sabato, Giugno 22, 2024

Henrik Thodesen, Pannikkangst | Odd-Magnus Williamson ha scatenato un attacco di panico in Henrik Thodesen: – È difficile parlargli

Must read

Jolanda Alfonsi
Jolanda Alfonsi
"Specialista del web. Avvocato freelance del caffè. Lettore. Esperto di cultura pop sottilmente affascinante."

Il comico e personaggio televisivo Henrik Thodesen (43) parla di attacchi di panico e momenti difficili nell’episodio di questa settimana del podcast Podme “Ida med härtet i händen” con Ida Vladen (38).

Lo scorso autunno, Thodesen ha avuto il suo primo attacco di panico, o “è andato su tutte le furie”, come lui stesso lo definisce nel podcast.

Leggi anche: Henrik Thodesen in congedo per malattia: – Ha sbattuto contro il muro

Già prima dell’estate aveva ricevuto alcuni “avvisi di pericolo”, senza rendersi pienamente conto di cosa lo aspettava.

Rimase molto

Il popolare comico afferma nel podcast che l’attacco di panico, che gli è stato detto fosse dovuto allo stress, è avvenuto dopo il film “Tina og Bettina 2 – The Comeback”.

Il secondo film dell’universo “Tina e Bettina” è uscito nel febbraio 2023, prima che Thodesen e il suo partner Odd-Magnus Williamson (43) decidessero di fare un ulteriore passo avanti con il film.

Leggi anche: Emma Steinbaken ha avuto un attacco di panico: “Il mio corpo si è fermato”.

Thodesen descrive quello che è successo dopo l’uscita del film come “una sorta di progetto di vendita aggiuntivo” e nota che il duo ha dovuto fare diverse cose nello spirito dei personaggi Tina e Bettina prima che il tutto si concludesse con una proiezione all’Oslo Spektrum. Il 19 novembre.

Ma l’offerta non venne mai concretizzata, perché Thodesen era malato.

In “Ida med härtet i händen” il comico racconta che in realtà dopo l’uscita del film si sentiva un po’ finito con il progetto “Tina e Bettina” e che non necessariamente lo trovava divertente prima dell’uscita del film. film. Finendo nello spettro.

READ  Balliamo, celebrità | Guarda dal vivo: queste sono le nuove celebrità di We'll Dance

Nettavisen è stato in contatto con Henrik Thodesen, che non vuole commentare la questione oltre a quello che dice nell’episodio del podcast.






– Assolutamente terribile

Dice anche che il progetto, così come il suo amico Williamson, è diventato causa di attacchi di panico.

– All’inizio, dovevi pensare al fatto che avevamo molti spettacoli e Spektrum pianificati e cose del genere per tutto l’autunno, quindi erano alcuni mesi di “cosa ne faremo”, risponde alle domande di Vladen su cosa potrebbe innescare.

-Solo parlare con Odda al telefono era assolutamente terribile. Poi dormo per il resto della giornata se gli parlo. Ho dovuto parlare molto con lui. Dice che Odda è stato un grande catalizzatore e praticamente tutte le conversazioni a riguardo.

Allo stesso tempo, è chiaro che il suo compagno è stato per lui un supporto importante allora e adesso.

-In realtà è molto bravo in situazioni come questa. Dice che è molto bravo quando le cose si fanno calde, e aggiunge che Williamson è stato di grande aiuto quando alla fine hanno dovuto cancellare il loro spettacolo di chiusura programmato allo Spectrum.

Nettavisen ha contattato il manager di Williamson e gli ha chiesto se poteva commentare la questione. Non ha ancora risposto alle nostre domande.

More articles

Latest article