Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Havind, Transizione verde |  La proprietà statale può fornire energia eolica offshore

Havind, Transizione verde | La proprietà statale può fornire energia eolica offshore

Pubblica discussione Esprime le opinioni dello scrittore.

Lo sviluppo dell’energia eolica offshore in Norvegia sta attraversando un periodo turbolento.

Il prezzo dello sviluppo eolico offshore è aumentato del 40% in pochi anni: Le materie prime, la manodopera e le parti necessarie per la costruzione diventarono più costose.

Lo stesso vale per il capitale di rischio e i prestiti. Progetti che fino a poco tempo fa sembravano redditizi e redditizi, ora sono rischiosi e non redditizi.

La crisi dell’energia eolica offshore ha avuto un forte impatto nel Regno Unito ad agosto, quando nessuna azienda ha scelto di presentare domanda per una gara d’appalto per l’energia eolica offshore nello stato.

Prima della scadenza del termine in Norvegia, Anche il governo comincia a dubitare dei propri investimenti.

Clicca qui per iscriverti alla newsletter di Norsk Debatt

In passato la concorrenza per costruire impianti eolici offshore ha fatto scendere i prezzi.

Ma la concorrenza crea anche colli di bottiglia nella produzione: mancano le parti delle turbine eoliche e le navi che le assemblano.

Le aziende europee sono state leader nello sviluppo dell’eolico offshore, ma ora devono affrontare la concorrenza della Cina, che è diventata il più grande sviluppatore di eolico offshore e produce anche la maggior parte delle parti utilizzate nell’eolico offshore nel resto del mondo.

Leggi anche

Sono importanti reazioni forti alle proposte volte a limitare l’accesso all’energia eolica offshore

Evita le cannucce nell’armadio

Nel mezzo di questo caos globale, il governo sembra preferire rinviare l’eolico offshore piuttosto che utilizzare strumenti più adeguati.

La strategia del governo è stata quella di sostenere lo sviluppo dell’eolico offshore attraverso sussidi, i cosiddetti “contratti differenziali”.

READ  Pensa che il leader di un partito sia stato assolutamente geniale:

Fornisce una certa prevedibilità alle aziende, ma non elimina tutti i rischi che oggi caratterizzano il mercato. La comunità rischia di pagare l’energia eolica offshore sotto forma di sussidi o sotto forma di bolletta elettrica.

La nuova industria eolica offshore ha bisogno di sostegno, ma non può portare una goccia nel tesoro.

Leggi anche

Le ambizioni dell’eolico offshore sono scarsamente studiate e prive di realismo

Fortunatamente esiste una soluzione alternativa: la proprietà statale.

Sia il settore energetico che quello petrolifero sono stati costruiti attraverso investimenti e proprietà statali.

Abbiamo, ad esempio, Statkraft, Statnett e Statoil, ora conosciuta come Equinor.

Il governo ha annunciato un concorso per le società commerciali per costruire energia eolica offshore. Tuttavia, se le aziende non presentano offerte a vantaggio della società, non è necessario ritardare gli investimenti. Come suggerisce il ministro dell’Energia Terje Aasland.

Lasciate andare lo Stato!

Elevato beneficio sociale, infrastrutture critiche, elevati requisiti di capitale e rischi elevati sono fattori che parlano di iniziative e investimenti del governo.

I vantaggi sono molti:

  • Il capitale di rischio pubblico avverso al rischio può contribuire a garantire che le ambizioni politiche siano attuate sul campo se gli attori commerciali non lo desiderano.
  • Entrando nell’aspetto della proprietà, il Paese acquisisce la proprietà di nuove tecnologie e competenze nel futuro settore dell’esportazione.
  • La proprietà conferisce legittimità ai progetti e reddito alla comunità quando i progetti sono in funzione.

Il governo dispone già degli strumenti necessari per garantire lo sviluppo dell’energia eolica offshore.

Lo Stato possiede già Statkraft e una quota di maggioranza in Equinor.

Entrambi vogliono e possono espandere le loro concessioni eoliche offshore dichiarate. Ma con l’attuale mandato, entrambe le società dovranno concentrarsi sulla redditività piuttosto che sui benefici sociali a lungo termine.

READ  Una tragedia americana - Discorso

Equinor può e deve ottenere un altro mandato sociale con l’obiettivo a lungo termine di costruire una nuova industria verde. In alternativa, Statkraft potrebbe avere un ruolo più importante come sviluppatore e produttore, se i partner commerciali di Statkraft ritenessero i franchising non redditizi.

Leggi anche

– La popolazione norvegese è sempre più preparata all’energia nucleare

Petoro come comproprietario

Esiste anche un trattamento finale e più immediato: Il governo potrebbe rendere la Petoro, di proprietà statale, comproprietaria delle concessioni, poiché Petoro è attualmente comproprietaria di 36 licenze petrolifere sulla piattaforma continentale norvegese.

Attraverso Bitoro, lo Stato può entrare con capitali di investimento rischiosi e guadagnare reddito quando i campi producono. Oggi Petoro è un comproprietario importante e indiscusso della piattaforma continentale norvegese, una soluzione che potrebbe funzionare anche per l’eolico offshore.


Partecipa alla discussione

Hai un’opinione su questo argomento o qualcos’altro? Invia un post di discussione qui.

Tutte le voci vengono lette e valutate. Il tempo di risposta previsto è di 1-2 giorni.

Ricordati di allegare un’immagine del profilo con crediti fotografici, nome, titolo professionale e collegamenti alle ricerche e agli articoli a cui fai riferimento.

Cordiali saluti, Team editoriale del dibattito Nettavisen.

Gli investimenti pubblici nell’eolico offshore rischiano di crollare in breve tempo, perché l’attuale soluzione di sovvenzioni costose non è sufficiente a mitigare i rischi affrontati dagli sviluppatori commerciali.

Il governo dovrebbe invece valutare come lo Stato possa intervenire come proprietario e co-proprietario dell’energia eolica offshore, per evitare che questa vacilli al primo leggero aumento.

Senza l’eolico offshore, non otterremo la spinta industriale verde promessa dal governo – e di cui la Norvegia ha così disperatamente bisogno.

READ  Giochi per dispositivi mobili, carte bancarie | La ragazza (13 anni) ha trovato la carta di pagamento di sua madre: ha speso 700.000 in giochi per cellulare