venerdì, Luglio 19, 2024

Hegerberg è stato eliminato dal campo per un infortunio quando la Norvegia si è assicurata un biglietto per il WC al debutto di Riise-VG.

Must read

Graziella Allesi
Graziella Allesi
"Pioniere della cultura pop impenitente. Piantagrane freelance. Guru del cibo. Fanatico dell'alcol. Giocatore. Esploratore. Pensatore."

Belgio – Norvegia 0-1 (0-0)

Spettatori: 8500 al Den Drive Stadium. Obiettivo0-1: Tova Hansen (61). Giudice: Esther Stuble, Svizzera – 5. Carta gialla: B: Wullaert, Tysiak. N: Mejildi, Ilhosui, Roman Hogg.

Norvegia (4–3–3):

Aurora Michalsen – 7. Il meglio della Norvegia. La Norvegia ha praticamente tenuto la partita nel primo tempo, anche se non ha subito i test più grandi. Fa buon uso del tempo agli eventi, partecipa ai concerti e aiuta a frustrare la squadra di casa. Mostra più esperienza di quanto suggerirebbero le due partite internazionali.

Anya Sunstefold – 5. Il Belgio ha creato diverse occasioni per Sonstefold nel primo tempo e ha un controllo migliore nel secondo.

Guru Bergswand – 5. Mjelde ha faticato un po’ con Wullaert nel primo tempo, ma lo hanno individuato nel secondo.

Marine McGildy – 6. Sale notevolmente nella ripresa dopo il primo pasticcio in avvio e tira fuori la maggior parte delle cose. Salva il pareggio belga alla vigilia del match. Guida la difesa come dovrebbe fare un capitano, soprattutto nel secondo tempo.

Tova Hansen – 6. Che risultato! In alcune occasioni pasticcio un po’ difensivo, ma diversi buoni contributi offensivi. Supera tutto quando rompe la palla in alto sul campo e la colpisce attraverso la traversa.

Frida Manoun – 6. Diversi buoni contributi offensivi dal suo ruolo nella faida domestica. Crea la prima occasione per la Norvegia nel primo tempo alquanto imbarazzante.

Motore Ingrid Serstad – 4. Nel primo tempo correva un po’ e faticava a controllare la palla. Si inserisce nell’articolazione del tappo e aiuta a garantire la vittoria.

Guru Ritten – 5. Fa fatica un po’ con la precisione sui calci piazzati, anche se ci sono alcune possibilità. Questa volta la precisione non era del tutto al livello di Reiten.

READ  Fai un pellegrinaggio italiano!

Elisabetta Terland – 4. Un’ottima scarpa per colmare l’assenza di Caroline Graham Hansen, una giocatrice che la maggior parte delle persone è ingiusta da confrontare. Alcuni ottimi contributi offensivi, ma qualche brutta scivolata difensiva può costare caro.

Ada Hegerberg – 5. Ha combattuto duramente, ma questa non era una partita per lei – ed era quasi imbarazzante e non è mai arrivata in una buona posizione finendo una partita. Sfortunatamente per Hegerberg, la partita è stata rovinata da un infortunio nel secondo tempo. Sono uscito per la mia macchina.

Julie Blackstad – 6. Lavora sodo e gioca a Maanum per avere una buona occasione nel secondo tempo con un passaggio intelligente. Altrimenti era per lo più ca.

Allenamento in altezza – 7. Ovviamente ha alzato il morale della squadra. Tanta pressione contro il Belgio e il miglior inizio immaginabile da allenatore della nazionale. Tuttavia, ha ragione, non è stata una bella partita da parte loro, ma un buon gioco difensivo nel secondo tempo ha assicurato la vittoria. Fai il lavoro per cui sono venuti.

Il tempo di gioco è troppo piccolo per valutare: Celine Bizet Ildhusoy (67° minuto di Ada Hegerberg), Emily Yoramo (77° minuto di Frieda Manum) e Sophie Roman Haug (86° minuto di Elisabeth Terland).

Valutazione di: Jens Friberg e Øyvind Herrebrøden.

More articles

Latest article