Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Honky è di nuovo sorpreso

Ci sono tanti motivi per prendere molto sul serio Hongi e ora stanno seguendo la stravagante E-HS9 con una pazza macchina sportiva di origini italiane.

Bene, questo diventa un po ‘politico, ma dobbiamo spiegare perché noi e il resto del mondo automobilistico dovremmo prendere sul serio il marchio automobilistico cinese Hong Kong.

Sotto la guida dell’ex presidente degli Stati Uniti, l’Occidente è stato troppo lento per le iniziative globali della Cina, note come “Belt and Road” create nel 2013. Si tratta di un concreto progetto di sviluppo delle infrastrutture, la cui versione moderna mira a unire 70 paesi sulla Via della Seta.

Dubbi sono stati sollevati sui grandi progetti nell’UE, ma nel 2019 si è scoperto che anche l’Italia avrebbe aderito al progetto. Probabilmente non è così strano, perché la Cina offre accordi nella categoria dei miliardi.

Cosa ha da dire a Hong Kong?

La causa è stata presentata sotto l’annuncio

Sì, questo marchio è di proprietà delle prime case automobilistiche conosciute come FAW, non meno di una società di proprietà statale. Vogliono che Hong Kong sia il primo vero marchio automobilistico globale della Cina, niente di meno. Da una grande prospettiva, Hongi sarà anche una parte importante della cintura e del piano stradale.

Abbiamo già visto la prima decisione di investire nel marchio automobilistico, l’auto elettrica più impressionante è la Hong Kong E-HS9. Sì, FAW prende molto sul serio il suo impegno globale.

Il prossimo modello in uscita è molto interessante, qui appariranno di nuovo gli italiani.

Un anno prima che l’Italia si aprisse per contribuire alla moderna Via della Seta, la società italiana Silk EV è apparsa, come suggerisce il nome, che produce auto elettriche. Silk EV ha sede in Emilia-Romagna, dove si parla di vera capitale delle auto sportive. Perché sì, marchi come Ferrari, Ducati, Bagani, Lamborghini e Maserati hanno tutti sede qui.

READ  Progetto italiano di recupero: salute e istruzione

Entro il 2020, Silk EV e FAW hanno firmato un accordo per investire congiuntamente in tutte le auto elettriche e ibride, seguito da diversi pesi massimi finanziari, tra cui diverse grandi banche cinesi. Quindi qui dovrebbe davvero scommettere.

Ora Like-FAW mostra il primo risultato, che genera attenzione.

Perché se hai collaborato con un modenese devi fidarti di uno sportivo, senza dubbio l’Hong Kong S9. Controllalo:

Come sappiamo, i produttori di auto sportive tradizionali non sono ancora pronti a produrre auto elettriche pure, la S9 non fa eccezione. Perché qui non stiamo parlando di un’auto elettrica pura, ma di un ibrido di ricarica che ha il V8i sotto il cofano.

Questo è pazzesco.

La Silk-FA afferma che è 0-100 km / h in 1,9 secondi, più veloce della vettura di Formula 1 e ha una velocità massima di 400 km / h.

Presenta anche linee di auto sportive più pesanti, prese d’aria più pesanti e una parte posteriore molto più lunga. Silk-FAW ha sicuramente utilizzato materiali moderni, quindi qui va in carbonio e altro ancora.

Coloro che sono delusi dal fatto che questa non sia un’auto elettrica non devono preoccuparsi troppo. Silk-FAW afferma che Hongi arriverà in tutti i modelli elettrici della Serie S, ma non sappiamo se questo significhi la versione per auto elettrica dell’S9.

L’auto era stata precedentemente progettata da Walter de Silva, che dirigeva il dipartimento di design del Gruppo Volkswagen, e ha lavorato per l’Alfa Romeo per molti anni.

– L’Hong Kong S9 ravviva i sogni del designer e dei suoi autisti. Quando progettiamo questa hypercar per il futuro, ci concentriamo su coloro che desiderano l’unicità, che combina funzionalità ed estetica con una visione per il futuro, afferma de Silva.

READ  A Granada, Genero Gattuso: "Se una squadra italiana si comporta come loro, il giorno dopo sarà su tutti i giornali d'Europa".

Come la E-HS9, l’Hong Kong S9 è pieno zeppo di tecnologia che, se tutto andrà secondo i piani di FAW, aprirà la strada a molte nuove auto sportive del marchio.

L’obiettivo è diventare un marchio globale.

– In qualità di marchio automobilistico leader con sede in Cina, abbiamo la responsabilità di riunire una nuova era di innovazione per l’industria automobilistica cinese, afferma Xu Liuping, presidente del gruppo FAW.

– Con l’introduzione del primo modello Hong Kong S9, crediamo nel successo di Hong Kong come marchio veramente globale, costruito per un pubblico internazionale esigente.

Le immagini del prossimo modello di Hong Kong S9 ispirato all’Italia sono qui:

Leggi anche: