Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Gro Flatabø Zanussi è morto

Gro Flatabø Zanussi è morto

Pubblicato da: Pubblicato da:

Memoriale: Il nostro collega e amico Gro Flatabo Janussi è morto il 24 ottobre dopo un periodo di grave malattia.

Kro Janussi è nato il 16 luglio 1945 ed è cresciuto a Dasta, Stavanger. Ha conseguito un ex.artium al St. Swithun’s Gymnasium nel 1964. Si trasferì a Bergen e sostenne l’esame medico ufficiale nel 1970. Dallo stesso anno imparò l’italiano.

Ha incontrato l’architetto Marco Janussi del nord Italia, che ha poi sposato. Ha lavorato come medico in Italia prima di lavorare nella rotazione distrettuale presso il Telemark Central Hospital e il Resor. Tornò poi a Milano, dove conseguì la specializzazione italiana in pediatria nel 1974. Poi è tornato a Skene. Prima un anno nel reparto medico di Schein, poi nel reparto pediatrico di Borskrun.

Arrivò a Stavanger nel 1977 con la sua famiglia. Qui continua a lavorare nel reparto pediatrico e completa la specializzazione in pediatria nel 1981. Successivamente ha lavorato come medico senior in una clinica pediatrica. Si dilettava in neonatologia presso la Clinica pediatrica di Haagland. Dal 1989 è Responsabile del Dipartimento di Neonatologia. Qui ha contribuito a trasformare il reparto neonatale in un’unità di terapia intensiva all’avanguardia. Era attiva nell’applicazione di nuove conoscenze e pratiche.

Durante questo periodo ha fatto parte della comunità professionale norvegese in questo campo. Era il presidente del comitato perinatale a Rogaland. Era nel consiglio dell’Autorità sanitaria norvegese per il Programma nazionale per la medicina neonatale. Coautore di un articolo sul ruolo degli ospedali centrali norvegesi nella medicina neonatale. Ha partecipato alla Conferenza di Consenso sui Limiti del Trattamento dei Neonati Prematuri.

READ  Maserati Grandourism - Maserati sfoggia la sua prima auto elettrica

Nel periodo dal 1999 al 2001 è stato capo del reparto presso la Clinica pediatrica. La ricordiamo come una leader articolata e forte. In qualità di medico senior presso la clinica pediatrica, Crowe ha dedicato molto tempo e attenzione all’educazione dei colleghi più giovani, lasciandoli rilassarsi e sfidandoli in un ambiente sicuro. Si sono sentiti molto ben curati. È sempre sicuro avere Crow come retroguardia durante i turni impegnativi e difficili.

Nel suo insegnamento ha posto una forte attenzione al nostro ruolo in relazione ai genitori e ai bambini nel lavoro clinico quotidiano. È stata un modello importante.

Oltre ad essere attivo nell’insegnamento presso il dipartimento, ha contribuito alla formazione dei pediatri a livello nazionale ed è stato presidente dell’Associazione dei pediatri in Norvegia.

Nel 2003 Gro scelse di passare alla medicina generale. Ha iniziato come medico di famiglia presso lo studio medico di Gausel, poi lo studio medico di Hinnatrekanten. I suoi colleghi lo descrivono come un medico altamente qualificato e rispettato sia per i bambini che per gli adulti. Durante il suo ultimo mandato lì, è stata supervisore part-time dell’assistenza all’infanzia. Nel comune di Stavanger.

Crow era molto felice di essere fisicamente attivo. Ogni giorno andava al lavoro in bicicletta. Ha camminato molto in montagna sia in estate che in inverno. Si è divertita nelle Dolomiti.
Aveva un forte legame con l’Italia. Parlava correntemente l’italiano. Conoscenza approfondita delle arti e della cultura. Lei e suo marito Marco adoravano servire cibo italiano con vino rosso fatto in casa.

Aveva un forte impegno per la Palestina. Insieme a Marco ha soggiornato a Ramallah in Cisgiordania. Successivamente è stato spesso visto sul primo treno di maggio a Stavanger. A sostegno della lotta palestinese.

READ  La Juventus dovrà pagare una cifra enorme per sbarazzarsi di Allegri

Ci mancherà come collega e amica. Il nostro pensiero va alla moglie Marco Janussi e ai figli Anne e Per e alle loro famiglie.

Colleghi del reparto pediatrico di Stavanger,
Claire Hopness, Oswald Mehle, Age Laertel, Magne Berget, John Bland, Knut Aymer e Gun Audland

Pubblicato da: