Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Hanno chiesto la libertà: in primo luogo, Raymond (32) ha perso l’occhio

I libri di cassa vengono rimossi dalle biblioteche pubbliche, gli insegnanti possono essere querelati per lettere anonime e gli studenti vengono espulsi dalla scuola a metà dell’anno scolastico.

Dopo l’approvazione della nuova legge sulla sicurezza, questa è la nuova quotidianità di Hong Kong.

Ecco perché migliaia di residenti di Hong Kong hanno protestato l’anno scorso contro la controversa legge.

si è infortunato

Il maestro Raymond Young è stato uno di quelli che sono scesi in piazza per chiedere democrazia e libertà.

È stato accecato dall’occhio destro quando è stato colpito da bombolette di gas lacrimogeno durante una manifestazione nel giugno 2020.

– Ora ho solo il cinque percento di vista in quell’occhio, dice a TV 2.

Ferito: Raymond Young è cieco da un occhio. Foto: privato

Il 31enne aveva lavorato come insegnante per più di otto anni, ma dopo aver partecipato a manifestazioni, era finita.

Il motivo che ricevette dalla scuola era che non avevano più bisogno di un insegnante nella sua posizione, ma Raymond riteneva che la partecipazione alle manifestazioni fosse la vera ragione per non rinnovare il contratto.

Domanda rimossa

Raymond dice a TV 2 che l’influenza della Cina nelle scuole di Hong Kong è aumentata da quando è stata approvata la nuova legge sulla sicurezza.

Il 31enne insegnava studi liberali, materia obbligatoria da molti anni nelle scuole di Hong Kong.

In questo corso vengono discussi argomenti come Hong Kong, Cina, globalizzazione, salute pubblica, tecnologia energetica e ambiente. Gli studenti sono stati incoraggiati a pensare in modo critico all’insegnamento.

Era un insegnante: Raymond Young ha insegnato studi liberali per molti anni.

Era un insegnante: Raymond Young ha insegnato studi liberali per molti anni. Foto: privato

Durante l’esame, voleva porre una domanda sulla libertà di stampa e sulle sfide che i giornalisti devono affrontare a Hong Kong, ma questo è diventato troppo delicato per la scuola.

Alla fine, la scuola ha deciso di rimuovere questa domanda dall’esame. Pensavano che fosse molto pericoloso anche se non riguardava direttamente la politica, dice.

Raymond ha anche altri esempi: a Hong Kong, gli studenti di età compresa tra 17 e 18 anni sostengono un esame generale. Ogni anno viene posta almeno una domanda sulla politica a Hong Kong, ma secondo Raymond, quella domanda è stata omessa dall’esame dell’anno scorso.

– Questo ha un significato simbolico per noi. La Cina sta cercando di dire che non possiamo più discutere di tali questioni, ma ho ancora speranza. Dice che se vogliamo mantenere la nostra libertà, dovremmo lottare per essa.

Se vuoi lavorare come insegnante ora, dovresti praticare l’autocensura.

Il 40 percento smetterà

Il sindacato degli insegnanti professionisti ha condotto un sondaggio che ha mostrato che ci sono più insegnanti che la pensano allo stesso modo di Raymond.

Descrivendosi a favore della democrazia, il sindacato è il più grande sindacato di insegnanti di Hong Kong con oltre 90.000 membri

Il 40% degli insegnanti afferma di voler lasciare il lavoro. Il 70% di loro afferma che la pressione politica è la ragione principale.

Fong Chak Tin lavora come insegnante e tutor per gli studi liberali.

Fong Chak Tin lavora come insegnante e tutor per gli studi liberali. Foto: privato

Fung Chak Tin è il vicepresidente della Federazione. Dì a TV 2 che ora gli insegnanti devono scegliere con cura le parole che usano nel loro insegnamento.

In caso contrario, potrebbe avere conseguenze.

Secondo Shack, gli insegnanti rischiano le indagini e l’espulsione se vengono accusati.

Chuck dice che circa 200 insegnanti sono stati indagati per qualcosa che hanno detto in classe l’anno scorso.

– Cerco di non rispondere

Gli insegnanti devono anche insegnare in un modo che si adatti all’agenda politica cinese.

Se insegni geografia, l’insegnante dovrebbe dire che Hong Kong fa parte della Cina. In fisica, l’insegnante deve dire qualcosa su quanto siano buone le fonti energetiche cinesi e, nella storia, l’insegnante deve dirci che ciò che la Cina ha fatto nel corso della storia è giusto.

Dove va il pensiero critico? Questo è indottrinamento politico e un sistema progettato per il lavaggio del cervello. Chuck dice che non è più una vera educazione.

Cosa fanno gli insegnanti se ricevono domande importanti dagli studenti?

– Se gli studenti chiedono, gli insegnanti cercano di non rispondere. Un amico ha detto che quando un insegnante insegnava sulla produzione di abbigliamento, gli veniva chiesto come venivano realizzati i vestiti nello Xinjiang. Poi l’insegnante ha cercato di non rispondere alla domanda davanti alla classe dicendo: “Possiamo parlarne dopo”.

Sensibile: una delle questioni più delicate della Cina sono gli uiguri nello Xinjiang.

Sensibile: una delle questioni più delicate della Cina sono gli uiguri nello Xinjiang. Foto: Peter Parks

Chuck aggiunge che gli insegnanti sono frustrati e arrabbiati per il fatto che le scuole stanno perdendo valori locali come la libertà e il pensiero critico.

Molte persone vogliono emigrare o non lo sanno più.

La Cina ha preso il controllo

Una nuova legge sulla sicurezza approvata lo scorso anno consente alla Cina di aggirare il governo locale di Hong Kong e punire le azioni ritenute una minaccia per la sicurezza nazionale.

In pratica, la legge significa che La Cina sta acquisendo un maggiore controllo su Hong Kong.

Ecco perché lo scorso anno migliaia di residenti di Hong Kong hanno protestato contro la legge.

Grandi manifestazioni: lo scorso anno migliaia di persone sono scese in piazza per protestare contro la nuova legge.

Grandi manifestazioni: lo scorso anno migliaia di persone sono scese in piazza per protestare contro la nuova legge. Foto: Edgar Su

La situazione sta ora costringendo migliaia di persone a emigrare dalla grande città. Il paese più attraente in cui viaggiare è il Regno Unito, che ha restituito Hong Kong alla Cina nel 1997.

Le autorità britanniche hanno reso più facile per i residenti di Hong Kong andare e rimanere nel Regno Unito.

Pertanto, 34.000 residenti di Hong Kong hanno richiesto un permesso di soggiorno nel Paese negli ultimi due mesi.

Bambini che fanno il lavaggio del cervello

Doris è una di queste. È fuggita nel Regno Unito due mesi fa con i suoi tre figli.

Non vuole dare il suo nome completo, ma ha dato a TV 2 il permesso di usare il suo nome.

Due dei tre bambini, di 9 e 10 anni, sono andati a scuola a Hong Kong. Doris ha scelto di portarli fuori dalla scuola a metà dell’anno scolastico.

La Cina vuole creare una generazione che non critica. Ecco perché le scuole sono diventate un luogo in cui ai nostri figli viene fatto il lavaggio del cervello. Perché aspettare di farli uscire da scuola fino alla fine dell’anno scolastico in una situazione del genere? dillo alla tv 2.

Ombrello contro la polizia: gli ombrelli sono diventati uno dei simboli dei manifestanti.

Ombrello contro la polizia: gli ombrelli sono diventati uno dei simboli dei manifestanti. Nella foto: Jorge Silva

Doris dice che sono fuggiti perché suo marito era stato politicamente attivo a Hong Kong per un certo numero di anni, mettendo a rischio la famiglia.

“Non volevo crescere i miei figli in un paese in cui rischiamo sempre la prigione”, dice.

Ecco come risponde l’ambasciata

L’ambasciata cinese a Oslo ha risposto alle domande di TV 2 in un’e-mail.

L’ambasciata afferma che la credibilità del sondaggio dell’Unione degli insegnanti professionali è discutibile e aggiunge che la legge sulla sicurezza è progettata per compensare le lacune legali che esistevano in precedenza a Hong Kong.

Ambasciata: questa è l'Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese a Vendren, Oslo.  Haakon Mosvold Larsen

Ambasciata: Questa è l’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese a Vindern a Oslo. Foto di Håkon Mosvold Larsen .: Håkon Mosvold Larsen

– La legge prende di mira solo coloro che stanno cercando di dividere il Paese o coloro che vogliono mettere in pericolo la sicurezza nazionale, afferma l’ufficio stampa dell’ambasciata e continua:

L’applicazione della legge ha rafforzato le azioni amministrative pertinenti e ha anche contribuito a tenere le università e le scuole lontane da pericolose influenze politiche, in modo che l’attenzione possa essere posta sull’istruzione delle generazioni future a Hong Kong.

Ma Doris non sostiene l’interpretazione dell’ambasciata e ritiene che la politica cinese sia basata sulla repressione.

La scuola è particolarmente importante per la Cina, già da bambini la Cina cercava di insegnarci che abbiamo solo tre opzioni: restare calmi tutta la vita, o finire in esilio o finire in prigione, conclude la matrigna

Il giornalista dietro questo articolo, Ayson Yazici, è un giornalista turco che vive in esilio in Norvegia. È affiliato con il Dipartimento di Stato di TV 2.

READ  - Questo è un terribile disastro - VG