Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Grosso calo in borsa – PGS in forte rialzo – E24

Dopo le turbolenze della scorsa settimana, la settimana inizia con un calo del mercato azionario. La società di terremoto PGS è aumentata di oltre il 60 percento in meno di una settimana.

Inserito:

L’indice principale della Borsa di Oslo è sceso dell’1,6% dopo circa un’ora e mezza di negoziazione lunedì.

Il prezzo del petrolio ha raggiunto $ 111,8 nel momento in cui scriviamo, dopo un calo di circa lo 0,7%. Il prezzo è vicino allo stesso livello quando Bursen ha chiuso venerdì.

In Europa si registra un notevole calo anche in molte delle più importanti borse valori. Lo sviluppo arriva dopo un calo significativo dei mercati azionari in Asia, con il Nikkei a Tokyo in calo del 2,5%.

Prima del fine settimana, Wall Street era in rosso, quando il Nasdaq, pesantemente tecnologico, è sceso dell’1,4%.

PGS continua la sua ascesa

Lunedì la società PGS è aumentata notevolmente. Il titolo è salito di oltre l’8% a 6,23 corone norvegesi intorno alle 10:30.

Il titolo è il terzo titolo più scambiato.

PGS ha lottato con un debito pesante e mercati deboli, ma la scorsa settimana ha raccolto 800 milioni di NOK emettendo azioni con un piccolo sconto. Da allora fino ad oggi, il prezzo è aumentato di oltre il 60%.

L’aumento di capitale riduce il debito e rende più ottimisti gli analisti sulle prospettive sismiche sotto pressione dell’azienda.

Lunedì mattina è diventato chiaro anche questo Peter Stordalen è qui Nella lista dei 50 maggiori contributori con 2 milioni di azioni di Strawberry Capital.

A parte questo, Equinor, Norsk Hydro e Nordic Semiconductor condividono il peso di Børsen come alcuni dei titoli più scambiati.

Equinor è in calo dell’1,5%, mentre Norsk Hydro è in calo del 4,4%. Nel frattempo, Nordic Semiconductor è in calo di oltre il 5% al ​​momento della stesura.

Difficoltà a Wall Street

Mercoledì, la Federal Reserve americana ha alzato per la prima volta in 22 anni il suo tasso di interesse di riferimento di 0,5 punti percentuali, allo 0,75%. Ci si aspettava una forte presa sui tassi di interesse, ma i mercati azionari sono saliti dopo che il governatore della Banca centrale Jerome Powell ha in gran parte respinto la possibilità di un futuro aumento di tre tassi dello 0,75%.

L’ampio S&P 500 ha avuto il suo giorno migliore da maggio 2020, con un aumento del 2,99%.

Poi, giovedì, il mercato si è trasformato in un profondo pessimismo. L’indice tecnologico Nasdaq ha chiuso la giornata in ribasso del 4,99%, il peggior calo dal 2020.