Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I giganti della tecnologia scendono drasticamente dopo un’inflazione superiore al previsto: il proprietario di Google è in calo di oltre il cinque percento

I giganti della tecnologia scendono drasticamente dopo un’inflazione superiore al previsto: il proprietario di Google è in calo di oltre il cinque percento

Nel primo pomeriggio di martedì, sono emersi i risultati dell’inflazione statunitense complessiva di agosto: la crescita dei prezzi si è conclusa all’8,3% anno su anno.

Indici di borsa verso il basso

Quando il mercato azionario ha aperto a Wall Street alle 15.30 NST, gli investitori hanno espresso il loro verdetto sulla notizia. Il forte aumento dei prezzi ha creato nuove turbolenze nel mercato azionario e ha spinto al ribasso i tre principali indici sin dall’inizio.

Poco prima delle 18:00, gli indicatori direzionali più comuni si presentano così:

  • L’ampio indice S&P 500 è sceso del 3,1%.
  • Il Dow Jones Industrial Average è sceso del 2,7%.
  • L’indice Nasdaq Technology Composite è sceso del 4,1%.

I giganti della tecnologia sono tra le aziende che sono cadute di più. Le azioni di Alphabet, proprietaria di Google, sono diminuite del 4,9% alle 16:00, mentre Apple e Microsoft sono diminuite rispettivamente del 3,9% e del 4,1%. Il proprietario di Facebook Meta è in calo di quasi l’8%, mentre Netflix è in calo di poco meno del 6%.

“Il ritmo di questo autunno è stato sorprendente, ma allo stesso tempo i mercati si sono ampiamente ripresi dai minimi che abbiamo visto nel recente passato”, ha affermato Jeff Kjellberg, fondatore e CEO di KKM Financial. CNBC.

– Ha aggiunto che il fatto che l’indice S&P 500 sia ancora vicino a 4.000 punti mostra che i mercati sono preoccupati, ma non in preda al panico.

Crescita dei prezzi superiore alle attese

L’aumento dei prezzi dell’8,3% ad agosto è stato inferiore alle misurazioni dell’8,6% e del 9%, rispettivamente, a luglio e giugno.

READ  La settimana peggiore per Dow Jones da gennaio

Allo stesso tempo, è superiore al consenso previsto in anticipo: secondo Handelsbanken Capital Markets, l’inflazione dovrebbe raggiungere l’8,1% ad agosto.

Su base mensile, l’inflazione totale era dello 0,1 per cento – in precedenza, per fare un confronto, l’inflazione complessiva doveva essere meno dello 0,1 per cento.

Nel frattempo, l’inflazione core, che ignora i prezzi dell’energia e dei generi alimentari, si è fermata al 6,3%.

Questo è superiore alle due misure adottate a luglio, che hanno mostrato un tasso di inflazione core del 5,9 per cento, e quanto previsto in precedenza. Secondo il rapporto, l’inflazione core era prevista al 6,1% ad agosto L’economia del commercio.

Su base mensile, l’inflazione core è stata dello 0,6 per cento, il doppio di quanto previsto.

Un salto nei mercati dei tassi di interesse

Il fatto che i numeri di inflazione siano superiori alle attese ha avuto un impatto diretto sia sui mercati azionari che sui tassi di interesse.

Il rendimento dei titoli di stato statunitensi a 10 anni è balzato di sette punti base in pochi minuti, secondo i rapporti CNBC.

“Qui i tassi di interesse stanno aumentando in modo significativo, e questo dà un enorme impulso alle aspettative sui tassi di interesse”, afferma Kjetil Olsen, capo economista di Nordea Markets, quando DN gli ha parlato subito dopo la pubblicazione dei dati sull’inflazione.

Kjetil Olsen, capo economista di Nordea Markets, ritiene che i dati sull'inflazione di martedì aumentino la probabilità che i tassi di interesse vengano aumentati altre tre volte.

