Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Guerra in Ucraina: una doccia fredda per Putin:

Guerra in Ucraina: una doccia fredda per Putin:

annuncio

Scrive che la persistente propaganda televisiva in Russia ha raggiunto una nuova fase Editorialista del Daily Beast Julia Davis in una recente analisi.

L’illustre esperto russo è dietro il Russian Media Monitoring Project, che monitora i media russi filo-Cremlino controllati dallo stato e trasmette i loro contenuti al pubblico occidentale.

Ora la propaganda di guerra in Russia si è rivoltata contro la stanchezza della guerra in Occidente. Nel frattempo Putin si fa una doccia fredda a casa, lei scrive.

Minacce: Sabato 26 febbraio la comunità online Anonymous ha pubblicato un video su Facebook in cui minaccia il presidente russo Vladimir Putin di quella che chiamano “guerra informatica”. Corrispondente: Bjørgi Dale Johansen. Video: anonimo
Mostra di più

La sciocca Melonie

Alla fine di ottobre, i comici sostenitori di Putin Vladimir Kuznetsov e Alexei Stolyarov hanno fatto uno scherzo al primo ministro italiano Giorgia Meloni. Affermavano di essere politici africani.

Nella conversazione telefonica alla Meloni è stato chiesto quale fosse la sua analisi della guerra in Ucraina.

La sua risposta ha fatto notizia in tutto il mondo, soprattutto nei media statali russi controllati dal Cremlino.

– Usura eccessiva tra le persone. “Ci stiamo avvicinando a un punto in cui tutti capiscono che abbiamo bisogno di una via d’uscita”, dice Meloni nella registrazione pubblicata.

Punti di propaganda

La Presidenza del Consiglio dei Ministri italiana ha confermato che la registrazione era reale. Meloni ha successivamente licenziato il suo consigliere diplomatico, Francesco Tallo.

Per diverse settimane i media statali russi hanno smesso di registrare, continuando la propaganda secondo cui l’Occidente stava affittando l’Ucraina e voleva raggiungere un accordo con il Cremlino. I commentatori russi rispondono con orgoglio che Mosca non è interessata ad alcun accordo e parlano di conquistare più paesi per espandere l’impero russo, scrive Julia Davis in Analisi.

READ  Cuba verso il futuro senza i fratelli Castro - NRK Urix - Notizie e documentari stranieri

Lei crede che questa propaganda miri a nascondere qualcosa di importante: che i russi sono più stanchi che mai della guerra.

– Maledettamente annoiato

Un aspetto a cui fa riferimento sono i parenti dei soldati russi. Nell’autunno del 2022, 300.000 riservisti furono mobilitati per partecipare alla guerra in Ucraina.

Alla fine di novembre, le mogli dei soldati russi mobilitati a Ulyanovsk hanno iniziato a manifestare in macchina, affiggendo manifesti con la scritta “Riportate mio marito a casa”. “Sono stanco di questo.”

Da allora i manifesti sono apparsi in diverse città russe.

Dimostrazione: le mogli dei soldati hanno manifestato in diverse città della Russia incollando il messaggio

Dimostrazione: le mogli dei soldati hanno manifestato in diverse città della Russia incollando il messaggio “Riportare mio marito a casa”. Sono stanco di questo sulle loro macchine. Foto: Put Domoy/Telegram
Mostra di più

Immagini e video delle manifestazioni sono stati diffusi in numerosi media dell’opposizione russa e sui canali Telegram.

Secondo l’indipendente e Putin – Critica dei media russi 7×7 Gli attivisti sono stati costretti a cancellare il video dal forum “Put Domoi” (La strada di casa), dove era stato pubblicato per la prima volta.

– Screditare l’esercito

Ma i video sono stati cancellati 7×7 È stato riferito che le mogli di molti soldati si sono rifiutate di rimuovere gli adesivi dalle loro auto.

Secondo quanto riferito, la polizia ha detto ai manifestanti che i manifesti costituivano una violazione della legge sulla “diffamazione dell’esercito russo”, una delle nuove leggi introdotte da Putin per reprimere l’opposizione alla guerra in Ucraina.

La polizia ne avrebbe convocati almeno quattro.

Julia Davis ha scritto nella sua analisi che queste donne non sono oppositive della brutale guerra di Putin in Ucraina e che i loro mariti non hanno ancora permesso loro di tornare.

- Imitare Hitler

– Imitare Hitler


Crisi demografica

Allo stesso tempo, la Russia sta attraversando una crisi demografica.

Circa un milione di cittadini russi hanno lasciato la loro patria da quando Putin ha lanciato la guerra, la stragrande maggioranza di loro dopo l’ordine di mobilitazione del 2022.

Julia Davis segue da vicino i talk show russi, dove molti commentatori nazionalisti spesso fanno dichiarazioni provocatorie.

Stupefatto: Ecco come reagisce Putin alle cattive notizie dal fronte. Video: Expressen/Twitter. Giornalista: Magnus Baus
Mostra di più

Ha riferito che i sostenitori più famosi e controversi di Putin, come la redattrice di RT Margarita Simonjan e il conduttore televisivo di 60 Minutes Vladimir Solovgov, stanno ora lottando per nascondere il problema.

– Sono costretti a fare proposte e analisi sempre più ridicole. Fanno fatica anche a nascondere la dura realtà, Davis scrive.

-Americani disperati

Domenica, in una trasmissione televisiva, i due hanno detto tra l’altro che la crisi si risolverà da sola, perché “gli americani disperati si riverseranno in Russia” per impossessarsi dei posti di lavoro russi. Davis scrive.

In un’altra trasmissione televisiva russa, il commentatore politico russo Dmitry Abzalov ha affermato che il PIL del paese rischia di diminuire l’anno prossimo a causa della carenza di manodopera.

Nella stessa trasmissione, il politico russo Leonid Kalashnikov ha suggerito di risolvere il problema importando manodopera dalla Corea del Nord.