cultura e Spettacolo alla NRK

“Grenza” di Alessandro Leogrande – Cultura e Spettacolo alla NRK

  • Titolo: il confine. Trauma dei rifugiati nel Mediterraneo
  • autore: Alessandro Leogrande
  • traduttore: Cristina Sorsdal
  • editore: Diga di Caplin

“Vorremmo ricostruire tutto quello che accadde durante il naufragio, cominciare a contare i morti e i vivi e raccontare le loro storie. Ma manca sempre qualcosa. “Ci manca il contesto”, ha scritto Alessandro Leogrande nel suo libro “Grenza”.

Al centro della foto c’è il peschereccio affondato al largo di Lampedusa il 3 ottobre 2013. Con questo affondamento si è concluso il disastro dei rifugiati in mare in alto nella foto di cronaca e ha dato il via a una serie di operazioni di salvataggio.

Dittatura sporca

Il giornalista italiano parte dalla nazionalità del morto. Perché a bordo della nave proveniente dall’Eritrea c’erano 360 dei 366 profughi? Con l’aiuto delle conversazioni con i sopravvissuti nei centri di accoglienza e con altri eritrei, che hanno vissuto diversi anni in esilio in Italia, capiamo che non è una coincidenza che i rifugiati provengano da questo particolare Paese. L’Eritrea è diventata una dittatura brutale, le persone hanno lasciato il paese, mentre le telecamere sono state puntate sulla Siria.

Egli spiega questi collegamenti intervistando persone della comunità eritrea in esilio in Italia, che si recano a Lampedusa per aiutare i sopravvissuti, anche per aiutare le famiglie di coloro che sono annegati. Con il loro aiuto, Leogrand ricostruisce la barca, chi era a bordo e come si è capovolta.

Sotto i rimorchi sui traghetti

Alessandro Leogrande era in Norvegia in ottobre per lanciare la traduzione norvegese de “La frontiera”: “Grensa”. Circa un mese dopo morì.

Nell’ambiente dell’esilio eritreo trova anche persone che lavorano concretamente per liberare gli uomini e le donne del Paese finiti nelle grinfie dei trafficanti che conducono operazioni di traffico di esseri umani su larga scala dal Sinai, al confine con Israele.

Dal Mediterraneo Leogrande si sposta verso altre rotte di rifugiati che si sono aperte e chiuse negli ultimi cinque o sei anni. Incontriamo rifugiati afgani che cercano di infilarsi sotto i rimorchi sui traghetti nella città portuale greca di Patrasso – finché questa opzione non diventa troppo rischiosa e loro si mettono invece in viaggio attraverso i Balcani.

Ci riguarda direttamente

Ma la cosa più importante nella storia di Leogrand sono le risposte che cerca di fornire su come l’Eritrea potrebbe diventare la dittatura che è oggi il paese.

Dato che gli eritrei costituiscono uno dei più grandi gruppi di rifugiati a cui è stato concesso asilo in Norvegia negli ultimi anni, questa è diventata anche una storia che ci riguarda direttamente.

È morto per insufficienza cardiaca

Come giornalista nel Paese che confina con l’Africa e con la Libia, Alessandro Leogrande ha iniziato presto a interessarsi al disastro avvenuto nelle acque al largo di Lampedusa. Nell’ottobre di quest’anno ha visitato la Norvegia in occasione del lancio del libro in norvegese. Poco più di un mese dopo morì di insufficienza cardiaca, all’età di soli quarant’anni.

Purtroppo Leogrand non ha avuto l’opportunità di dare seguito a questo lavoro, ma il suo libro rimane una delle cose più potenti che ho letto quest’anno.

  • Altre recensioni da NRK:

Altro di Hakan Gunday

“Altro” di Hakan Junday:

Il romanzo “Mir” dello scrittore turco Hakan Gunday entra nella nostra epoca contemporanea, che è testimone della crisi migratoria e dei rifugiati. Un libro duro e molto leggibile.


Carrie Hilda French, condannata a morte in Congo

“Condannato a morte in Congo” di Carrie Hilda Houdin French:

Il libro di Carrie Hilda Howden French “Condanne a morte in Congo”. “La lotta per la libertà” lascia al lettore più domande che risposte.


Una vita vissuta dagli altri - Copertina

“La vita vissuta dagli altri” di Edward Home:

Edward Home sta ora completando la tetralogia di romanzi iniziata con “Slåttekar i Himmelen” nel 2014. Il nuovo libro, “Liv andre har levd”, è una meravigliosa esperienza di lettura e una bella conclusione per un ampio corpus di lavori.


READ  Post Malone torna in Norvegia