Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Hudfletter Sports Association dopo la divulgazione di NRK – NRK Sport – notizie sportive, risultati e programma di trasmissione

– Su una questione così seria, è molto noioso. 55 associazioni private possono fare un grande sforzo per cambiare la legge. Abbiamo perso diverse settimane cercando di apportare una modifica alla legge, afferma Taig Petersen, che è chiaramente scontento di NRK.

È il presidente della Federazione norvegese di hockey su ghiaccio e il capitano eletto di una delle 55 associazioni speciali nello sport della Norvegia.

Petersen è deluso dal modo in cui la Norwegian Sports Federation (NIF) ha gestito la situazione attuale Crisi antidoping Il che potrebbe portare all’esclusione della Norvegia dai tornei internazionali.

Fattore decisivo: il capo dell’hockey su ghiaccio Taig Petersen.

Foto: Kenneth Meyer/Lega norvegese di hockey su ghiaccio

Reagisce fortemente a due cose in particolare:

– La prima è che attraverso i media, come presidente di un’associazione privata norvegese, vengo a conoscenza di questa sfida, spiego Petersen e seguo:

– Il secondo è che il NIF si è seduto su queste informazioni per un po’ di tempo.

Sportello ignaro

Secondo quanto appreso da NRK, anche lo Sport Board non è stato informato della situazione attuale.

Questa è una natura pericolosa che penso che dobbiamo usare ogni giorno per cambiare la legge e dovremmo avviare prima un ampio processo. Lo svantaggio qui è che perdiamo l’opportunità di organizzare e partecipare a tornei se non ce la facciamo, dice il capo dell’hockey su ghiaccio.

Il capo dello sport Berit Kjol sottolinea che Antidoping Norway è responsabile dei test degli atleti in Norvegia secondo le normative del codice Wada.

– Ha informato il Consiglio dello Sport dello stato del caso nella prima riunione ordinaria del Consiglio iniziata oggi (martedì) e terminata il 24 agosto. Come di consueto, le questioni trattate presso il consiglio sportivo saranno segnalate all’organizzazione e alla stampa immediatamente dopo la riunione del consiglio, ovvero giovedì mattina, Kjøll scrive in un’e-mail a NRK martedì sera tardi.

Interviste alla stampa ed eventi di Coppa del Mondo

ATTENZIONE: il capo dello sport Berit Kajol ha effettivamente lanciato l’allarme nell’aprile dello scorso anno.

Foto: Håkon Mosvold Larsen / NTB

In una versione precedente del caso, NRK ha scritto che Kjøll non ha avuto l’opportunità di rispondere martedì sera, ma poco prima della mezzanotte del 23 agosto, il capo sportivo è entrato in campo.

Le potenziali conseguenze se le autorità, la Norwegian Sports Federation (NIF) e l’Antidoping Norway (ADNO) non dovessero trovare una rapida soluzione alla crisi sono significative, tra cui:

  • I Giochi Olimpici e Paralimpici senza la partecipazione norvegese.
  • Non c’è campionato sul suolo norvegese.

La causa della crisi è una speciale interpretazione norvegese della legge, il che significa che gli atleti di età compresa tra 15 e 18 anni non possono essere testati per gli steroidi senza il consenso dei genitori.

Ciò ha portato al fatto che nessuna persona minorenne è stata sottoposta a test senza preavviso negli ultimi due anni e pertanto l’antidoping norvegese non sta adempiendo ai propri obblighi ai sensi del diritto internazionale antidoping.

Ciò è stato rivelato in un messaggio a cui NRK ha avuto accesso.

Di fronte ai commenti di Petersen, Keul osserva che è in corso un dialogo tra il Ministero della Cultura, l’Agenzia antidoping norvegese e la federazione sportiva.

– Come evidenziato dalla lettera, la Norwegian Sports Anti-Doping Federation sostiene il desiderio della Norvegia di cambiare la legge garantendo l’accesso ai test antidoping da parte dei nostri atleti in linea con le normative WADA, ha scritto Kjøll, prima di continuare:

– Il NIF può ovviamente informare immediatamente le federazioni private, ma è normale che sia prima informato il Consiglio sportivo dello stato della questione, e poi l’organizzazione, come è ora previsto subito dopo la riunione del Consiglio sportivo.

CE pallamano maschile 2020

Sconosciuto: il capo della pallamano Kåre Geir Lio.

Foto: Vidar Ruud/NTB

– Molto triste e sfortunato

Il capo dello sport Berit Kjol e Thorhild Widvey, presidente della Norwegian Anti-Doping Company, temono che la deviazione della Norvegia dal diritto internazionale antidoping avrà gravi conseguenze dall’inizio del 2022/23.

– Penso che sia molto triste e sfortunato. Petersen dice che qualcuno deve essersi addormentato in classe quando siamo finiti in questa situazione, e ora abbiamo solo sei mesi per correggerla.

Già mercoledì della scorsa settimana, la NRK ha sollevato l’argomento in una riunione stampa con le squadre nazionali di sci di fondo, ma né l’allenatore di fondo Espen Bervig né l’allenatore della nazionale Sjur Ole Svarstad hanno potuto commentare.

Semplicemente non hanno sentito parlare della crisi antidoping in corso.

Anche il capo della pallamano Kar-Girl Leo e il capo del football Liz Clavins sono stati sorpresi dalla domanda di NRK:

– Il primo ha detto che questo è completamente nuovo per me.

– Questo era un problema sconosciuto per noi, commentò Klaveness.

Molti di noi hanno dormito in classe

Il giorno dopo la divulgazione della crisi da parte della NRK, l’Associazione di hockey su ghiaccio ha deciso di inviare un’indagine amministrativa alla federazione sportiva per ottenere informazioni direttamente da loro.

Anche Petersen, che è anche un rappresentante parlamentare conservatore, sta valutando la possibilità di portare la questione in Parlamento.

– Lo farò se necessario. Ma prima di tutto sono interessato a sentire cosa sta facendo il NIF nei confronti del ministero. Sosterremo le operazioni che sono iniziate, avverte il capo dell’hockey su ghiaccio.

È stata dichiarata una crisi antidoping Dal momento che NRK ha menzionato per la prima volta il problema nell’aprile 2021. All’epoca, la Federazione svedese degli sport antidoping della Norvegia ha lanciato l’allarme in una lettera inviata al Ministero dell’infanzia e della famiglia, ma da allora è successo poco.

Petersen ora ammette che anche lui e i suoi colleghi capi sportivi norvegesi potrebbero non essere riusciti a portare a termine.

– Avresti dovuto reagire prima alla crisi prevista?

Sì, probabilmente dovrei. Dopotutto è importante. La nostra adesione alle regole è responsabilità di ADNO e NIF, ma avrebbe dovuto essere seguita, riconosce il capo dell’hockey su ghiaccio.

Petersen conclude che molti di noi hanno dormito in classe, ma il compito avrebbe potuto essere svolto meglio.

READ  La Liga lamenta il trasferimento di Haaland - VG