Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Hubble ha catturato nuove immagini dei pianeti nel sistema solare esterno

Il telescopio che è in funzione dal 1990 fornisce immagini ai nostri vicini intorno alla nostra stella. E vedono l’esagramma di Saturno.

Il telescopio Hubble non funzionava correttamente quando è stato lanciato nel 1990. Presto divenne evidente che lo specchio principale si era guastato e le immagini prodotte da Hubble erano diventate fangose.

Questo è stato risolto nel 1993 e da allora il telescopio ha fornito immagini molto nitide di galassie distanti diversi milioni o miliardi di anni luce.

Qui puoi vedere la stessa figura prima (a sinistra) e dopo la riparazione del 1993. Questa è la galassia M100 che dista circa 55 milioni di anni luce.

Il motivo principale per posizionare il telescopio fuori dalla nostra atmosfera è proprio perché è fuori dalla nostra atmosfera. La luce proveniente da stelle e pianeti lontani non è disturbata dall’atmosfera. Allo stesso tempo, la luce nella parte infrarossa o ultravioletta dello spettro non viene filtrata, quindi Hubble può vedere più di un telescopio sulla Terra.

E a volte gli astronomi puntano il telescopio verso di noi. Queste sono le ultime immagini dei pianeti del sistema solare esterno: Giove, Saturno, Urano e Nettuno.

Questi sono i pianeti situati al di fuori della fascia di asteroidi tra Marte e Giove. Marte è il pianeta più vicino a noi dall’esterno, a circa 380 milioni di km quando sono i due pianeti più vicini.

Al di fuori di Nettuno, che è il pianeta più distante, ci sono più di 4,3 miliardi di km.

Qui puoi leggere del nuovo James Webb Space Telescope e del motivo per cui è atteso da tanto tempo.

foto annuali

Questo fa parte di un progetto a lungo termine che fotografa i pianeti ogni anno, per vedere cosa cambia nei pianeti gassosi di anno in anno. Tutti i dati registrati dagli scienziati sul pianeta si trovano nelle pagine del progetto, Si chiama opale.

Giove, visto nel settembre 2021.

Giove, visto nel settembre 2021.

Giove è il primo ad apparire e diverse nuove tempeste sono apparse nell’atmosfera, secondo la NASA. Le tempeste rosse e ovali a nord dell’equatore sono nuove.

La Giant Red Storm, chiamata la Grande Macchia Rossa, è ancora presente. Ha centinaia di anni e i ricercatori l’hanno dipinto di recente Come attaccare in profondità.

I pianeti giganti gassosi come Saturno e Giove non hanno una superficie solida, ma sono costituiti da gas che diventa sempre più denso mentre si ritrae nell’atmosfera. Pertanto, agiscono quasi come palle di fluido, e tempeste e venti possono soffiare senza ostacoli dal terreno come fanno sulla Terra.

Sebbene il sito sia ancora davvero enorme, con una larghezza di circa 15.000 km, si è notevolmente ridotto dalle osservazioni del XIX secolo. Allora la sua larghezza era di oltre 40.000 km, Secondo questo studio del 2019.

È ancora abbastanza grande da divorare la Terra di circa 12.700 chilometri di diametro, ma il motivo per cui si sta riducendo è un mistero, secondo lo studio.

Saturno

Gli anelli di Saturno sono chiaramente visibili nell’immagine del secondo pianeta più grande del sistema solare, Saturno. Puoi vedere chiaramente come Saturno proietta un’ombra sugli anelli, che consistono principalmente di ghiaccio e pietra. Qui puoi leggere quanto pesano gli anelli, È una parte importante per capire come appaiono gli episodi.

Ecco come appariva Saturno il 12 settembre 2021.

Ecco come appariva Saturno il 12 settembre 2021.

Nell’immagine, puoi vedere una tempesta esagonale nell’estremo nord di Saturno. È stato scoperto più di 40 anni fa, ma nessuno sa perché abbia una forma così regolare. Puoi leggere di più su questa tempesta a forskning.no.

La tempesta esagonale vista dalla sonda Cassini nel 2014. È anche abbastanza grande da contenere la Terra.

La tempesta esagonale vista dalla sonda Cassini nel 2014. È anche abbastanza grande da contenere la Terra.

Nettuno e Urano

Gli altri due giganti gassosi sono più misteriosi, perché sono così lontani da noi. Ma gli astronomi possono ancora guardare le cose che sono cambiate.

Urano è stato visto il 25 ottobre 2021. Puoi vedere chiaramente il campo bianco sopra il polo.

Urano è stato visto il 25 ottobre 2021. Puoi vedere chiaramente il campo bianco sopra il polo.

Urano mostra una regione luminosa molto chiara sopra un polo, che è stata visibile nelle immagini per molti anni, ma varia con le stagioni. Potrebbe esserci un aumento della radiazione ultravioletta dal Sole in certi tratti dall’orbita all’orbita di Urano causando questo, Secondo la Nasa.

Il pianeta più lontano, dal momento che non contiamo Plutone, è Nettuno. Qui, gli astronomi vedono un’altra tempesta scoperta nel 2018.

Impostare Nettuno il 7 settembre.  Puoi intravedere la macchia scura nella parte in alto a destra del pianeta.

Impostare Nettuno il 7 settembre. Puoi intravedere la macchia scura nella parte in alto a destra del pianeta.

Questa è una delle numerose macchie scure che sono scomparse e sono apparse su Nettuno da quando gli astronomi sono stati in grado di vedere immagini dettagliate del pianeta lontano, secondo il New York Times. La prima macchia oscura è stata scoperta da Voyager 2 che è volata da essa nel 1989, Secondo il sito web di Hubble.

Questa nuova tempesta è lunga circa 7.500 chilometri. In confronto, la Norvegia è a circa 1.750 chilometri da sud a nord, Secondo SNL.

Questo progetto continuerà nei prossimi anni, per formare un quadro di ciò che è normale per il tempo e nelle atmosfere dei pianeti giganti del sistema solare.

Ci piacerebbe sentirti!

Si prega di contattare qui
Hai feedback, domande, lodi o critiche? O consigli su qualcosa di cui scrivere?

READ  Il regista di Assassin's Creed Valhalla passa a EA