Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I giornalisti del quotidiano online controllato dal Cremlino hanno pubblicato 20 questioni critiche sulla guerra – VG

Cerchiamo lavoro, avvocati e possibilmente asilo politico, scrivono i giornalisti responsabili degli articoli. Ora hanno lasciato la Russia.

Inserito:

Il quotidiano Internet russo Lenta.ru la notte prima di lunedì 9 maggio – il cosiddetto “Giorno della vittoria” in Russia – ha pubblicato 20 articoli molto critici sulla guerra e sul presidente del Paese Vladimir Putin.

Lunedì mattina gli articoli sono stati rimossi, ma sono ancora disponibili nell’archivio online Macchina del ritorno Che scarica e archivia pagine Web di grandi dimensioni più volte al giorno.

Tutti gli articoli iniziano con un messaggio:

Questo materiale non è stato concordato con l’amministrazione, e per la pubblicazione, l’amministrazione presidenziale distribuirà le stelle al giornale (ironia della sorte, il giornale finirà probabilmente nei guai, ndr), in altre parole: FATE SUBITO UNA DISMISSIONE DELLO SCHERMO , PRIMA che venga rimosso.

Lenta.ru È uno dei più grandi giornali online in Russia con 21 milioni di utenti mensili. Sberbank, che ha stretti rapporti con il Cremlino, è proprietaria del giornale.

VA DIFFICILE: “La guerra rende più facile coprire i fallimenti dell’economia. Putin deve andare. Ha acceso una guerra senza senso e ha spinto la Russia nell’abisso”.

Ecco alcuni dei titoli stampati sul quotidiano online di lunedì sera:

“Putin ha scatenato una delle guerre più sanguinose del 21° secolo”

“La guerra rende più facile nascondere i fallimenti dell’economia. Putin deve andarsene. Scatena una guerra insensata e spinge la Russia nell’abisso”

“Le autorità russe hanno impedito ai giornalisti di coprire i negativi”

“La Russia ha completamente distrutto Mariupol”

La Russia minaccia di distruggere il mondo intero.

READ  La Germania avverte di una presa di posizione più dura contro Cina e Russia

Vladimir Putin ha mentito sui piani della Russia in Ucraina

“Zelensky si è rivelato più figo di Putin”

“Vladimir Putin è diventato un dittatore patetico e paranoico”

La Russia lascia i corpi dei suoi soldati in Ucraina

Il Ministero della Difesa ha mentito ai parenti delle vittime dell’incrociatore “Mosca”.

I più stretti collaboratori di Putin volevano riportare la Russia indietro di 100 anni.

per attaccare Putin

Gli articoli descrivono, tra le altre cose, come ai giornalisti non fosse permesso usare parole come “separazione”, “guerra” e “riduzione del PIL”. Al contrario, è stato chiesto loro di usare “liberazione dal lavoro”, “processo speciale” e “crescita passiva”.

Gli autori dell’articolo hanno scritto: “Durante i suoi vent’anni al potere, Vladimir Putin ha distrutto tutte le istituzioni democratiche che i cittadini russi avevano lavorato così duramente per costruire dall’inizio della Russia moderna”.

Hanno anche pubblicato i dati delle autorità ucraine sul bilancio delle vittime dei soldati russi, molto più alto della cifra ufficiale russa.

Gli autori dell’articolo affermano che la guerra costa alla Russia 900 milioni di dollari ogni giorno.

I casi sono stati pubblicati la notte del 9 maggio, il Giorno della Vittoria in Russia. Ecco cosa ha detto Putin nel suo discorso più tardi quel giorno:

– Non hackerare

Uno dei numeri è stato firmato da due dipendenti di Lenta, Igor Polyakov e Alexandra Miroshnikova.

– Cerchiamo lavoro, avvocati e magari asilo politico per scrivere alla fine del caso.

Ringraziano anche una serie di celebrità che hanno apertamente criticato il Cremlino, la guerra e Putin, come il blogger Yuri Dodd, il leader dell’opposizione Alexei Navalny, il comico Maxim Galkin, l’autore Boris Akunin, l’oligarca Oleg Tinkov, il premio Nobel Dmitry Muratov e il dossier televisivo Alexander Nevzorov, milioni di russi che sono rimasti esseri umani.

READ  Si noti che c'erano bambini a teatro - VG

Igor Polyakov conferma al quotidiano russo medusa Sono dietro gli articoli.

– Questa non è pirateria. È una decisione consapevole di Sasja ed io, che è stata presa qualche tempo fa, ma non poteva essere attuata rapidamente. Per ora, non voglio condividere il motivo di ciò, dice.

Medusa ha citato anche un’altra fonte del quotidiano online, che ha confermato che non si trattava di pirateria. La stessa fonte afferma che Polyakov e Mirochenkova hanno curato casi già pubblicati.

Polyakov afferma che lui e Mirochenkova non sono in Russia e che è loro vietato eseguire Lenta.ru.

Né Lenta né il Cremlino hanno commentato gli articoli.