Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Hai già finito una guerra fredda – VG

Leadership: il presidente degli Stati Uniti Joe Biden vuole ulteriori indagini per verificare se il coronavirus provenga da un laboratorio in Cina. La foto qui è il 14 aprile. Foto: Andrew Harnik / AP

Joe Biden chiede ulteriori indagini per stabilire se l’epidemia di coronavirus sia derivata da un incidente di laboratorio a Wuhan. Esperti norvegesi affermano che il conflitto è solo una parte di una lotta sempre crescente tra grandi potenze.

Pubblicato:

Mercoledì, il presidente Joe Biden ha dato nuova linfa alla teoria secondo cui il coronavirus proveniva da un laboratorio di Wuhan. Poi ha detto che stava chiedendo ai servizi segreti americani Raddoppiare gli sforzi per scoprire come ha avuto origine il Coronavirus. Le alternative che stanno cercando sono infezioni di animali o una perdita di laboratorio.

Teoria per lei Esiste dall’inizio dell’epidemia, E anche Lo ha affermato l’amministrazione Trump, Ma senza fornire prove. La precedente amministrazione ha avviato un’indagine, Biden ha già ricevuto una segnalazione e ora ha chiesto un ulteriore follow-up.

Guarda Trump discutere la teoria del laboratorio qui:

Il commentatore della CNN Stephen Collison ha scritto che negli ultimi giorni l’attenzione si concentra sulla teoria del laboratorio.Aggiunge più tossicità alla battaglia geopolitica che potrebbe essere la scintilla di una nuova Guerra Fredda.»

Joe Jacobsen, professore presso il Dipartimento di sociologia e scienze politiche della NTNU, fa ricerche sulla sicurezza internazionale e sulla geopolitica, tra le altre. Si ritiene che il caso faccia parte di una serie di conflitti tra Stati Uniti e Cina.

Parte del quadro più ampio: Joe Jacobsen, professore del Dipartimento di sociologia e scienze politiche della NTNU, ritiene che il conflitto di alone sia uno dei tanti tra Stati Uniti e Cina. Foto: NTNU

D’altra parte, questo è un problema importante in isolamento che potrebbe essere emerso dall’inizio della pandemia di Covid. D’altra parte, e soprattutto, è una delle numerose questioni di conflitto nelle relazioni sino-americane che poi aiuta ad aumentare il livello generale di conflitto, dice e aggiunge:

READ  Ha venduto i gioielli di sua moglie per fare un'ambulanza - VG

Poi, per una serie di ragioni, è finita davvero in una guerra fredda: una rivalità tra grandi potenze che diventa più grande e più pronunciata. Ciò non significa che stiamo passando da un rapporto normale a una guerra fredda, perché siamo già presenti in molte aree.

Leggi anche

OMS sull’origine del coronavirus: quattro possibili scenari

Jacobsen afferma che il conflitto tra Stati Uniti e Cina si estende su una vasta gamma di aree, come il militarismo, la politica commerciale, i diritti umani, la tecnologia avanzata e la mancanza di trasparenza.

Crede che la questione dei germi sia stata politicizzata durante l’era Trump e che Biden abbia scelto di perseguirla. Jacobsen dice che la selezione di Biden da candidare in questo caso sembra essere il risultato di pressioni politiche interne dove c’è grande sospetto della Cina al Congresso.

Altri paesi devono decidere se adottare almeno retoricamente la linea americana. Il fatto è che l’epidemia era terribile, quindi l’origine stessa è una domanda importante. E se la colpa è della Cina, questo è un grosso problema per loro. Jacobsen dice che potrebbe essere garantito che la questione sarà importante, ma quanto sarà importante il tempo che ci dirà.

Caduta in mare: Øystein Tunsjø è professore presso il Dipartimento di Studi sulla Difesa e ritiene che gli Stati Uniti e la Cina abbiano conflitti più importanti del covid-19. Foto: Dipartimento di Studi sulla Difesa

Øystein Tunsjø è professore presso il Dipartimento di Studi sulla Difesa con relazioni USA-Cina tra i suoi campi.

Pensa che sia un errore concentrarsi sulla questione, ed è molto più importante che il consulente asiatico di Biden, Kurt Campbell, sia a un evento alla Stanford University mercoledì. Ha detto che il periodo di fidanzamento è finito.

READ  Un uomo di 15 anni muore in una camera d'albergo a Sarpsburg - 27 anni condannato per mancata assistenza - NRK Oslo e Viken - notizie locali, TV e radio

Ciò significa che c’è la fine della cooperazione con la Cina. Molti sarebbero scettici al riguardo: ad esempio, la Norvegia vuole cooperare con la Cina in molte aree e non è passato molto tempo da quando Joe Kerry era a Pechino per un incontro sul clima. Quando Campbell dice che la politica di cooperazione con la Cina è la fine, sta chiaramente creando tensione nell’amministrazione, dice.

Scopri di più sulla teoria del laboratorio qui:

Tunsjø sottolinea anche che la teoria del laboratorio è arcaica e non gioca un ruolo così importante:

Si adatta a una serie di problemi che influenzano il rapporto tra Stati Uniti e Cina. Ma è importante che il funzionario asiatico della Casa Bianca – e forse ora il più importante consigliere in campo di Biden – dica che la politica di impegno è finita e che dobbiamo prepararci per un’intensa battaglia con la Cina.

Non credo che Covid-19 sia la causa di una nuova guerra fredda. Due grandi potenze che si contrappongono in molte aree creeranno conflitti, tensioni e rivalità per il prossimo futuro. C’è una convivenza piena di conflitti tra Cina e Stati Uniti. E afferma che sono correlati, ma hanno conflitti in tutte le aree, dal commercio alla tecnologia al potere militare al Covid-19.

Power of Show: Vårin Alme, professore di scienze politiche e commentatore della politica americana. Foto: politica americana

Farren Alamy, analista politico e commentatore Politica americana, Indica che all’inizio della sua presidenza Biden ha chiarito che avrebbe seguito una linea ferma con la Cina e che stava tenendo fede a questa promessa con la sua decisione di condurre ulteriori indagini sull’origine del Coronavirus.

READ  Kelly Clarkson: Dovrebbe pagare milioni al suo ex marito

A livello locale, c’era pressione per arrivare al nocciolo di questo problema, dice.

Lo interpreto come un modo in cui l’amministrazione Biden cerca di bilanciare la necessità di mostrare assertività nei confronti della Cina e mostrare che gli Stati Uniti sono tornati come leader dell’ordine mondiale liberale – “l’America è tornata” – con la necessità di apparire ragionevole e concentrarsi fatti, dice Lamy.