Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ha ragione Pope ad avvertire Kirill di non diventare il chierichetto di Putin

INCONTRO: Nella foto vediamo il Patriarca Kirill parlare con Papa Francesco a Cuba nel 2016. Foto: Adalberto Roque/AP/NTB

La scorsa settimana è stato annunciato che la Commissione europea propone sanzioni contro il patriarca Kirill della Chiesa ortodossa russa. Questo ha a che fare con gli stretti rapporti di Kirill con il presidente Vladimir Putin.

Dall’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio, Kirill, in quanto leader della Chiesa, non è stato all’altezza della sua responsabilità di prendere le distanze da una guerra profondamente ingiusta. È visto come parte dell’apparato di potere russo.

Quello che Kirill stesso pensa davvero della guerra o di Putin, non possiamo saperlo facilmente. È un uomo con un ruolo in un regime autoritario. Dirige una chiesa che ha dovuto vivere sotto rigide restrizioni statali per gran parte del 20° secolo. Anche i suoi membri della chiesa sono da entrambe le parti della guerra.

Imporre sanzioni pecuniarie al patriarca per aver sostenuto la guerra sembra un po’ assurdo. Ma il pensiero è coerente, basato sul presupposto che i paesi dell’Unione Europea, invece di partecipare direttamente alla guerra, hanno voluto colpire la Russia in altri modi. Poi il cerchio attorno al presidente russo è stato un punto di partenza naturale.

Kirill è ora tra le 58 persone proposte per essere colpite dal pacchetto di sanzioni esteso. È accompagnato da personale militare, così come dalla famiglia del portavoce di Putin, Dmitry Peskov, secondo il rapporto dell’NTB.

È interessante notare come papa Francesco ha affrontato la guerra in Ucraina. Insieme a Kirill, rappresenta i capi delle chiese tradizionali. Il Papa ha parlato con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky all’inizio della guerra, ma si dice che non fosse in contatto con Putin. A seguito del dichiarato sostegno di Kirill alla guerra, il Papa ha annullato un incontro con lui.

L’articolo continua sotto l’annuncio.

In un’intervista al quotidiano italiano Corriere della Sera, il Papa racconta di una conversazione di 40 minuti con Cirillo in cui si dice il Papa dopo il tentativo iniziale di Cirillo di giustificare la guerra: “Fratello, non siamo avvocati dello Stato, non possiamo usare la politica solo la lingua di Gesù».

La Chiesa cristiana viene meno alla sua vocazione quando è così strettamente intrecciata con le autorità da perdere la capacità di protestare.

Il 9 maggio dovrebbe essere un nuovo fatidico giorno nel corso della guerra. In primo luogo, si parlava di Putin che voleva porre fine alla cosiddetta operazione militare speciale per segnare la vittoria nello stesso momento in cui i russi segnavano la fine della guerra patriottica, quella che conosciamo come la seconda guerra mondiale. Nelle ultime settimane, le ipotesi hanno puntato nella direzione opposta. Molti ora ipotizzano che Putin preferirebbe usare il 9 maggio per mobilitarsi per l’escalation. Pertanto, potremmo affrontare più spargimenti di sangue, più sofferenze e prospettive ancora più deprimenti di pace e stabilità per la popolazione civile ucraina già fortemente stressata.

In questo contesto, è chiaro ripensare al modo in cui sia le nostre autorità che la leadership della Chiesa norvegese si sono comportate durante la seconda guerra mondiale. All’inizio di quest’anno abbiamo celebrato l’80° anniversario del Church Land Act, in cui nel 1942 la Chiesa di Norvegia ha celebrato la sua indipendenza dal regime nazista. È un documento e un approccio su cui possiamo riflettere con gratitudine.

La Chiesa cristiana viene meno alla sua vocazione quando è così strettamente intrecciata con le autorità da perdere la capacità di protestare quando le autorità abusano della loro autorità.

Papa Francesco ha avvertito il patriarca Kirill di non diventare il chierichetto di Putin. Un tale argomento difficilmente aiuta a calmare le tensioni tra di loro. Ma le critiche sono giustificate. Gli effetti dannosi del coinvolgimento di Kirill con il Cremlino richiederanno molto tempo per guarire.

READ  Declino a Wall Street il giorno prima di un'importante riunione della banca centrale - E24