domenica, Giugno 16, 2024

Høyhus a Oslo Regional e Høyhus – Dagsavisen

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

La gestione naturale del territorio in Norvegia impone che quando un’area, ad esempio, è esposta a frane e inondazioni, non venga destinata allo sviluppo abitativo nel piano municipale, ma rimanga sottosviluppata. Questo nonostante esista sempre la possibilità teorica che un progetto di edilizia residenziale possa ancora risolvere i problemi delle frane e delle inondazioni.

Oslo ha una strategia imponente. Documenta bene quanti problemi ci siano con i grattacieli e quanti pochi vantaggi ci siano effettivamente. La conclusione ovvia è che le zone più densamente popolate del Paese, nella capitale, non sono adatte per i grattacieli.

Tuttavia, la strategia dei grattacieli consente la costruzione di grattacieli, con la logica che in singoli casi, su alcuni appezzamenti di terreno miracolosi, si possono costruire case alte 125 metri senza gravi conseguenze per nessuno.

Quindi siamo nella stessa città dove le persone devono lottare fino alla morte contro l’autorità edilizia e di pianificazione per ottenere l’approvazione per un piccolo ampliamento sul retro di una casa.

Spesso mi sono chiesto quale sia il motivo di questa irrefrenabile voglia di costruire grattacieli anche se gli svantaggi sono tanti e i vantaggi pochissimi.

Penso che sia una questione di nostalgia per il futuro. I grattacieli simboleggiano il nostro futuro condiviso, dove tutto sarà migliore, più rispettoso dell’ambiente, più confortevole e più impressionante: un futuro in cui una tecnologia sempre nuova e sconosciuta porterà a forme di costruzione sempre nuove e sconosciute che dobbiamo solo imparare vivere con.

Spesso mi sono chiesto quale sia il motivo di questa irrefrenabile voglia di costruire grattacieli anche se gli svantaggi sono tanti e i vantaggi pochissimi.

Per me questa è la stessa nostalgia per il futuro che spinge i nerd della tecnologia ad acquistare sempre gli smartphone più recenti. Non perché ne abbiano davvero bisogno, ma solo perché è nuovo. È la stessa nostalgia per il futuro che ho provato anch’io quando avevo 14 anni, leggendo su Illustrert Vitenskap che nel 2000 tutti avrebbero lavorato su macchine volanti, indossando tute di gomma e mangiando cereali a pranzo.

READ  Abitazioni e proprietà, Halinskog | Potrebbe esserci spazio per molti ad Hallenskog

Ciò che i nerd della tecnologia e i futuristi dimenticano è che le persone comuni usano i loro iPhone per scattare foto di foglie autunnali o condividere modelli di maglieria, e che le persone vogliono ancora – o addirittura vogliono sempre più – mangiare un pranzo a base di prodotti coltivati ​​nei campi.

Frogner e Gronerloka sono due delle zone più popolari di Oslo e allo stesso tempo le più densamente popolate del paese. Questa è la città che dovremmo costruire di più: la città che la gente vuole, la città che la psicologia ambientale ripetutamente documenta come funziona meglio e la città che è più sostenibile di qualsiasi altra forma urbana.

Ma è così forte la tentazione di fare un lungo weekend a New York, lasciarsi abbagliare dalla foresta di grattacieli, e pensare che questa è la grande città, questo è il futuro – ignorando chi effettivamente vive a New York è più a suo agio in quartieri con altezze normali ed edifici vecchi in mattoni.

La costruzione di grattacieli a Oslo è del tutto ingiustificata. Costruire edifici alti a Oslo è semplicemente infantile, provinciale e divertente.

Rimani aggiornato. Ricevi la newsletter quotidiana da Dagsavisen

More articles

Latest article