Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Hanno fatto un buon lavoro nel prendermi in giro – E24

La compagnia petrolifera Edison Norway ha truffato 129 milioni di corone norvegesi nell’autunno del 2019. Di tanto in tanto Pierloki testimoniava a Nalin. – Pensavo di aver aiutato l’azienda, ha detto Jeren, un ex senior manager del tribunale distrettuale.

L’occasionale Pierluigi Nalin che giovedì ha testimoniato davanti al tribunale distrettuale di Jæren.

Pubblicato: Pubblicato:

Il quarto giorno presso il tribunale distrettuale di Jæren, la società avrebbe raccontato la pagina della storia dietro una delle più grandi truffe della storia norvegese.

Nicola Monti, amministratore delegato della compagnia petrolifera Edison, e Pierloki Nalin, ex presidente di Edison in Norvegia, sono italiani.

I punti principali del loro diploma sono:

  • – Nalin è rimasto scioccato quando gli ho detto che non stava parlando con me, ha detto Nicola Monti, CEO di Edison.
  • “Pensavo davvero che avrebbe aiutato l’azienda”, ha detto Pierloki Nalin.
  • Alla polizia è stato concesso il permesso di rintracciare l’e-mail e il telefono di Nalin. In questo modo, gli autori sono stati arrestati il ​​16 ottobre 2019 in Israele.

Qual è il ruolo di Nicola Monti in questo caso è che chi ha tradito attraverso il contatto con Nalin si è comportato come lui.

Continua a leggere E24+

Il manager petrolifero deve essere stato coinvolto in una grossa truffa come questa: – “Pierlooki, ho bisogno di parlarti”

Continua a leggere E24+

L’imputato nel caso di frode teme che la polizia israeliana possa aver seminato prove per lui

Continuare a leggere

“Benvenuto a Cipro” – era quindi legato alla frode del gestore petrolifero di Jattawagan.

Un israeliano di 30 anni, un cittadino italiano e un cittadino italiano di 29 anni sono stati accusati di appropriazione indebita di 126 milioni di NOK da Edison Norge AS.

– Scioccato

Monty ha detto alla corte di essere stato informato per la prima volta del sospetto trasferimento di denaro di 129 milioni di NOK il 10 ottobre 2019. La strada da lì al distretto di polizia di sud-ovest era stretta.

– Pierloki Nalin è rimasto scioccato quando gli ho detto che non stava parlando con me. “Fu allora che mi resi conto di cosa era successo”, ha detto Mandy sul banco dei testimoni.

– Il denaro è stato inviato a Hong Kong. Abbiamo trovato qualcosa lì ea Singapore, ma non siamo riusciti a trovare molto, ha seguito.

L’accusa ha mostrato parte di una e-mail inviata da truffatori al responsabile della filiale inglese di Edison. Si dice che Edison abbia ricevuto lo stesso giorno e ora in cui è iniziata la frode di Pierloki Nalin in Norvegia.

Ha quindi chiamato il comandante britannico Monty e ha confermato di aver inviato l’e-mail.

– Posso negarlo. Quindi, ce ne siamo sbarazzati rapidamente, ha spiegato Monti.

Nicola Monty con le sue guardie del corpo.

La 29enne accusata Katrina Hollande, una delle guardie del corpo del Guardian, ha chiesto a Monty cosa fosse stato fatto all’azienda per perseguire un tentativo fraudolento contro il boss britannico.

“Purtroppo niente”, rispose Monty.

– Edison Hai condotto un’indagine interna dopo il caso di frode in Norvegia, ha seguito.

– Le nostre procedure erano basilari, ma non sono state seguite, ha concluso Monti.

Secondo il testimone di Monty, questo era chiaro a Pierloki Nalin, la principale vittima della frode. Al momento della frode, era il leader di Edison Norvegia a Jattawagan. Invece di parlare con il suo capo Nicolas Montey e l’avvocato della società a Milano, è stato ingannato facendogli pagare 129 milioni di corone dai truffatori.

– Hanno fatto un buon lavoro nel prendermi in giro

“Pearluki, ho bisogno di parlarti.”

Così è iniziata la prima email tra le tante email di truffatori che si spacciavano per Nicola Monty.

– Ricordo bene. Nalin mi ha detto di non chiamarlo e di mantenere il segreto.

Nalin non ha seguito il consiglio e ha cercato di chiamare Monti senza rispondere. Non lo trovava strano perché in quel momento era spesso impegnato.

Gli avvocati degli imputati hanno insistito durante il processo sul fatto che l’indirizzo e-mail utilizzato dai truffatori durante la frode non era lo stesso del vero account di posta elettronica di Nicola Monty.

Edison Nalin in Norvegia non se ne è accorto. Né Nalin, che ha agito come avvocato della società, sospettava nulla.

– Ho avuto le informazioni da un avvocato che si fidava completamente di loro, ha detto Edison, un ex datore di lavoro in Norvegia.

– Pensavo davvero di aver aiutato l’azienda ad eseguire un contratto importante, ha aggiunto.

Nalin ha detto di essere in contatto con coloro che hanno agito come avvocato della società per coordinare i trasferimenti. Il capo dell’olio base ha dovuto ammettere in tribunale.

– Hanno fatto il lavoro di prendermi in giro, sospirò.

I pagamenti sono proseguiti nonostante l’incertezza

Tuttavia, era chiaro che a Nalin cresceva l’incertezza. Quindi, ha inviato un’e-mail a qualcuno che pensava fosse il suo capo Nicola Monty.

“Dove ci siamo incontrati due anni fa?” È una domanda di Nalin.

Negativa la risposta di Monty a Milano:

“Ora mostrare segni di disaccordo è inappropriato e immaturo”

– Poi ho dovuto fare una domanda. Nalin, che è stato umiliato al banco dei testimoni, ha detto se dovevo essere leale al mio capo o fermarmi subito per sicurezza.

Ha continuato a effettuare pagamenti.

Tuttavia, dopo alcuni giorni, Nalin sapeva che doveva smettere. L’11 ottobre 2019 è andato con il suo CFO per esaminare il caso. Gribose ha assistito nelle indagini.

Caso durante la testimonianza.

– Questo è uno shock. All’inizio non l’ho nemmeno detto a mia moglie. Il famoso italiano ha detto che ci è voluto del tempo per portarlo dentro di sé.

– Ha avuto un impatto sulla mia vita. Mi chiedo se l’azienda si fida di me dopo quello che è successo, ha aggiunto

Nalin ha permesso alla polizia norvegese di rintracciare il suo telefono e le sue e-mail. Ignari che la polizia stesse ascoltando e leggendo le conversazioni, i truffatori hanno continuato a prendere contatti.

Thomas Nycard di Gripos ha testimoniato giovedì e ha spiegato la loro indagine segreta. Sa che Nalin è stata oggetto di disordine sociale dagli autori.

Attraverso conversazioni e-mail con documenti bancari falsi, la polizia è riuscita a trovare l’indirizzo IP dei truffatori e ad hackerare il loro computer.

“In quel momento ho scoperto che erano stati arrestati in Israele”, ha detto Nalin.

Entrambi gli imputati sono stati arrestati il ​​16 ottobre 2019 fuori dalla città di Tel Aviv.

READ  Libro, Letteratura | Da Firenze a Fatto via Porsche