Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Guerra in Ucraina: – Qui la Russia può sfidare la NATO

Quando il 10 aprile il capo della NATO, Jens Stoltenberg, ha annunciato l’intenzione di pubblicare Piena forza permanente in OrienteIl direttore del Fridtjof Nansen Institute, Iver Neumann, ha affermato che il luogo più importante che la NATO deve attrezzare ora è il cosiddetto Divario di Suwalki.

Questa zona di confine, uno stretto corridoio di 65 chilometri tra la Lituania a nord e la Polonia a sud, separa gli stati baltici della NATO a nord da altri paesi della NATO a sud, attraverso la Bielorussia a est e l’esercito russo pesantemente. exclave. Kaliningrad Nell’ovest.

Tom Rosth, capo dell’intelligence presso l’Armed Forces Staff College, ritiene anche importante che la NATO agisca per proteggere le nazioni in quest’area.

– Ciò è particolarmente vero nella regione di Suwalki, poiché i russi qui hanno i propri interessi strategici e poiché questo è uno dei pochi posti in cui possono immaginare di sfidare la NATO, dice Røseth a Dagbladet.

– Quanto è debole quest’area per noh?

Rosth risponde che è debole come una terra piatta e aperta, senza grandi ostacoli fisici.

– Ciò che lo rende meno vulnerabile, aggiunge, è che la NATO ha recentemente trasferito soldati in Polonia e negli Stati baltici.

– può controllare

Secondo lui, il timore è che la Nato entri nella regione troppo tardi, se occupata dalla Russia, impedendo così la prospettiva di rifornire gli Stati baltici di truppe in superficie.

– Allora la Russia sarà in grado di controllare rapidamente quest’area, crede Rosth.

“Ma questa è una preoccupazione per la Nato ormai da tempo, ed è anche il motivo per cui stanno aumentando la loro presenza negli Stati baltici e in Polonia, cioè per alzare la soglia del controllo e della deterrenza russi”, spiega.

READ  - Sei stato un po' ingannato da Putin - VG

Lo stesso Suwalki Pass, che è fondamentalmente solo una pianura, non ha senso schierare grandi forze nella situazione attuale, afferma il ricercatore Røseth.

– È di grande importanza posizionare le forze nei paesi in modo che sia un fattore strategico per la Russia nella sua valutazione, in modo che i russi si rendano conto nella parata lanciata che porterà a terribili conseguenze, ha affermato.

sistema missilistico: Petteri Kajanma dello Swedish National Defense College chiama il video delle tattiche intimidatorie dei sistemi missilistici russi al confine con la Finlandia. Video: Twitter. Reporter: Vigard Krueger.
Mostra di più

missili a medio raggio

A ovest, il passo di Sualki confina con Kaliningrad, una regione occupata dalla Russia, che il presidente russo Vladimir Putin ha avvertito prenderebbe in considerazione l’idea di equipaggiare militarmente per rafforzare la sicurezza del paese se la Finlandia o la Svezia si unissero alla NATO.

— Lì, i russi hanno di stanza, tra le altre cose, missili a medio raggio, che potrebbero trasportare testate nucleari — e che potrebbero raggiungere tutta l’Europa, dice Rosth.

Cosa pensi accadrebbe se la Svezia e/o la Finlandia diventassero membri della NATO?

Kaliningrad passò nel Mar Baltico e parte dell’equilibrio del Mar Baltico. Se questi due stati neutrali entreranno a far parte della NATO, è probabile che la Russia rafforzerà la sua presenza e collocherà permanentemente il suo arsenale nucleare lì e lungo il confine con la Finlandia.

Rosth sta già rispondendo a questa risposta di Mosca, ma si tratta di misure che la Russia ha preso occasionalmente in passato.

Passo Swalki: una stretta gola di 70 chilometri che rende gli stati baltici più vulnerabili a un attacco russo.

Passo Swalki: una stretta gola di 70 chilometri che rende gli stati baltici più vulnerabili a un attacco russo.
Mostra di più

– Due nuovi avversari

La scorsa settimana, il russo Dmitry Medvedev ha dichiarato che se Svezia e Finlandia si unissero alla NATO, la Russia avrebbe due nuovi avversari e, secondo l’NTB, sarebbero necessari armamenti.

– Non si parla più del fatto che la regione del Mar Baltico sia una zona libera da armi nucleari. Finora, la Russia non ha intrapreso alcuna azione al riguardo e non ha in programma di farlo. Ma se dobbiamo, ricorda che non siamo stati noi a suggerirlo, hanno detto gli inglesi indipendente.

Nelle prossime settimane, sia la Svezia che la Finlandia decideranno se richiedere o meno l’adesione alla NATO. Se avverrà rapidamente, potranno essere inclusi nell’alleanza già al vertice di Madrid di fine giugno.

Adesione alla NATO: Il Primo Ministro svedese ha tenuto una conferenza stampa con il Primo Ministro finlandese sulla possibilità di adesione alla NATO.
Mostra di più

Genitore d’emergenza

Secondo Ross, lo scenario è stato discusso dalla televisione di stato russa in cui l’area di Kaliningrad attraverso l’autostrada è stata chiusa dai paesi della NATO nei Balcani e dalla Polonia.

– Quindi i singoli politici credono che la Russia abbia bisogno e che con il potere possa assicurarsi la strada verso Kaliningrad, afferma Rosth.

In uno scenario del genere, la Russia sarebbe in grado di raggiungere Kaliningrad solo via mare, cosa che secondo alcuni politici russi non è sufficiente per assicurare l’enclave con rifornimenti che considerano vitali per raggiungerla via terra, spiega.

Sul bordo: Dagbladet ha parlato con i residenti della città finlandese di Lappeenranta. Dista solo 20 km dal confine con la Russia. Giornalisti in Finlandia: Julie Tran e Udon Hagiskal. Montaggio: Maja Walber Cliff.

Mostra di più

Allo stato attuale, Rosth ritiene che la Russia non abbia la capacità di sfidare i paesi della NATO con armi convenzionali.

– La Norvegia aiuta la NATO negli stati baltici con pattugliamenti aerei e presenza, ed è importante che noi e gli altri paesi NATO siamo presenti. Tuttavia, non vedo la minaccia come rischiosa, perché Mosca ha abbastanza relazioni con l’Ucraina per il momento.

Anche perché gli Stati baltici e la Polonia stanno ricevendo molte minacce dalla Russia, è imperativo che la NATO renda visibile la sua presenza in questi paesi, afferma il ricercatore Rossith.

“Mosca sta battendo le sue spade e sta cercando di intimidire questi paesi dal sostenere l’Ucraina con pressioni politiche e diplomatiche – e quindi è importante che la NATO sia presente militarmente, politicamente e diplomaticamente”, ha affermato.