Kjetil Olsen, capo economista di Nordea Markets, ritiene che i dati sull’inflazione di martedì aumentino la probabilità che i tassi di interesse vengano aumentati altre tre volte. (Foto: Elaine Olanda)

Dice, ad esempio, che il tasso di interesse sui titoli di stato statunitensi con scadenza a due anni è balzato di 17 punti base in pochi minuti.

Non credo sia il numero che la Fed sperava. Certamente mostra che l’inflazione non diminuirà immediatamente e supporta l’ipotesi che ci sia più lavoro per la banca centrale, per fare qualcosa al riguardo.

Danno la priorità all’inflazione rispetto alla crescita

Il numero di inflazione di martedì è anche una delle ultime cose che la banca centrale statunitense otterrà dai numeri macroeconomici statunitensi prima di prendere la prossima decisione sul tasso di interesse, che si terrà la prossima settimana.

Il mercato ritiene improbabile che la Fed faccia qualcosa di diverso da un triplo rialzo: secondo lo strumento FedWatch di CME Group, il mercato valuta circa l’88% di probabilità di un aumento del tasso di 0,75 punti percentuali.

Kjetil Olsen ritiene che i dati sull’inflazione di martedì rimuovano il dubbio che la Fed inventerà qualcosa di diverso da un nuovo triplo aumento la prossima settimana.

Handelsbanken Capital Markets ha scritto nel suo rapporto mattutino di martedì che, sebbene si preveda un leggero calo dell’inflazione complessiva negli Stati Uniti, il mercato sta ancora scontando i tassi di interesse che salgono al livello più alto di oltre il quattro percento nel 2023. .

I prezzi di mercato stanno aumentando di giorno in giorno. La retorica della Fed era chiara: privilegia l’inflazione rispetto alla crescita. Ciò significa che manterranno il tasso ufficiale in territorio ristretto, nonostante le deboli aspettative di crescita e una possibile recessione, fino a quando non vedranno chiari segnali che la pressione inflazionistica si è attenuata e si sta avvicinando all’obiettivo del 2%, ha scritto Handelsbanken.

Oggi, l’intervallo dei tassi di interesse della Fed è compreso tra il 2,25 e il 2,5 percento e Kjetil Olsen ritiene che questo dovrebbe aumentare di “alcuni punti percentuali”.

— prima che si prendano una pausa e si fermino il prima possibile, dice.

interromperà l’aumento di prezzo

L’obiettivo dell’aumento dei tassi di interesse è quello di interrompere la crescita dei prezzi, che ha raggiunto i livelli più alti degli ultimi decenni. Dietro l’aumento dei prezzi, tra le altre cose, c’è un mercato del lavoro forte e teso, che negli Stati Uniti è stato più forte del previsto per diversi mesi consecutivi.

Il tasso viene solitamente aumentato di 0,25 punti percentuali ogni volta, ma quest’estate la banca centrale statunitense ha deciso di farlo tripartito due volte. Nell’ultima settimana, anche la Banca centrale europea ha alzato i tassi di interesse in misura simile, dopo che l’inflazione nell’area dell’euro è cresciuta al 9,1 per cento ad agosto.

L’ambizione delle banche centrali è di rallentare l’economia con un aumento del 2% dei prezzi ed evitare un crollo.

Gli Stati Uniti hanno un problema leggermente diverso rispetto all’Europa. Non hanno la crisi energetica e la crisi del costo della vita che vedi in Europa, che sta facendo parte del lavoro di rallentamento dell’economia, dice Olsen.

Negli Stati Uniti, la banca centrale deve fare di più da sola. C’è ancora una politica monetaria in qualche modo di stimolo negli Stati Uniti come la vediamo, ei tassi di interesse non sono nemmeno molto alti. Come dice, pensiamo che la Fed pensi che dovrebbero stringere di più.

Prima dei dati sull’inflazione, martedì è stato pubblicato anche l’indice del sentiment statunitense.

L’indice è stato progettato dalla NFIB (National Federation of Independent Business) e misura il sentiment tra le piccole imprese americane. Secondo TDN, ha mostrato un leggero aumento da 88,9 punti di luglio a 91,8 punti di agosto.(Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando i link che portano direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o utilizzato in altro modo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.